Derisione, misoginia, aggressione sessuale: le donne VMI subiscono attacchi nel campus e online

Derisione, misoginia, aggressione sessuale: le donne VMI subiscono attacchi nel campus e online

Hanno marciato fuori dalle loro baracche simili a castelli e sul fresco campo verde della parata al suono di tamburi, trombe e cornamuse. Pochi minuti dopo, i cadetti del Virginia Military Institute si misero sull'attenti nelle loro uniformi di pantaloni bianchi e tute grigie.

In un soleggiato venerdì di maggio, il corpo era pronto a segnare il primo nei 182 anni di storia del più antico college militare sostenuto dallo stato della nazione: l'unzione di una studentessa come loro massimo comandante militare.

Kasey Meredith, un'anziana in ascesa della Pennsylvania, ha superato a grandi passi i fotografi e si è posizionata accanto al sovrintendente del college, il maggiore generale dell'esercito in pensione Cedric Wins, il primo leader nero dell'istituto. Quindi, Wins le ha consegnato la bandiera bianca da battaglia del VMI e i due hanno stretto i colori, a significare il cambio di comando del corpo.

'Il primo capitano cadetto Kasey G. Meredith ha ora assunto la guida del Corpo dei cadetti VMI', ha annunciato il presentatore.

Le telecamere hanno scattato e gli applausi si sono levati dagli spettatori-una folla che includeva donne che si erano laureate al VMI e volevano assistere a questo momento.

Ma l'immagine commovente di Meredith che diventa la prima donna comandante di reggimento della VMI smentisce la misoginia che lei e altre cadette hanno sopportato da quando le donne sono state ammesse per la prima volta alla scuola nel 1997 dopo una battaglia legale che è arrivata fino alla Corte Suprema.

Nelle sei settimane dall'annuncio della sua nomina, Meredith, una studentessa di studi internazionali con l'intenzione di diventare sottotenente del Corpo dei Marines l'anno prossimo, era stata oggetto di derisione da parte degli studenti del VMI su Jodel, un'app di social media anonima ampiamente utilizzata dove le cadette vengono regolarmente liquidate come 'cassette' o 'capannoni'.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

I manifesti su Jodel accusavano i funzionari del VMI di aver scelto Meredith fuori dalla 'politica del bullo' o come 'una trovata pubblicitaria' per placare gli investigatori nominati dallo stato che esaminavano il razzismo e il sessismo al college.

I cadetti VMI attaccano studenti neri, donne su app di chat anonime

Le foto sono state caricate sull'app con la testa graffiata o con un uovo sovrapposto al viso. Una battuta su di lei che si impegna in un atto sessuale con il suo altro significativo ha ottenuto più di 50 voti positivi.

'Questa è la scelta RCO più impopolare nella storia di VMI, letteralmente non riesco a pensare a nessuno che la volesse o a chiunque abbia mai interagito con lei oltre ad altri capannoni', ha dichiarato un cadetto anonimo.

Meredith, che ha rifiutato una richiesta di intervista, sembrava impassibile e fiduciosa il giorno in cui ha preso il comando del corpo.

'È incredibile essere la prima donna', ha detto i tempi di Roanoke . 'È incredibile dare quel tipo di incentivo alle generazioni più giovani che si avvicinano a VMI'.

Ma quelle giovani donne non troveranno VMI - dove gli uomini costituiscono l'87 percento dei 1.698 cadetti della scuola - un posto facile da navigare, secondo l'indagine indipendente dallo studio legale Barnes & Thornburg che è stato rilasciato due settimane dopo il successo di Meredith.

L'indagine ha scoperto che il sessismo nel campus di Lexington, che ha ricevuto 19,3 milioni di dollari in finanziamenti statali per l'anno fiscale 2021, insieme a 33 milioni di dollari per un nuovo centro acquatico, potrebbe essere un problema serio quanto il razzismo.

VMI ha tollerato la 'cultura razzista e sessista' e deve cambiare, secondo l'indagine

In un college in cui è vietato il contatto sessuale tra i cadetti del campus, 'l'aggressione sessuale è prevalente al VMI ma è affrontata in modo inadeguato dall'Istituto', afferma il rapporto. Il 14% delle cadette intervistate dallo studio legale ha riferito di essere stata aggredita sessualmente al VMI e il 63% ha affermato che un altro cadetto ha confidato di essere stato aggredito sessualmente.

