Chadwick Boseman ha elogiato i manifestanti studenteschi nel discorso di inizio 2018 alla Howard University. Guarda il video.

Chadwick Boseman ha elogiato i manifestanti studenteschi nel discorso di inizio 2018 alla Howard University. Guarda il video.

Due anni fa, Chadwick Boseman è tornato alla sua alma mater, la Howard University, per tenere il discorso principale alla storica 150esima cerimonia di inaugurazione della scuola. Lì, ha elogiato i manifestanti studenteschi che avevano preso posizione un mese prima e ha detto ai laureati di trovare uno scopo nella loro vita e non semplicemente un lavoro.

Boseman, l'acclamato attore che ha avuto un impatto globale con la sua interpretazione di T'Challa in 'Black Panther', è morto venerdì di cancro al colon all'età di 43 anni. Stava già combattendo contro il cancro quando ha pronunciato il discorso.

'Quando decidi i prossimi passi, i prossimi lavori, le prossime carriere, l'ulteriore istruzione, dovresti trovare uno scopo piuttosto che un lavoro o una carriera', ha detto ai laureati. “Lo scopo attraversa le discipline. Lo scopo è un elemento essenziale di te. È il motivo per cui sei sul pianeta in questo particolare momento della storia'.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Durante il suo discorso, ha discusso di un'acquisizione da parte di studenti di nove giorni dell'edificio principale dell'amministrazione, noto come Edificio A, avvenuta un mese prima. Le proteste alla storica università nera nel nord-ovest di Washington sono state scatenate da uno scandalo di aiuti finanziari in cui alcuni dipendenti avrebbero preso denaro destinato a studenti bisognosi. Sei dipendenti sono stati licenziati. Gli studenti hanno avanzato una serie di richieste, tra cui una maggiore trasparenza sulle finanze universitarie, un alloggio garantito e un cambiamento nel modo in cui l'università ha risposto alle aggressioni sessuali nel campus.

“Molti di voi lasceranno Howard ed entreranno in sistemi e istituzioni che hanno una storia di discriminazione ed emarginazione. Il fatto che tu abbia lottato con questa università che amavi è un segno che puoi usare la tua istruzione per migliorare il mondo in cui stai entrando”.

In quello che sembra il suo ultimo tweet su Twitter, ha condiviso una sua foto con il senatore Kamala D. Harris (D-Calif.), il candidato alla vicepresidenza del Partito Democratico e anche laureato di Howard, a un evento Freedom for Immigrants .

Guarda il suo discorso di inaugurazione del 2018 e/o leggi la seguente trascrizione:

Ecco la trascrizione:

È un grande privilegio, laureati, rivolgersi a te nel tuo giorno, un giorno che segna uno dei traguardi più importanti della tua vita fino ad oggi. Questo è un luogo magico, un luogo dove le dinamiche del positivo e del negativo sembrano esistere all'estremo. Ricordo di aver attraversato questo cortile in quello che sembrava essere un giorno casuale, la testa bassa persa nel mio mondo di problemi come molti di voi fanno ogni giorno. Sono quasi al centro del cortile. Ho alzato la testa e Muhammad Ali stava camminando verso di me. Il tempo sembrava rallentare mentre i suoi occhi si fissavano nei miei e si spalancavano. Alzò il pugno verso una guardia per eccellenza. Ero pronto a giocare con lui, a comportarmi come se fossi un degno avversario. Che onore essere sfidato dalla capra, la più grande di tutti i tempi per un breve momento. Il suo viso era serio come se fossi Frazier nel Thrilla di Manila. I suoi movimenti erano lampi di un percorso più grande di quanto possa immaginare. La sua sicurezza lasciò che lo scherzo continuasse per un secondo prima che lo accompagnassero via, e io me ne andai fluttuando come una farfalla. Me ne andai divertito con lui, divertito con me stesso, divertito