Betsy DeVos si dimette da segretario all'istruzione, citando il ruolo di Trump nella rivolta

Betsy DeVos si dimette da segretario all'istruzione, citando il ruolo di Trump nella rivolta

Il segretario all'istruzione Betsy DeVos, uno dei membri del gabinetto più longevo e fedeli del presidente Trump e anche uno dei più controversi, ha presentato le sue dimissioni giovedì, citando il ruolo del presidente nella rivolta a Capitol Hill.

'Non c'è dubbio sull'impatto che la tua retorica ha avuto sulla situazione, ed è il punto di svolta per me', ha scritto in una lettera al presidente Trump. Il comportamento dei 'dimostranti violenti che hanno invaso il Campidoglio degli Stati Uniti' era 'irragionevole', ha scritto.

“I bambini impressionanti stanno guardando tutto questo e stanno imparando da noi. Credo che ognuno di noi abbia l'obbligo morale di esercitare il buon senso e modellare il comportamento che speriamo che emulino', ha scritto. 'Devono sapere da noi che l'America è più grande di quanto accaduto ieri'.

La storia continua sotto la pubblicità

Ha detto che le sue dimissioni sono effettive da venerdì. Le dimissioni, ha detto, erano 'a sostegno del giuramento che ho fatto alla nostra Costituzione, al nostro popolo e alle nostre libertà'.

Leggi la lettera di dimissioni del segretario all'istruzione Betsy DeVos

Raramente DeVos ha detto qualcosa che potrebbe essere letta come una critica a Trump. Negli ultimi giorni, tuttavia, anche se Trump ha contestato i risultati delle elezioni, DeVos ha riconosciuto pubblicamente che il presidente eletto Joe Biden lo aveva sconfitto.

Si è unita a molti altri funzionari dell'amministrazione Trump che si sono dimessi con meno di due settimane dalla fine del suo mandato, per protestare contro le violenze di mercoledì.

All'inizio della giornata, Elaine Chao - che è sposata con il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell (R-Ky.) - si è dimessa da segretaria dei trasporti, dicendo che era 'profondamente turbata' da quello che era successo al Campidoglio. Inoltre, Mick Mulvaney ha lasciato il suo lavoro come inviato speciale degli Stati Uniti per l'Irlanda del Nord.

La storia continua sotto la pubblicità

Venerdì mattina, DeVos ha inviato un messaggio di addio via e-mail al personale del Dipartimento dell'Istruzione, che non ha avuto alcuna notizia anticipata delle sue dimissioni. 'È stato un privilegio servire gli studenti americani insieme a te', ha scritto.

DeVos è stata segretaria per quasi l'intero mandato di Trump, mantenendo il suo lavoro anche quando una serie di altri alti funzionari se ne sono andati o sono stati espulsi. Era fieramente leale. L'anno scorso, ad esempio, ha trascorso tre giorni a difendere la proposta di tagli ai finanziamenti per le Olimpiadi Speciali su cui la Casa Bianca aveva insistito, e poi ha guardato Trump annunciare che stava ripristinando i finanziamenti.

'Qualcuno può tirare Betsy da sotto l'autobus?' ha chiesto il rappresentante Mark Pocan (D-Wis.).

La storia continua sotto la pubblicità

Durante il suo mandato, DeVos è stata ferocemente osteggiata, e persino odiata, da molti democratici, che hanno affermato che non era adatta per la posizione in primo luogo e si preoccupava più di sostenere le scuole private che l'istruzione pubblica. La sua difficoltà a rispondere alle domande sotto pressione, a partire dalla sua udienza di conferma al Senato, ha cementato il suo posto per molti come non qualificato. Il vicepresidente Mike Pence ha dovuto rompere un voto di parità al Senato per confermarla.

Anni dopo, DeVos è rimasta un punto di riferimento a sinistra, con i democratici che invocavano il suo nome mentre facevano campagna per la carica. È stata anche oggetto di minacce e ha richiesto protezione dai marescialli statunitensi, la prima volta per un segretario all'istruzione.

