In tutta l'America, gli studenti sono tornati a scuola. Funziona, ma è strano.

In tutta l'America, gli studenti sono tornati a scuola. Funziona, ma è strano.

In una recente mattina di ottobre, l'insegnante di scienze sociali Randy Martin si è tirato indietro i capelli lunghi, si è sistemato la maschera e ha posto una domanda alla stanza piena di bambini di terza media mascherati di fronte a lui in un'aula nascosta tra le colline ai piedi delle montagne Sandia del New Mexico.

'Chi', ha detto, 'pensa che valga la pena tornare a scuola di persona?'

Sedici mani si sono alzate: la maggior parte della classe di 25 persone di Martin alla Desert Ridge Middle School di Albuquerque. La classe si è quindi lanciata in una lunga discussione sui meriti della scuola reale rispetto alla scuola virtuale - par per il corso in un 'lunedì moderno', un giorno che Martin mette sempre da parte per discutere di attualità.

Genitori e insegnanti: racconta al Post come sta andando il ritorno a scuola

In quel momento, Martin e i suoi studenti delle medie sembravano fiduciosi che il mondo dell'apprendimento virtuale fosse un mondo che si erano lasciati alle spalle. E per la stragrande maggioranza degli scolari americani in questo insolito anno accademico, è vero, almeno per ora.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

A più di un mese dall'inizio dell'anno scolastico 2021-2022, nonostante l'aumento dei casi di coronavirus e le aspre lotte politiche sui mandati di vaccini e maschere, la maggior parte degli scolari americani è tornata in classe. E mentre le battaglie politiche possono continuare, sembra che gli studenti siano lì per restare.

Il mese scorso, il segretario all'Istruzione Miguel Cardona ha testimoniato davanti al Congresso che il 96% delle scuole pubbliche ha riaperto per l'istruzione di persona. E la prima settimana di ottobre ha visto il minor numero di chiusure scolastiche a causa di epidemie di coronavirus - 38 - dall'inizio dell'anno scolastico, secondo Burbio, una società di monitoraggio dei dati. Molti distretti scolastici, tra cui, ad esempio, il più grande sistema della Virginia, le scuole pubbliche della contea di Fairfax, richiedono che tutti gli studenti frequentino le lezioni di persona, a meno che non possano dimostrare un'esigenza medica per l'istruzione a casa. E nei luoghi in cui le scuole offrono programmi virtuali, la maggior parte delle famiglie sta comunque optando per l'apprendimento faccia a faccia. In tutto, più di 50 milioni di bambini sono seduti nelle aule, molti dei quali per la prima volta in 18 mesi.

'La sicurezza era la via del ritorno, e la sicurezza è il modo per restare', ha affermato Randi Weingarten, presidente dell'American Federation of Teachers. Weingarten ha detto di aver visitato più di 40 scuole in 20 stati dall'inizio dell'anno accademico per verificare come stanno andando le cose.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'Nella scuola dopo la scuola in cui sono stato, ho visto bambini indossare maschere religiosamente, persone che cercavano di assicurarsi che le regole di distanza funzionassero, i sistemi di ventilazione venivano migliorati', ha detto Weingarten. 'In modo schiacciante, le persone vogliono essere a scuola'.

Con tutte le precauzioni di sicurezza, non è proprio il trionfante ritorno a scuola che gli educatori hanno sognato l'anno scorso e pianificato per l'estate. L'ascesa della variante delta del coronavirus, unita alla continua indisponibilità del vaccino per i bambini sotto i 12 anni, ha posto fine alle speranze di un ritorno alla versione pre-pandemia di una normale giornata scolastica.

Le intense lotte ideologiche su cosa e come gli educatori dovrebbero insegnare su razza, razzismo e storia americana hanno ulteriormente complicato il ritorno a scuola. Le legislature a guida repubblicana in almeno cinque stati hanno approvato leggi durante l'estate che limitano ciò che gli insegnanti possono dire sulla razza in classe, e le legislature di altri 17 stati stanno prendendo in considerazione leggi simili, secondo un conteggio di NBC News.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Le battaglie sull'uso delle mascherine scolastiche, sui mandati dei vaccini e su cosa e come gli educatori dovrebbero insegnare su razza, razzismo e storia americana hanno ulteriormente complicato il ritorno a scuola. Ed è improbabile che il conflitto sulle misure di sicurezza finisca presto, ora che i sistemi scolastici in molti luoghi stanno considerando di estendere i loro requisiti di vaccino dal personale agli studenti di età superiore ai 12 anni, una misura adottata dalla California questo mese, diventando così il primo stato a farlo.