dalla vita per questo momento che quasi nessuno avrebbe mai creduto. Sono andato via leggero e pronto a conquistare il mondo. Questa è la magia di questo posto. Quasi tutto può succedere qui. HU! Sai! Howard University, stavo cavalcando qui e ho sentito alla radio che qualcuno l'ha chiamata Wakanda University. Ma ha molti nomi, la Mecca, Hilltop. Ci vuole solo un'ora, un tour del campus fisico per capire perché lo chiamiamo Hilltop. Ogni giorno è il giorno delle gambe qui. Ecco perché alcuni di voi hanno automobili. Durante i miei anni da junior e senior, ho vissuto in una casa fuori dal campus a Bryant Street. Per quelli di voi... Esatto, Brian Street. Per quelli di voi che non sanno cosa significa che è in fondo alla collina dove la pendenza diventa reale. Quasi ogni giorno percorrevo l'intera lunghezza della collina fino alle Belle Arti, dove erano la maggior parte delle mie lezioni, portando tutti i miei libri, perché una volta che hai camminato così lontano a piedi, non torni a casa finché non è ora di tornare a casa per Buona. Ma al di là del campus fisico, l'Hilltop rappresenta il culmine del viaggio intellettuale e spirituale che hai subito mentre eri qui. Stai scalando questa china accademica da almeno tre o quattro anni. Per alcuni di voi, forse anche un po' di più. Durante i tempi antichi, le istituzioni di apprendimento sono state costruite in cima alle colline per trasmettere che è necessaria una grande lotta per raggiungere i gradi di illuminazione. Ognuno di voi ha avuto le proprie difficoltà con la collina. Per alcuni di voi, la sfida era in realtà accademica. Quando senti le parole magna cum laude, Cum Laude, sai che non sei tu. Non sei tu. Hai lavorato sodo. Hai fatto del tuo meglio, ma non hai preso A o B, a volte C. Non hai mai fatto la lista del preside, ma va bene così. Sei qui in cima alla collina. Voglio dire qualcosa al riguardo. Sai, a volte i tuoi voti non danno una reale indicazione di quale potrebbe essere la tua grandezza. Quindi va davvero bene. Per altri era finanziario. Tu e la tua famiglia avete lottato per far quadrare i conti. Ogni semestre della tua immatricolazione, dovevi stare in una fila per arrivare a un'altra linea, per arrivare a un'altra fila per qualcuno che potesse aiutarti. Hai dovuto fare un lavoro extra o due, ma sei qui. Per molti di voi, non tutti, ma molti di voi, la lotta più dura è stata sociale. Alcuni di voi non si sono mai adattati. Non siete mai stati così fighi e popolari come avreste voluto essere e questo vi dà fastidio. Quindi le tue lotte sociali qui sono diventate psicologiche. Anche se sei arrivato in cima alla collina, hai portato con te il bagaglio del rifiuto, ma sei qui. Alcuni di voi hanno vissuto qualcosa di traumatico. Sei arrivato in cima alla collina, ma non senza cicatrici e lividi. Alcuni di voi si adattano troppo. Eri in giardino a rappare nella tua confraternita quando avresti dovuto essere in classe. Oppure sei rimasto coinvolto nella vita da festa di Washington. So com'è. Voglio dire, siamo proprio qui nel mezzo della città. A volte ti dimenticavi di essere a scuola. Probabilmente avresti potuto laurearti con lode, ma invece stai ottenendo una laurea 'Oh sì' oggi. Oh sì, ho classe. Oh sì, ho quel foglio da consegnare. Oh sì, ho una finale. Eri letteralmente troppo figo per la scuola. Hai aspettato fino all'ultimo minuto per fare del tuo meglio ed è un miracolo che tu sia riuscito a risalire la collina perché porti il ​​bagaglio di troppa accettazione. La maggior parte di voi che vi siete laureati qui oggi ha lottato contro uno o più degli impedimenti o ostacoli che ho menzionato per raggiungere la cima di questa collina. Quando si compie una lunga salita si provano dapprima vertigini, disorientamento