L'amministrazione Biden annulla la regola DeVos che limita l'autorità statale sulle società di prestito studentesco

L'amministrazione Biden annulla la regola DeVos che limita l'autorità statale sulle società di prestito studentesco

Il Dipartimento dell'Istruzione lunedì ha cancellato una politica dell'era Trump di proteggere le aziende che gestiscono il suo portafoglio di prestiti agli studenti da 1,5 trilioni di dollari dalla regolamentazione statale.

Invece, il dipartimento sta incoraggiando gli stati a collaborare con l'agenzia federale per proteggere i mutuatari e ritenere responsabili i gestori dei prestiti. L'agenzia ha emesso una guida che chiarisce che, sebbene in alcuni casi la legge federale prevenga la regolamentazione statale, gli stati possono perseguire i servicer per pratiche ingannevoli, errori di pagamento e altre questioni relative alla protezione dei consumatori.

Il dipartimento dell'istruzione apre la porta alle società di prestito studentesco per ignorare l'autorità statale

'Un'efficace collaborazione tra gli stati e il governo federale è il modo migliore per garantire che i mutuatari di prestiti agli studenti ottengano il miglior servizio possibile', ha affermato lunedì il segretario all'istruzione Miguel Cardona. 'Accogliamo con favore il contributo del pubblico su questa interpretazione e non vediamo l'ora di migliorare le tutele dei consumatori per i mutuatari di prestiti agli studenti, chiarendo la relazione tra la legge federale e quella statale su questo tema'.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

La posizione di Cardona è una partenza dal suo predecessore Betsy DeVos, che ha sostenuto i servizi di prestito studentesco nel loro sforzo di evitare quello che hanno chiamato un labirinto normativo di leggi statali e federali.

Dal 2014, gli stati sono intervenuti per colmare quello che molti vedono come un vuoto nella supervisione federale dei servizi di prestito studentesco. Il Maryland e la Virginia sono tra una dozzina di stati che hanno stabilito una carta dei diritti del mutuatario con standard minimi per l'elaborazione tempestiva dei pagamenti, la correzione degli errori e la comunicazione.

Le misure richiedono alle aziende di produrre informazioni periodiche sulle loro attività commerciali che potrebbero essere utilizzate per identificare guasti nel servizio. Circa un'altra dozzina di stati sono sulla buona strada per approvare leggi simili entro la fine di quest'anno, secondo il Centro di protezione del mutuatario studentesco .

La storia continua sotto la pubblicità

'Gli Stati hanno a lungo svolto un ruolo fondamentale nella supervisione dell'istruzione superiore e sono stati in prima linea nella protezione dei mutuatari degli studenti da frodi e abusi', ha dichiarato lunedì il procuratore generale del Massachusetts Maura Healey. “Applaudiamo il segretario Cardona per aver respinto la precedente interpretazione che rappresentava in modo inaccurato l'autorità degli stati e incoraggiava i cattivi attori. I nostri residenti meritano una forte partnership con lo stato federale”.

I gruppi di servizi hanno definito fuorvianti le campagne statali per una maggiore supervisione della loro industria e hanno accusato alcuni stati di imporre onerosi requisiti di licenza.

La California e il Connecticut, ad esempio, richiedono ai servicer di ottenere una licenza per operare all'interno dei loro confini come un modo per portare le società sotto la loro competenza normativa. Le loro agenzie locali hanno l'autorità di monitorare la conformità dei gestori di prestiti alle leggi federali, indagare sul loro comportamento e riferire i casi al procuratore generale.

La storia continua sotto la pubblicità

I gruppi industriali hanno affermato che il regolamento aggiuntivo aumenta il costo delle attività commerciali a scapito dei mutuatari e mina la legge federale, una posizione con cui concordano i legislatori repubblicani.

La rappresentante Virginia Foxx (NC), il massimo repubblicano del Comitato per l'istruzione della Camera, ha affermato che la decisione di Cardona di consentire agli stati di interferire nel programma federale di prestiti agli studenti avrà 'conseguenze disastrose' per i mutuatari e 'sarà ricordata come un fallimento spettacolare. '

'Costringere [i gestori di prestiti studenteschi federali] a servire dozzine di governi statali che contraddicono le regole federali creerà confusione tra i mutuatari e peggiorerà l'esperienza di rimborso dei mutuatari', ha detto lunedì Foxx. 'L'incompetenza burocratica del dipartimento, combinata con i difetti di progettazione intrinseci nella legge sull'istruzione superiore, sono le ragioni per cui i mutuatari rimangono indietro'.

La storia continua sotto la pubblicità

I gruppi di consumatori affermano che i repubblicani stanno cercando di proteggere i prestatori di servizi a spese dei mutuatari, ma concordano sul fatto che il Dipartimento dell'Istruzione ha storicamente svolto un pessimo lavoro nel gestire il proprio portafoglio di prestiti. E questo, dicono, è una ragione in più per cui è necessaria la supervisione dello stato.

'Stando fianco a fianco con la comunità statale per la protezione dei consumatori, il presidente Biden ha l'opportunità di porre fine all'illegalità di molti nel settore dei prestiti agli studenti e chiarire che non sarà tollerato', ha affermato Seth Frotman, direttore esecutivo del Centro di protezione del mutuatario studentesco.

Il cane da guardia fa esplodere il dipartimento dell'istruzione per la supervisione sciatta degli appaltatori del servizio di prestito

Le autorità statali e federali hanno ricevuto migliaia di denunce su servicer che hanno smarrito documenti, fornendo informazioni incoerenti o addebitando commissioni impreviste. Il Consumer Financial Protection Bureau ha accusato alcune aziende di portare i mutuatari in default con la riscossione e l'applicazione dei pagamenti sciatti.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

I critici affermano che il Dipartimento dell'Istruzione ha fatto poco per frenare i servizi scadenti, un'accusa che si è intensificata sotto DeVos. Ha attirato critiche nel marzo 2018, quando il dipartimento ha emesso una guida sostenendo che la regolamentazione statale dei prestiti studenteschi federali 'impedisce gli interessi esclusivamente federali'.

Il tribunale stabilisce che le società di prestito studentesco sono soggette alle leggi statali sui consumatori, contrariamente alla posizione dell'amministrazione Trump

Great Lakes Educational Loan Services ha utilizzato la guida per sostenere i tentativi di archiviare le cause legali dei mutuatari. Sebbene il gestore del prestito studentesco avesse inizialmente avuto successo, le corti d'appello hanno respinto la posizione affermata in due casi. Dan Zibel, che ha discusso i casi dei mutuatari, ha affermato che la sostituzione della guida DeVos 'apre la porta a una maggiore supervisione dei servicer che hanno sfruttato l'avviso in tribunale per eludere la responsabilità'.

Zibel, capo consigliere della National Student Legal Defense Network, ha affermato di sperare che la decisione del dipartimento segnali che si sta 'muovendo rapidamente verso l'espansione della responsabilità attraverso il prestito agli studenti e una migliore protezione dei mutuatari degli studenti dalle frodi, specialmente durante la nostra ripresa dalla pandemia'.