Anche la quarantena è dannosa per l'apprendimento, dicono i genitori e gli educatori. Dall'inizio della scuola, centinaia di migliaia di studenti e dipendenti della scuola a livello nazionale sono stati costretti a entrare in periodi di quarantena di una o due settimane dopo essere entrati in contatto con bambini o dipendenti risultati positivi al virus. Il più recente guida federale raccomanda che le persone non vaccinate mettano in quarantena a casa per 14  giorni dopo l'esposizione, ma consente alle persone vaccinate di tornare a scuola non appena ricevono un test di coronavirus negativo.

Piani di back-to-school test di stress della variante Delta

Nella regione di Washington, decine di migliaia di bambini e insegnanti sono stati messi in quarantena durante il primo mese di scuola, compreso l'intero sesto anno in una scuola di Washington. Le scuole pubbliche della contea di Montgomery, il più grande distretto scolastico del Maryland, hanno mandato in quarantena più di 5.000 studenti in sole cinque settimane di lezione.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

All'inizio, molti genitori si sono lamentati che le loro scuole avevano fatto poco per prepararsi a educare gli studenti in quarantena. In risposta, i funzionari hanno lanciato programmi in cui i bambini in isolamento possono guardare i live streaming delle loro classi su Zoom. Tuttavia, alcune famiglie rimangono scontente di questa configurazione online, che in molti casi non consente agli studenti in quarantena di partecipare alle lezioni.

Martin, l'insegnante di scienze sociali, ha affermato che è stata una sfida garantire che gli studenti in isolamento non rimanessero indietro anche ad Albuquerque. Il suo distretto, le scuole pubbliche di Albuquerque, richiede che chiunque sia esposto al virus rimanga a casa per 10 giorni. Una portavoce del distretto, che conta circa 74.500 iscritti, ha affermato che circa 1.000 studenti e membri dello staff sono risultati positivi al virus da luglio.

A Desert Ridge Middle, circa 30 studenti hanno dovuto mettere in quarantena dall'inizio della scuola, hanno detto i funzionari. Cinque di questi erano nella classe di Martin, costringendo l'insegnante a fare affidamento su Google Classroom, una piattaforma di apprendimento online.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Non è stato facile. 'Ma sono fiducioso', ha detto Martin, 'che superare l'anno è assolutamente fattibile'.

Dan Domenech, direttore esecutivo dell'AASA, l'associazione dei sovrintendenti scolastici, ha affermato di sentire una determinazione simile a mantenere le aule aperte quando parla con insegnanti, presidi e sovrintendenti in tutto il paese. Ma ha avvertito che gli educatori non possono perdere di vista altri problemi incombenti, come affrontare il divario razziale e socioeconomico che si è ampliato drasticamente durante l'apprendimento online.

'Rispetto all'anno scorso? Assolutamente un successo', ha detto Domenech dell'anno scolastico finora. “Rispetto a quello che definiremmo 'normale'? È ancora un problema, e lo sarà per la parte migliore di quest'anno'.

Inciampi precoci

I singhiozzi di quest'autunno sono arrivati ​​in ogni area della vita scolastica, dal percorso giornaliero dell'autobus, all'aula, al modo in cui studenti e insegnanti consumano i pasti.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

All'inizio dell'anno, molti distretti hanno faticato a trovare abbastanza autisti di autobus, addetti alla mensa e supplenti. Queste posizioni, tipicamente ricoperte da lavoratori part-time, comportano spesso una retribuzione inferiore e orari insoliti e imprevedibili. Molti dipendenti di questa categoria si sono dimessi o non si sono presentati al lavoro questo autunno, alcuni scoraggiati dalla paura del virus o, in altri luoghi, dal timore di un mandato di vaccino.

I distretti scolastici hanno cercato alternative. I funzionari di Filadelfia hanno offerto ai genitori $ 300 al mese per accompagnare i figli a scuola, mentre New York ha iniziato a velocizzare le domande di patente di guida degli autobus. In Massachusetts, il governatore Charlie Baker (R) ha chiamato la Guardia Nazionale per accompagnare i bambini a scuola.

Bentornato a scuola. Il tuo nuovo autista indossa una tuta da lavoro.

A Kansas City, Mo., una carenza di autisti di autobus ha fatto sì che gli studenti della Crossroads Preparatory Academy, una delle 20 scuole charter pubbliche della città, siano rimasti bloccati all'inizio dell'autunno. Anche se la scuola termina alle 14:45, alcuni studenti di Crossroads Preparatory spesso aspettavano fino alle 17:30. per gli autobus per arrivare e portarli a casa, ha detto il preside Kirsten Brown-Persley.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'I genitori stavano diventando così frustrati', ha detto Brown-Persley. 'Mi chiamavano e si lamentavano del fatto che i loro bambini tornassero a casa così tardi'.