e fiato corto a causa dell'alta quota, ma una volta che ci si abitua alla salita la mente si apre alla tranquillità del trionfo. Spesso la mente è inondata di realizzazioni che, per qualche ragione, erano più difficili da raggiungere quando eri a un'altitudine inferiore. In questo momento, la maggior parte di voi ha bisogno di alcune realizzazioni perché in questo momento avete alcune grandi decisioni da prendere. In questo momento ti esorto nel tuo respiro, nei tuoi occhi, nella tua coscienza, a investire nell'importanza di questo momento e ad amarlo. So che alcuni di voi potrebbero aver festeggiato ieri sera. Dovresti, dovresti festeggiare, ma anche questo momento fa parte di quella celebrazione. Quindi assapora il gusto dei tuoi trionfi oggi. Non limitarti a ingoiare il momento intero senza digerire ciò che è realmente accaduto qui. Guarda ciò che hai conquistato e apprezza ciò che Dio ti ha portato attraverso. Alcuni di voi qui hanno lottato contro l'università stessa. Quest'anno, gli studenti hanno protestato e si sono impossessati dell'edificio A, hanno formulato un elenco di richieste e hanno negoziato con il nostro presidente e l'amministrazione per determinare la direzione della nostra istituzione. È impressionante. Allo stesso modo, durante i miei anni qui a Howard, abbiamo anche protestato e preso in consegna l'edificio A per preservare l'allume di Howard, al fine di preservare gli stanziamenti annuali di Howard dal Congresso. Il presidente H. Patrick Swygert ha deciso di ridurre il numero di college dell'università. Secondo il suo piano, l'ingegneria avrebbe dovuto fondersi con l'architettura. L'infermieristica si fonderebbe con la salute e le belle arti, la mia scuola sarà assorbita dalle arti e dalle scienze. Così lo vedevamo, assorbiti. Per molti di noi nelle belle arti, questo ci ha segnalato che i nostri curricula, tutti i curricula degli studenti che ci seguono potrebbero diventare concentrazioni annacquate. Questo ha minato l'eredità stessa di cui eravamo orgogliosi di far parte e che volevamo continuare. Il programma di belle arti aveva prodotto Phylicia Rashad, Debbie Allen, Isaiah Washington, Richard Wesley, Donny Hathaway, Roberta Flack, solo per citarne alcuni. Abbiamo sentito che... Sì, sì. Potresti andare avanti e avanti. Puoi andare avanti e avanti. Puoi andare avanti e avanti. Sentivamo di poter competere con gli studenti della Juilliard, NYU e Carroll Arts finché continuavamo ad avere un dosaggio concentrato che rivaleggiava con un'esperienza al conservatorio, ma senza di essa... Anche se abbiamo rilevato l'edificio A per diversi giorni e abbiamo presentato le nostre argomentazioni a Presidente Swygert e l'amministrazione, le scuole erano ancora unite. Pertanto, esiste l'attuale raccolta o formazione delle scuole. Ecco perché ritengo che la tua recente protesta sia un tale risultato per entrambe le parti del dibattito, studente e amministrazione. Non sono venuto qui per schierarmi. Il mio interesse è ciò che è meglio per la scuola. Un'istruzione alla Howard University non riguarda solo ciò che accade in classe, studenti. In un certo senso, ciò che sei stato in grado di fare esemplifica alcune delle abilità che hai appreso in classe. Porta l'educazione fuori dal regno della teoria e l'ha trasformata in utilità e pratica. Ovviamente, le tue capacità organizzative erano senza precedenti. Mi è stato detto che hai organizzato i turni in modo da poter almeno continuare alcune delle tue lezioni. Abbiamo perso tutte le nostre lezioni. Eravamo nell'edificio A. Mi è stato detto che attraverso le donazioni c'era sempre un'ampia porzione di cibo. Probabilmente ho mangiato una fetta di pizza durante i nostri tre giorni di protesta. La tua organizzazione e pianificazione sono