'Molte cadette donne hanno riferito di una paura costante di aggressioni o molestie da parte dei loro compagni cadetti maschi', avverte il rapporto. 'Molte cadette donne ritengono inoltre che le denunce di aggressione non siano o non saranno prese sul serio dall'amministrazione VMI o che un cadetto subirà conseguenze di ritorsione per averle denunciate'.

Queste sono state scoperte dannose per una scuola la cui identità ruota attorno al suo rigoroso codice d'onore e propaganda la sua politica di espellere qualsiasi studente sorpreso a mentire, imbrogliare, rubare o tollerare coloro che lo fanno.

Ma un portavoce del VMI ha difeso la scuola, indicando passaggi del rapporto in cui 'molte donne hanno espresso orgoglio per il VMI' e per il trattamento riservato ai cadetti maschi e che elogiavano la gestione da parte del college delle accuse di aggressione sessuale e molestie.

Le politiche di VMI che vietano la discriminazione, le molestie, la cattiva condotta sessuale e le ritorsioni sono 'ben scritte e di facile comprensione', ha rilevato l'indagine. L'ufficio dell'ispettore generale del college ha 'procedure solide' per indagare sui reclami e i suoi registri del titolo IX 'riflettono un processo di indagine e aggiudicazione competente e conforme'.

In una dichiarazione al Washington Post, il portavoce di VMI ha dichiarato: 'Tutte le segnalazioni di aggressioni e molestie sessuali sono gestite da VMI con la massima urgenza, in conformità con la politica approvata dal governo federale e nel migliore interesse del cadetto che effettua la segnalazione. '

Per questa storia, The Post ha parlato con più di una dozzina di donne che hanno frequentato VMI, si sono laureate o ci vanno ancora di ciò che hanno vissuto. La stragrande maggioranza è stata iscritta negli ultimi due anni. Quasi tutti hanno parlato a condizione di anonimato per paura di rappresaglie da parte degli amministratori del college, dei compagni cadetti o della potente rete di ex studenti del VMI. Diversi hanno affermato di essere vittime di aggressioni sessuali. La politica del Post non consiste nell'identificare tali vittime nella maggior parte dei casi.

Nelle interviste, hanno descritto un'atmosfera di ostilità verso le donne, con costante scherno a loro spese su Jodel, e un'aspettativa di contraccolpo da parte dei cadetti maschi se hanno riferito di incidenti in cui sono state tentate o violentate.

Una donna della classe superiore ha detto di essere stata violentata a gennaio nella caserma, dove uomini e donne vivono fianco a fianco, da un cadetto maschio che era stato un amico. Ma non si sentiva a suo agio ad avvisare la polizia VMI o i funzionari scolastici, anche se ha affermato di fidarsi dell'ufficio Titolo IX di VMI per indagare adeguatamente sugli assalti. Per lo più, ha detto, temeva una punizione da parte dei cadetti maschi e una difesa riflessiva dell'autore come 'un bravo ragazzo'.

“Penseranno che sto cercando di metterlo nei guai. Dicevano: 'Ehi, pensa alla commissione di questo ragazzo e alla vita che stai per rovinare', ha detto. “Ma che mi dici di me? Sono stato aggredito e sto affrontando il trauma'.

Una seconda cadetta ha detto a The Post di essere stata molestata al suo primo anno nel 2019 da uno studente più anziano all'interno di un edificio del campus.

'È venuto dietro di me e ha iniziato a baciarmi e a palparmi il sedere e l'inguine, e ho continuato a dire di no per tutto il tempo', ha ricordato.

“Dicono: 'Ehi, pensa alla commissione di questo ragazzo e alla vita che stai per rovinare'. Ma che mi dici di me? Sono stato aggredito e sto affrontando il trauma'. Cadetto VMI femminile

Ha detto di aver presentato una denuncia all'ufficio del titolo IX, ma che il cadetto maschio ha ricevuto solo una combinazione di demeriti, confinamento nel campus e tour di marcia di punizione.

Un funzionario scolastico l'ha scoraggiata dal spingere per ulteriori punizioni, ha detto, dicendole: 'Solo un promemoria, sai che è a un paio di mesi dalla laurea'.