Il vicino distretto scolastico di Kansas City ha dovuto affrontare problemi di autobus simili nelle sue 33 scuole, ha detto una portavoce, così come il distretto scolastico di Raytown, dove gli amministratori a un certo punto hanno inviato un'e-mail alle famiglie avvertendo che lo scuolabus potrebbe non presentarsi.

Le lacune nel personale si sono ridotte, poi si sono chiuse, dopo che i funzionari della scuola dell'area di Kansas City hanno aumentato la paga degli autisti di autobus, in alcuni luoghi a 18 dollari l'ora. A partire da ottobre, le linee di autobus funzionano in orario per la maggior parte dei servizi pubblici e charter nell'area, hanno affermato i funzionari.

Ma una volta che gli studenti arrivano a scuola, sorgono nuovi problemi.

Le mense scolastiche stanno esaurendo tutti i tipi di cibo, compresa la frutta, pollo a dadini e patatine confezionate , poiché la pandemia continua a interrompere le catene di approvvigionamento globali. Inoltre, studenti e insegnanti devono fare i conti con ulteriori restrizioni di sicurezza, dato che devono rimuovere le maschere per mangiare.

Questo ha portato a una bizzarra esperienza culinaria. Gli studenti masticano dietro il plexiglass o nei posti assegnati, a volte mentre sono soggetti a una regola di non parlare intesa a ridurre al minimo la dispersione dei germi nell'aria. In una scuola nella capitale della nazione, i genitori si sono offerti volontari per guardare i bambini durante i pasti, solo così i bambini potevano mangiare fuori.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Al Crossroads Preparatory nel centro di Kansas City, il personale a volte aiuta i venditori a distribuire pranzi al sacco o al sacco in 10 diversi siti in tutto l'edificio di cinque piani. Gli insegnanti quindi rinunciano alla pausa pranzo per monitorare gli studenti mentre mangiano.

Victoria Bagalwa, una studentessa del secondo anno di 15 anni della scuola, ha detto che le piace avere insegnanti intorno durante il pranzo, disponibili per conversazioni casuali. È un cambiamento rinfrescante rispetto allo scorso anno e mezzo, ha detto, quando le lezioni erano online e gli insegnanti erano ridotti a rettangoli pixelati su uno schermo.

Tuttavia, Bagalwa si sente male.

'L'insegnante dovrebbe prendersi una pausa', ha detto Bagalwa. 'Ti senti un peso per loro.'

Kristin Pfeiffer, che insegna geometria e algebra al Crossroads Preparatory, ha affermato che l'anno è stato faticoso mentalmente e fisicamente. Spesso ha dovuto intervenire e guidare le classi di altri insegnanti perché erano malati, ha detto. Ciò ha significato lavorare durante il suo periodo di pianificazione, il tempo che dovrebbe utilizzare per valutare i compiti e preparare le lezioni.

Normalmente, un sostituto si assumerebbe questa responsabilità, ma la scuola ha faticato ad assumere sostituti e autisti di autobus.

'Non è l'aiutare che è difficile', ha detto Pfeiffer. “È ‘essere accesi’ il 100% del tempo per i bambini. È che non hai 10 minuti per te stesso'.

Crossroads Preparatory ha recentemente aumentato la sua paga per i sostituti da $ 100 a $ 120 al giorno. E il cambiamento sembra aiutare.

'Li stiamo riempiendo dalla scorsa settimana', ha detto Brown-Persley delle posizioni sostitutive. 'Stiamo trattenendo il respiro e speriamo che rimanga'.

'I bambini lo capiscono'

Maurice Barker, 10 anni, ha detto che il tempo scorre diversamente quest'anno nella sua scuola elementare a Middletown, Connecticut.

Per la maggior parte della terza e quarta elementare Maurice, come la stragrande maggioranza dei circa 4.500 studenti delle scuole pubbliche di Middletown, ha imparato online. La giornata è passata, ha detto, mentre si occupava delle interruzioni di Internet.

Ora, imparando di persona alla Bielefield Elementary School, 'sembra molto più veloce', ha detto. “Il tempo passa più velocemente.”

Maurice ama la sua ritrovata capacità di entrare nella biblioteca della sua classe di quinta elementare, prendere un libro e sedersi per leggerlo, proprio lì. Ciò non era possibile su Zoom, ha affermato Barker, il cui libro preferito attualmente è 'The Odd 1s Out' di James Rallison.

Barker, come tutti gli studenti di Middletown, deve tenere la maschera addosso tranne durante la ricreazione e l'educazione fisica, mentre mangia o quando suona uno strumento a fiato durante le lezioni di musica. Non gli piace, ha detto, ma è disposto a indossare la maschera perché lo terrà al sicuro.