state impeccabili. Hai ricevuto la maggior parte delle tue richieste, con un impatto significativo su coloro che sono venuti dopo di te. Come spesso accade, quelli che seguono più spesso godono dei risultati dei progressi ottenuti. Ami l'università abbastanza da lottare con essa. Ora, devo chiederti che devi continuare a farlo anche ora che hai ricevuto le tue richieste. Anche se stai camminando oggi, devi continuare a farlo. Tutto ciò per cui hai lottato non era per te stesso. Era per quelli che verranno dopo. Avresti potuto essere scontento e trasferito, ma hai lottato per essere partecipi nel rendere questa istituzione il meglio che può essere. Ma devo anche applaudire il presidente Wayne Frederick e l'amministrazione per aver ascoltato gli studenti. La tua libertà di parola è stata esercitata in un modo in cui puoi contribuire a questo luogo. Dimostra anche che puoi contribuire alla democrazia. L'amministrazione e la polizia del campus all'epoca in cui protestavo non erano così aperte come quella attuale. So che questo è stato un momento difficile, ma grazie a entrambi, credo che Howard sia a pochi passi dall'attualizzazione del suo potenziale, il potenziale che molti di noi hanno sognato. Studenti, le vostre proteste sono promettenti anche perché molti di voi lasceranno Howard ed entreranno in sistemi e istituzioni che hanno una storia di discriminazione ed emarginazione. Il fatto che tu abbia lottato con questa università che ami è un segno che puoi usare la tua istruzione per migliorare il mondo in cui stai entrando. Ero sulla buona strada quando sono entrato nel sistema dell'intrattenimento, del teatro, della televisione e del cinema. Nella mia prima audizione a New York per un'opera teatrale professionale ho ottenuto il ruolo principale. Da quella commedia ho avuto il mio primo agente. Da quell'agente ho avuto un'audizione sullo schermo. Era una telenovela. Non era Third Watch. Era una soap opera su una rete importante. Ho segnato anche quel ruolo. Mi sentivo come Mike Tyson quando è arrivato per la prima volta sulla scena sconfiggendo gli avversari al primo turno. Con questo concerto di soap opera, mi era già stato promesso di guadagnare sei cifre, più soldi di quanti ne avessi mai visti. mi sentivo me stesso. Ma una volta ottenuto il primo script [ci sono stati] problemi. Molto spesso ricevi la sceneggiatura la sera prima e poi giri l'intero episodio in un giorno con poco o nessun tempo per prepararti. Una volta che ho visto il ruolo che stavo interpretando, mi sono trovata in conflitto. Il ruolo non era necessariamente stereotipato. Un giovane nei suoi anni di formazione con una vena violenta attratto dal fascino del coinvolgimento in una banda. Questa è la vera storia di qualcuno. Non giudicare mai i personaggi che interpreti. Questo è quello che ci hanno sempre insegnato. Questa è la prima regola della recitazione. Onestamente, qualsiasi gioco di ruolo può dare potere, ma ero in conflitto perché questo ruolo sembrava essere avvolto in supposizioni su di noi come gente di colore. La scrittura non è riuscita a cercare la specificità. Inoltre, c'era a malapena un barlume di positività o talento nel personaggio, a malapena un barlume di speranza. Dovrei fare qualcosa dal nulla. ero in conflitto. Howard mi aveva instillato una certa dose di orgoglio e per i miei gusti questo ruolo non era all'altezza di quegli standard. È stata solo la mia fortuna che dopo aver filmato i primi due episodi, i dirigenti dello spettacolo mi hanno chiamato nei loro uffici e mi hanno detto quanto fossero contenti della mia performance. Volevano che fossi in giro per molto tempo. Hanno detto che se c'era qualcosa di cui avevo bisogno, fateglielo sapere. Quella è stata la mia apertura. Ho deciso di porre