Il funzionario ha anche detto: ''Sei sicuro che sapesse che non volevi farlo?' Non aveva senso. Perché avrei dovuto denunciare il caso se avessi voluto baciarlo?'

Ha detto che al cadetto maschio è stato permesso di rimanere a scuola. 'Mi ha reso davvero ansioso vederlo', ha detto. 'Avevo ancora paura che accadesse di nuovo'.

Un punto luminoso, ha detto, era il centro di consulenza di VMI. Una donna che lavorava lì 'ha convalidato le mie preoccupazioni e si è assicurata che sapessi che quello che è successo non era colpa mia', ha detto il cadetto. “Mi ha dato buoni modi per far fronte. Mi ha detto di non guardarlo negli occhi e di rimanere assertivo e fiducioso'.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Una terza donna, che si è laureata al VMI nel 2019, ha affermato di essere stata aggredita al primo anno nella sua camerata. Aveva invitato un'amica, una matricola, nella sua stanza per chiedere aiuto con i compiti. Invece l'ha violentata.

'Continuavo a dire: 'Per favore, smettila'. Continuavo a dire: 'Non ci è permesso farlo', ha detto la donna. 'Dopo che è successo, ho chiuso per una settimana' prima di dire ai compagni di classe e poi allo staff del comandante di VMI cosa è successo.

'Ma poi nessuno della scuola è mai tornato da me', ha detto. “E non ho mai seguito il backup. Ero imbarazzato. Era così vicino alla fine dell'anno scolastico. A quel punto, volevo solo andare avanti'.

La parte peggiore, disse, fu che lo stesso cadetto maschio cercò di attaccarla l'anno accademico successivo mentre faceva jogging. Stava correndo giù per una grande collina nel campus, ha detto, e all'improvviso è emerso correndo dietro di lei, afferrandole e strappandole la maglietta.

'Penso che pensasse di essere divertente e scherzare', ha detto. “Ma sono corso su per le scale dietro la caserma e sono andato in camera mia. Non credo di aver mai corso così veloce'.

Il cadetto maschio, disse, finì per lasciare il VMI poco dopo l'inizio del loro anno da junior.


NELLA SUA INDAGINEin VMI, Barnes & Thornburg hanno scoperto che mentre la scuola 'conduce un ampio addestramento all'aggressione sessuale', i cadetti maschi 'lo trattano come uno scherzo e un'opportunità per l'umorismo misogino, senza conseguenze'.

Alla domanda su questa scoperta, la scuola ha affermato di non poter rispondere alle 'molte accuse aneddotiche non confermate in tutto il rapporto'. Il suo portavoce ha aggiunto: 'VMI si aspetta che ogni cadetto partecipi alla formazione del Titolo IX richiesta con la stessa, se non maggiore, serietà con cui si avvicinerebbe alle proprie classi accademiche'.

Anche gli attacchi scatenano il ridicolo. A marzo, il VMI ha emesso al campus un Clery Crime Alert, su mandato federale, su un cadetto maschio che avrebbe 'toccato in modo inappropriato diverse donne' all'interno della caserma.

L'incidente è diventato rapidamente foraggio su Jodel per battute sessiste su 'the sheed diddler' e commenti amari sulla presenza delle donne al VMI.

“Non importa se è colpevole o meno. È una parola da ragazze contro di lui, ha perso', si lamentava un poster.

'Questo è il motivo per cui i capannoni non dovrebbero essere qui', ha scritto un cadetto. “Come vediamo qui un altro capannone che distrugge un altro cadetto [di Brother Rat]. #notemptationnocrime.”

Jodel è così popolare al VMI che la scuola lo menziona per nome nel suo Blue Book of Cadet Regulations, avvertendo gli studenti che 'prendere di mira in modo anonimo' gli altri tramite tali app è 'ripugnante'. Nella sua dichiarazione, VMI ha affermato che il Primo Emendamento protegge 'gran parte del discorso' su Jodel e che è 'quasi impossibile' identificare gli utenti, sebbene la polizia del campus proverebbe a farlo se gli studenti violassero le leggi statali o federali durante la pubblicazione su l'applicazione.