Gli avversari le hanno dato poco o nessun merito per aver preso posizione con le sue dimissioni.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'Buona liberazione', è stata la dichiarazione di due parole rilasciata da Randi Weingarten, presidente dell'American Federation of Teachers.

'Indipendentemente dalle sue azioni negli ultimi giorni di questa disastrosa presidenza, Betsy DeVos sarà considerata una delle peggiori segretarie dell'istruzione della storia', ha affermato Kelly Gonez, presidente del consiglio di amministrazione del distretto scolastico unificato di Los Angeles.

Alcuni critici di DeVos hanno messo in dubbio la sincerità delle sue dimissioni, dicendo che avrebbe dovuto restare e sostenere uno sforzo per estromettere Trump attraverso le procedure stabilite nel 25esimo emendamento alla Costituzione. “Betsy DeVos non ha mai fatto il suo lavoro per aiutare gli studenti americani. Non mi sorprende affatto che preferisca smettere piuttosto che fare il suo lavoro per aiutare a invocare il 25° emendamento', la senatrice Elizabeth Warren (D.-Mass.) detto su Twitter .

La storia continua sotto la pubblicità

Ma Jeanne Allen, amministratore delegato del Center for Education Reform, un forte sostenitore delle politiche di scelta scolastica, ha lodato la sua decisione e il suo mandato.

'Molti l'hanno criticata, alcuni vomitano odio, alcuni non saranno d'accordo, ma molti hanno apprezzato la sua difesa per dare scelte a genitori e figli', ha scritto Allen su Twitter. “Non ha mai denigrato o maltrattato nessuno nonostante gli attacchi”.

Milionaria, DeVos non aveva mai ricoperto cariche pubbliche prima di essere nominata, sebbene avesse lavorato nella politica repubblicana nel Michigan e avesse lavorato a livello nazionale per promuovere iniziative di scelta scolastica, la causa della sua vita.

Ha usato il suo incarico per promuovere la scelta della scuola, l'uso dei dollari dei contribuenti per sostenere alternative alla scuola pubblica tradizionale come le charter school e i voucher scolastici. Quell'agenda non è andata molto lontano a livello federale, ma i sostenitori affermano che la sua difesa ha portato all'azione in diversi stati.

La storia continua sotto la pubblicità

'Abbiamo innescato una conversazione nazionale sull'affidare a studenti e genitori la responsabilità dell'istruzione, portando a una scelta più ampia della scuola e alla libertà di istruzione in molti stati', ha scritto DeVos nella sua lettera.

Si è anche unita a Trump questa estate per spingere le scuole a riaprire per le lezioni di persona durante la pandemia. Nella sua lettera, ha detto che la storia dimostrerà che era la chiamata giusta.

Betsy DeVos raddoppia la sua agenda educativa durante la pandemia

DeVos ha anche suscitato polemiche nel respingere molte iniziative per i diritti civili dell'amministrazione Obama, come le protezioni per gli studenti transgender. Un regolamento che dà più diritti agli studenti accusati di molestie sessuali e aggressioni è stato lodato da alcuni ma attaccato da altri, e Biden ha promesso di svelarlo.

La storia continua sotto la pubblicità

DeVos ha attirato l'ira dei gruppi di difesa per aver ribaltato i regolamenti dell'era Obama per proteggere gli studenti universitari dai cattivi attori dell'industria universitaria a scopo di lucro. Ha trascorso i primi mesi del suo mandato rifiutandosi di elaborare le domande di cancellazione del debito studentesco da parte di mutuatari truffati e di implementare regole per rendere più facile per loro ottenere il condono del prestito.

La sua sfida ha portato dozzine di procuratori generali dello stato a citare in giudizio DeVos e il dipartimento. I casi hanno continuato a crescere mentre DeVos ha proceduto ad annullare le normative sulla protezione dei consumatori.

Danielle Douglas-Gabriel ha contribuito a questo rapporto.