loro alcune semplici domande sul background del mio personaggio, domande che sentivo pertinenti alla trama. Domanda numero uno: dov'è mio padre? Il dirigente ha risposto: 'Beh, se n'è andato quando eri più giovane'. Certo. Va bene. Va bene. Domanda numero due: in questo copione, alludeva al fatto che mia madre non fosse attrezzata per operare come un buon genitore, quindi perché esattamente io e mio fratello dovevamo andare in affidamento? In effetti, ha detto: 'Beh, ovviamente lei è sotto l'eroina'. Potrebbe essere reale, immagino, ma non volevo dare per scontato che fosse così. Se siamo qui a presumere che i personaggi neri nello show siano criminali, drogati e genitori mortificati, allora sarebbe probabilmente uno stereotipo, no? Quella parola stereotipata è rimasta. Uno dei dirigenti tirò fuori il mio curriculum e iniziò a studiarlo. L'altro dirigente stava ora cercando di mantenere ciò che mi avevano promesso solo pochi istanti prima: 'Se c'è qualcosa di cui hai bisogno, faccelo sapere'. Ha detto: 'Come hai visto, le cose si muovono molto velocemente qui, ma siamo più che felici di metterti in contatto con gli scrittori se hai suggerimenti'. 'Sì', dissi, 'sarebbe fantastico'. Ho detto, perché sto solo cercando di fare i compiti su questo. Non sapevo se aveste deciso tutti i fatti, ma forse ci sono alcune cose che potremmo inventare, un talento o un dono che possiamo costruire. Forse è davvero bravo in matematica o qualcosa del genere. Deve essere attivo. Sto facendo del mio meglio per non interpretare questo personaggio come una vittima. 'Quindi sei andato alla Howard University, eh?' Il dirigente con il mio curriculum mi interruppe, sbirciando tra le pagine. 'Sì', dissi con orgoglio. Ha fatto scivolare il mio curriculum nella sua scrivania e ha detto: 'Grazie per le tue preoccupazioni. Ti terremo d'occhio.' Ho lasciato l'ufficio. Ho girato l'episodio in cui ero venuto a girare quel giorno. Probabilmente il migliore che ho fatto dei tre perché ne ho preso uno mi dava fastidio. Sono stato licenziato da quel lavoro il giorno dopo. Una telefonata dal mio agente, hanno deciso di andare in un altro modo. Le domande che ho posto hanno messo in guardia i produttori e forse hanno aperto la strada a una rappresentazione meno stereotipata per l'attore di colore che è entrato nel ruolo dopo di me. Come dice la Scrittura, 'Io piantai il seme e Apollo lo innaffiò, ma Dio lo fece crescere'. Dio lo fece crescere. Eppure, quando investi in un seme, guardandolo crescere senza di te, quello è un boccone amaro da ingoiare, un boccone amaro. Chiunque sia stato licenziato sa di cosa sto parlando. Anche se davvero non vuoi il lavoro, quando ti lasciano andare, è come una rottura, ti comporti come se non ti importasse. Non avevo bisogno di quel dannato lavoro comunque. non avevo bisogno di loro. Ma quando hai quei momenti da solo, inizi a chiederti se ci fosse un modo migliore per gestirlo. Se avresti potuto gestirlo meglio forse avresti potuto aiutare la tua famiglia. Poi prima che tu te ne accorga, sei al verde. Ti ritrovi a racimolare il cambiamento solo per poter prendere la metropolitana in modo da poter ottenere il prossimo lavoro. Potrebbe essere se potessi prenotare qualcos'altro che eclisserebbe la sensazione di dubbio che sta crescendo, ma sembra che non puoi pagarli per assumerti ora. I miei agenti all'epoca mi dissero che ci sarebbe voluto un po' di tempo prima che trovassi di nuovo un lavoro come attore sullo schermo. Bene, andava bene perché non ho mai voluto recitare in primo luogo. E sicuramente non volevo essere catturato morto mentre inseguiva un falso sogno di Hollywood. Sono più uno scrittore, comunque un regista, quindi dimentica le loro storie. Posso raccontare le mie storie. Ma ho