“Non importa se è colpevole o meno. È una parola da ragazze contro di lui, ha perso'. Manifesto anonimo di Jodel

Ma i commenti che denigrano le donne non si limitano a Jodel. Durante il talent show del college a marzo, un cadetto maschio ha eseguito una routine di cabaret in cui ha scherzato sulla cattiva condotta sessuale al VMI, secondo tre studenti che erano tra il pubblico.

Due hanno detto che il comandante del VMI, Bill Wanovich, ha riso e applaudito alla fine del set dello studente.

'Questoriceveva applausi dal comandante?' ha detto un cadetto maschio che si è appena laureato e ha parlato a condizione di anonimato per paura di rappresaglie. “Sembrava di essere nella zona del crepuscolo. Non sapevamo cosa fare'.

Wanovich, il cui mandato come comandante è stato rovinato nel 2017 dopo aver posato in una foto offensiva di Halloween nel campus, si è appena ritirato dal VMI.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

In un'intervista, ha negato di ridere o applaudire o dare la sua approvazione in alcun modo. Wanovich ha anche detto che il cadetto-comico non ha scherzato sulla cattiva condotta sessuale, ma ha invece chiamato le cadette durante la sua routine 'capannoni' e ha descritto le donne come dure o virili.

La routine dei cadetti, ha detto Wanovich, è stata segnalata ai funzionari scolastici per potenziali violazioni del Titolo IX e alla Cadet Equity Association, un gruppo di studenti che indaga su episodi di discriminazione e molestie sessuali. Ha aggiunto che lo studente è stato punito quasi immediatamente: ha perso il suo grado e gli è stato dato un rimprovero scritto, una punizione di reclusione nel campus e tour di marcia di punizione.

Alcune donne che hanno sentito parlare della routine in piedi dopo il talent show erano furiose per il fatto che i funzionari della VMI sedessero tra il pubblico senza fermarlo.

'Ero sconvolto quando ne ho sentito parlare', ha detto una studentessa nera. 'Quel cadetto si stava prendendo gioco di qualcosa che avrebbe potuto benissimo accadermi.'

Ha descritto il razzismo e il sessismo come 'altrettanto cattivi a VMI. Sono entrambi sistemici. La parola qui è diritto”.

Al VMI, i cadetti neri sopportano minacce di linciaggio, ricordi del Klan e venerazione della Confederazione

Gli uomini bianchi arrivano al VMI con un senso di superiorità sulle donne e sulle persone di colore, ha detto, e la scuola lo conferma invece di sfidarlo.

Un'altra donna di colore al VMI ha affermato di considerare il razzismo nel campus 'un problema più grave', ma che gli episodi di uomini che ridicolizzano le donne sono più frequenti.

'Se continuiamo a cambiare le regole qui per far sentire le persone a proprio agio, questa scuola non sarà più quella che è'. Quello che dice una cadetta donna che le è stato detto da un funzionario VMI

Lamentarsi dell'atmosfera spesso sembra inutile, dicono le donne.

La cadetta che ha deciso di non denunciare il suo stupro a gennaio ha detto di aver registrato le sue preoccupazioni sulla cultura misogina del college allo staff del comandante della VMI.

'Ma quando l'ho fatto, un funzionario ha chiesto se appartenevo a questo posto', ha detto. 'La persona ha detto: 'Se continuiamo a cambiare le regole qui per far sentire le persone a loro agio, questa scuola non sarà più quella che è.''

L'indagine sul clima al VMI ha rilevato che è l'unica scuola tra le università senza scopo di lucro pubbliche o private della Virginia in cui gli studenti possono essere puniti per un reato di droga o alcol che viene alla luce durante una denuncia di violenza sessuale.

In un'intervista con The Post, Virginia Del. Dan Helmer (D-Fairfax) ha affermato che VMI ha spinto per essere esentato dalla legislazione sulle aggressioni sessuali che ha proposto nel 2020. È stato progettato per rendere più facile per le vittime dei college pubblici e privati ​​in Virginia farsi avanti offrendo loro l'immunità dai reati di droga e alcol.

Il VMI era così contrario che il suo sovrintendente all'epoca, il generale dell'esercito in pensione J.H. Binford Peay III, visitò Helmer a Richmond.