La preside di Bielefield Kristie Bourdoulou ha affermato che l'anno ha posto delle sfide, tra cui abituare tutti ai controlli giornalieri della temperatura e garantire che gli studenti siano collocati abbastanza distanti nelle aule. Ma le precauzioni di sicurezza della sua scuola stanno funzionando, ha detto. Il sistema scolastico di Middletown ha visto solo 26 studenti e sei membri dello staff risultare positivi al virus dall'inizio della scuola, mentre 69 studenti e sette membri dello staff sono entrati in quarantena.

“Gli studenti, direi, si sono adattati. Il personale si è adattato', ha detto Bourdoulou. “Tutti i nostri ragazzi sono tornati. Sono qui e sono felici'.

Middletown è uno dei tanti luoghi in cui precauzioni come i requisiti per le mascherine scolastiche hanno suscitato poca ira e non hanno causato rughe durante la riapertura. Ma lo stesso non è vero per diversi stati del sud, dove le legislature dominate dai repubblicani hanno tentato di impedire alle scuole di far rispettare i mandati delle maschere minacciando multe o un calo dei finanziamenti statali.

'Puoi vedere una storia di due paesi nelle riaperture delle scuole', ha detto Weingarten della federazione degli insegnanti. “Vedi l'impegno per la sicurezza nel nord e nell'ovest. Al Sud, quella che hai visto è una battaglia ideologica».

Due distretti scolastici e due approcci radicalmente diversi alla gestione della pandemia

La Carolina del Sud è uno degli stati in cui la battaglia infuria più accanita. Prima dell'anno scolastico, il legislatore ha approvato una clausola di bilancio che afferma che nessun fondo statale potrebbe essere utilizzato per far rispettare i mandati delle maschere, mentre il governatore Henry McMaster (R) ha denunciato i rivestimenti per il viso nelle scuole.

Ma nel giro di poche settimane dalla riapertura delle scuole, molte hanno dovuto chiudere di nuovo a causa degli alti tassi di infezione e dei numeri di quarantena, il che illustra una recente scoperta dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie secondo cui i casi di virus pediatrici sono aumentati più rapidamente nelle contee senza obbligo di mascherine scolastiche. Alla fine di settembre, un giudice federale ha annullato il divieto della Carolina del Sud sui mandati di mascherine.

Poco dopo, il secondo più grande sistema scolastico della Carolina del Sud, il distretto scolastico della contea di Charleston, ha iniziato a richiedere mascherine per studenti e personale. Dall'inizio dell'anno, il distretto, che conta circa 48.000 iscritti, il 99% dei quali studia di persona, ha visto più di 8.000 studenti e dipendenti entrare in quarantena. A partire dalla prima settimana di ottobre, quel numero è sceso a circa 500.

Millibeth Currie, un'insegnante di scienze di seconda media presso la Moultrie Middle School della contea di Charleston, ha affermato di aver visto 'molta ostilità tra i nostri genitori con la cosa della maschera', che è stata difficile da sopportare. La sovrintendente Gerrita Postlewait ha affermato che le emozioni sono aumentate nel suo distretto, facendo sì che insegnanti e dipendenti scolastici 'diventino bersagli per le frustrazioni che le persone provano'.

Currie ha detto che le sue interazioni con gli studenti l'hanno sostenuta per un paio di settimane difficili. Molti bambini le hanno chiesto perché devono indossare di nuovo le mascherine a scuola. Ma quando spiega che le maschere sono necessarie per farli imparare di persona, i loro 'occhi si illuminano', ha detto.

'Dicono, 'Oh sì, ho fatto orribile quando sono rimasto a casa'', ha detto Currie. 'I bambini - lo capiscono.'

Tra gli studenti che hanno accettato le mascherine c'è Sophie Compton, 11 anni, che frequenta la scuola elementare a Charleston.

Sophie ha detto che ama essere a scuola quest'anno e si sente al sicuro lì. Indossare una maschera non la disturba.

Tuttavia, la prima media a volte sogna ad occhi aperti com'era la scuola prima della pandemia, quando era in quarta elementare.

'A volte mi chiedo semplicemente: 'Quando finirà?' ', ha detto Sophie. “So che prima o poi finirà. Ma non solo adesso'.

Correzione: una versione precedente di questa storia diceva erroneamente che l'Alta corte della Carolina del Sud ha dichiarato costituzionali i mandati della maschera alla fine di settembre. Un giudice federale della Carolina del Sud ha annullato il divieto dello stato sui mandati di mascherine. Inoltre, una versione precedente di questa storia diceva che è attualmente l'anno scolastico 2020-2021. È l'anno scolastico 2021-2022. L'articolo è stato corretto.

Natanson ha riferito da D.C.,
Mueller di Kansas City, Mo., e Burkholder di Middletown, Conn. Ben Ikenson ad Albuquerque e Stephanie Hunt a Charleston, S.C., hanno contribuito a questo rapporto.