davvero la palla nera. Siamo riluttanti a mandarti da alcune persone in questo momento perché c'è uno stigma che sei difficile. Per quanto combattuto com'ero prima di perdere il lavoro, per quanto irremovibile com'ero sulla necessità di dire la verità al potere, mi sono ritrovato ancora più in conflitto in seguito. Sono qui oggi sapendo che la mia formazione alla Howard University mi ha preparato per interpretare Jackie Robinson, James Brown, Thurgood Marshall e T'Challa. Ma cosa fai quando il principio e gli standard che ti sono stati instillati qui alla Howard ti hanno chiuso le porte davanti. A volte devi essere abbattuto prima di poter davvero capire qual è la tua battaglia e quanto è necessario combatterla. Ad un certo punto, la mia mente è tornata alle mie esperienze qui, ai professori che mi hanno sfidato e lottato contro di me, il professor Robert Williams, il dottor Singleton, George Epstein, per citarne alcuni, quelli che ti deluderanno per la bontà di i loro cuori. Questo potrebbe essere difficile da comprendere per alcuni di voi in questo momento, ma ho anche considerato il presidente Swygert e come negoziare con lui fosse pratica per un mondo che era considerevolmente più crudele e spietato di qualsiasi dibattito qui, uno che non aveva alcun interesse per i miei ideali e credenze. Come mi muoverei in tutto questo? Infine, ho pensato ad Ali in mezzo al cortile nei suoi anni più grandi, attingendo alle sue vittorie e alle sue sconfitte. In quel momento ho capito qualcosa di nuovo sulla grandezza di Ali e su come portava la sua corona. Mi resi conto che quel giorno mi stava trasferendo qualcosa. Stava trasferendo in me lo spirito del combattente. Stava trasferendo in me lo spirito del combattente. Stava trasferendo in me lo spirito del combattente. A volte hai bisogno di sentire il dolore e il pungiglione della sconfitta per attivare la vera passione e lo scopo che Dio ha predestinato dentro di te. Dio dice in Geremia: 'Conosco i piani che ho per te, piani per farti prosperare e non farti del male, piani per darti speranza e un futuro'. Classe di laurea, ascoltami bene in questo giorno. Oggi, quando hai raggiunto la cima della collina e stai decidendo i prossimi lavori, i prossimi passi, le carriere, l'ulteriore istruzione, preferiresti trovare uno scopo piuttosto che un lavoro o una carriera. Lo scopo attraversa le discipline. Lo scopo è un elemento essenziale di te. È il motivo per cui sei sul pianeta in questo particolare momento della storia. La tua stessa esistenza è avvolta nelle cose che sei qui per realizzare. Qualunque cosa tu scelga per un percorso di carriera, ricorda, le lotte lungo la strada hanno solo lo scopo di modellarti per il tuo scopo. Quando ho osato sfidare il sistema che ci avrebbe relegato a vittime e stereotipi senza un chiaro background storico, senza speranze o talenti, quando ho messo in discussione quel metodo di rappresentazione, si è aperta per me una strada diversa, la strada per il mio destino. Quando Dio ha qualcosa per te, non importa chi si oppone. Dio sposterà qualcuno che ti sta trattenendo lontano dalla porta e metterà lì qualcuno che te l'aprirà se è destinato a te. Non so quale sia il tuo futuro, ma se sei disposto a prendere la via più difficile, quella più complicata, quella con più fallimenti all'inizio che successi, quella che alla fine ha dimostrato di avere più significato, più vittoria, più gloria allora non te ne pentirai. Ora, questo è il tuo momento. La luce di nuove realizzazioni risplende su di te oggi. L'eredità di Howard non è racchiusa nei soldi che farai, ma nelle sfide che scegli di affrontare. Quando inizi i tuoi percorsi, vai avanti con orgoglio e vai avanti con uno scopo. Dio vi benedica. Ti amo, Howard. Howard per sempre!