VMI aveva già una politica di amnistia per infrazioni disciplinari minori, come il bere, in relazione a denunce di discriminazione, molestie, ritorsioni o cattiva condotta sessuale. Ma non per reati di droga. In pratica, tuttavia, afferma il college, a nessuno studente di recente memoria che abbia riferito – o collaborato a un'indagine su – un'aggressione sessuale è stata negata l'amnistia.

Peay ha detto a Helmer che le droghe rappresentano una minaccia molto più seria per la disciplina degli studenti rispetto alle aggressioni sessuali, ha detto il legislatore.

Quando è stato raggiunto da The Post, Peay ha riattaccato il telefono.

La Camera ha approvato il ddl senza deroga per VMI. Ma il Senato dello Stato lo ha concesso nella sua versione della legislazione, usando un linguaggio che evitava denominazione VMI .

Mentre i due organi legislativi negoziavano, il senatore Thomas K. Norment Jr. (R-James City), un laureato del VMI nel 1968, disse a Helmer che lui e i suoi colleghi non avrebbero approvato il disegno di legge senza il taglio del VMI, ha detto Helmer. Un portavoce di Norment non ha restituito messaggi di commento.

Helmer ha detto di non voler rischiare di perdere una legge che potrebbe aiutare così tante vittime di aggressioni sessuali. Ma ha ottenuto una concessione: l'esenzione di VMI sarebbe stata esplicitata in il linguaggio finale della legge .

L'anno prossimo, ha detto Helmer, ha in programma di introdurre una legislazione per privare VMI della sua esenzione.


I CADETTI VMI POSSONOessere espulsi se vengono sorpresi a fare uso di droghe, per aver consumato o detenuto ripetutamente alcol nel campus o per aver mostrato 'condotta disdicevole per un cadetto come conseguenza del consumo di alcol' all'interno o all'esterno del campus, secondo i regolamenti del VMI.

Ma le donne hanno detto a The Post che una serie di balli annuali tenuti a scuola - il ritorno a casa a ottobre, una celebrazione in cui i ragazzi ricevono gli anelli di classe a novembre e una cerimonia di metà inverno a febbraio - portano a bere molto e a comportamenti sessuali scorretti in diversi hotel vicini.

Ogni ballo attira centinaia di studenti, che prenotano fino a 200 camere d'albergo per chiassosi after-party, secondo uno studente VMI e un neolaureato che ha familiarità con gli arrangiamenti. Il personale del comandante di VMI aiuta effettivamente gli studenti a prenotare le stanze.

'Due stanze sono diventate disponibili per il ritorno a casa al Quality Inn', ha annunciato un comandante dello staff ai cadetti prima del ritorno a casa di ottobre 2019, in un'e-mail ottenuta da The Post. “Chiama questo numero per prenotare la stanza!”

VMI organizza anche bus navetta e furgoni per trasportare gli studenti dal ballo agli hotel perché, ha affermato la scuola in una dichiarazione, la maggior parte degli studenti non ha auto personali e il college vuole prevenire la guida in stato di ebbrezza. Una squadra di cadetti - lo 'staff S-7' responsabile del morale del corpo - vaga per i corridoi dell'hotel per monitorare comportamenti disordinati o non sicuri.

“Se vedi o senti la follia nelle stanze, entra. Non devi essere strano quando entri, assicurati solo che le persone siano al sicuro ', ha consigliato un'e-mail da uno studente VMI ad altri volontari della sicurezza dei cadetti per la cerimonia di metà inverno del febbraio 2020, l'ultimo ballo del college prima della pandemia. “… Riduci il consumo di alcolici da parte dei cadetti nelle aree comuni: corridoi, atri, esterni, ecc. Riportali nelle loro stanze. Impedisci alle persone di andare in giro con in mano superalcolici (bottiglie di tequila, rum, ecc.).'

Anche i funzionari del VMI si posizionano negli hotel, ha detto il neolaureato, ma 'intervengono solo se un cadetto rappresenta una minaccia per se stesso o per altri cadetti, o se è chiaramente troppo ubriaco per parlare'.

Alla domanda sulle feste in hotel, il portavoce di VMI ha detto che Wins e il nuovo comandante del college, il colonnello Adrian T. Bogart III, stanno decidendo se interromperle, imporre il coprifuoco o apportare altre modifiche.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Le feste alimentate dall'alcol hanno portato a comportamenti predatori.

Una donna ha detto di essere stata violentata nel 2019 in uno degli hotel da un cadetto maschio dopo un ballo. Era andata a letto ubriaca. Si è svegliata accanto a un cadetto maschio, un'altra matricola, che conosceva a malapena.

'I miei vestiti sembravano essere stati indossati da qualcun altro', ha detto la donna, figlia di un ufficiale militare che si è laureato al VMI.

Più tardi trovò lividi sui fianchi e iniziò a sospettare di essere stata violentata. Ha portato le sue accuse allo staff del titolo IX di VMI. Il cadetto maschio ha confessato di aver fatto sesso con lei, ma 'ha insinuato che era consensuale', ha ricordato la donna.

Quando ha letto la sua dichiarazione, ha pianto. Non riusciva a ricordare di aver fatto sesso con lui, quindi come avrebbe potuto essere consensuale?

'Non gli ho mai più parlato', ha detto, ma non poteva evitare di incontrarlo. 'Ero terrorizzato ogni volta che lo vedevo.'

Allo stesso modo, i cadetti conoscevano il suo nome e avvertivano gli altri su Jodel di stare lontano da lei a meno che non volessero 'catturare un I.G. caso', un riferimento all'ispettore generale del college.

Nella primavera del 2019, ha affermato che il cadetto è stato punito con una combinazione di demeriti, confinamento nel campus e tour di marcia di punizione. Ha immediatamente protestato e in seguito ha saputo che gli era stata data una sospensione.

Ma VMI non è mai stato lo stesso per lei, ha detto. I suoi voti sono peggiorati e ha perso interesse a entrare nell'esercito. Ha deciso di non tornare in VMI all'inizio dell'anno accademico 2020-21.

'Ero ansiosa e depressa', ha detto, 'e non potevo funzionare perché ero così consumata da quello che è successo'.


LEI NON VOLEVOsuo padre per ascoltare la testimonianza sulla sua violenza sessuale, così il cadetto VMI gli ha chiesto di aspettare fuori dall'aula del tribunale della contea di Rockbridge durante la sentenza del 9 giugno del suo aggressore.

Boris Rodrigo Lopez, 23 anni, un ex studente del VMI della Virginia del Nord, si era già dichiarato colpevole di percosse sessuali aggravate e furto con scasso per l'attacco del settembre 2019.

Stava dormendo da sola nella sua camerata quando si è svegliata e lo ha trovato lì, secondo la testimonianza in tribunale e il rapporto della polizia del VMI. Gli disse di andarsene, poi si riaddormentò. Ma quando si è svegliata di nuovo, secondo il rapporto della polizia, lui era sopra di lei. Ha lottato, dicendogli 'Smettila' e 'Non voglio questo' e 'Mi stai facendo male'.

Quando alla fine se ne andò, lei testimoniò alla sua condanna: 'Stavo solo ... piangendo e piangendo e piangendo'.

Ha denunciato l'aggressione alla polizia ed è andata in ospedale per un esame forense. Rodrigo Lopez è stato arrestato circa una settimana dopo.

Sebbene sia rimasta al VMI, l'aggressione ha distrutto il suo senso di sé, ha detto alla corte. Non è più sicura di volersi arruolare nell'esercito dopo la laurea. Non ha interesse a stringere nuove amicizie, ha detto, perché ha perso la fiducia negli estranei.

L'anno passato al VMI, ha detto, è stato particolarmente difficile perché ha lavorato come consulente per il Titolo IX di una matricola che stava affrontando il suo caso di aggressione. 'E il mio non è ancora finito', ha detto. “Non va via. Mai.'

Sua madre ha testimoniato che sua figlia ha subito un attacco di panico durante un'esercitazione sul campo del fine settimana del ROTC dopo l'aggressione e 'proprio così, sentiva che non poteva più guidare i soldati'.

La madre ha anche confermato la precedente testimonianza di sua figlia: non avrebbe lasciato che suo figlio andasse alla Cittadella, un college militare rivale nella Carolina del Sud, credendo che il VMI fosse più sicuro per le donne.

'Non sapevo', disse la madre, 'che l'avevo mandata nel posto sbagliato'.

Tra il 2017 e il 2019, VMI ha denunciato 14 stupri, di cui uno per legge; 14 episodi di “palpeggiamento forzato” e quattro casi di stalking. In confronto, durante quegli stessi anni, The Citadel ha riportato sette stupri, insieme a un caso di accarezzamento e un episodio di stalking.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Il portavoce di VMI ha affermato che il 'numero più elevato di segnalazioni del college riflette l'accessibilità' delle sue procedure di segnalazione.

'Al VMI, uno stupro o un'aggressione sessuale denunciati è uno di troppo e finché quel numero non rimarrà a zero, continueremo a trovare nuovi modi per affrontare la sfida', ha affermato il college in una nota.

Alla sua condanna, Rodrigo Lopez ha detto che non riusciva a ricordare molto dell'attacco perché era stato così ubriaco quella notte - aveva bevuto birra e tre fiaschette di alcol, ha detto.

“Mi dispiace molto per come si sente in questo momento. ... Spero che possa perdonarmi', ha testimoniato Rodrigo Lopez, 'ma so che ci vorrà del tempo per questo'.

Jared Moon, l'avvocato del Commonwealth per la contea di Rockbridge e la città di Lexington, ha chiesto una pena detentiva di 10 anni per Rodrigo Lopez. 'Ci vuole un tipo speciale di ragazza, donna, per andare a VMI', ha detto Moon, dove la 'vasta, stragrande maggioranza dei tuoi compagni di classe' sono maschi. “Ha preso qualcosa da lei. Ha preso molto da lei quella notte.”

L'avvocato di Rodrigo Lopez, Ben Thurman, ha sostenuto un 'periodo sostanziale di libertà vigilata con una lunga pena sospesa', affermando che questo è stato il primo reato penale di Rodrigo Lopez in un 'record altrimenti immacolato'.

Ma Moon ha detto al giudice che Rodrigo Lopez era stato accusato di due 'possibili violazioni' del Titolo IX al VMI. 'Entrambe le accuse riguardano lui che tocca donne senza il loro consenso', ha detto il pubblico ministero.

Sebbene non sia mai stato accusato penalmente in quelle indagini del titolo IX, Rodrigo Lopez 'sembra riconoscere' la sua colpevolezza in un caso del titolo IX, che riguardava anche l'alcol, ha detto Moon. L'altra presunta trasgressione, ha detto Moon, mancava di testimoni e l'affermazione è stata determinata come 'non motivata'.

VMI ha rifiutato di chiarire se i precedenti casi del titolo IX di Rodrigo Lopez siano stati indagati dalla polizia del campus e perché non abbiano comportato accuse penali. In generale, ha affermato il college, le vittime 'sono sempre incoraggiate a perseguire le accuse sia attraverso la scuola che attraverso la polizia', ​​ma 'i loro desideri guidano se la scuola persegue le accuse' contro i presunti autori.

Alla fine, il giudice del tribunale della contea di Rockbridge, Christopher Russell, ha condannato Rodrigo Lopez a cinque anni, accreditandolo per essersi dichiarato colpevole e risparmiando alla cadetta un processo e un controinterrogatorio. Ma Russell ha anche criticato il VMI, che solo nove giorni prima era stato condannato dall'inchiesta statale per la sua 'cultura sessista'.

'È un giorno triste per il Virginia Military Institute', ha detto il giudice. “Vedo l'ufficiale inquirente del dipartimento di polizia del VMI qui in aula. Non posso fare a meno di sentirmi un po' dispiaciuto che qualcuno dell'amministrazione del VMI non sia presente a questa udienza per ascoltare il racconto del comportamento in caserma. Questo tipo di riflette male su un'istituzione che rispetto'.


VMI COMBATTUTO LUNGObattaglia legale per impedire alle donne di essere ammesse dopo che una studentessa delle superiori della Virginia del Nord si è opposta all'esclusione sulla base del suo genere. Il Dipartimento di Giustizia ha citato in giudizio per suo conto nel 1990.

In una storica opinione della maggioranza scritta 25 anni fa da Ruth Bader Ginsburg, i giudici dichiarato che l'esclusione delle donne da parte del college era incostituzionale, una sentenza che significava che doveva ammettere le donne o rinunciare ai finanziamenti statali. (Il nono giudice, Clarence Thomas, si è ricusato perché suo figlio era uno studente VMI all'epoca.)

Il giorno dopo la sentenza, uno studente indossava una maglietta con la scritta 'Meglio morto che co-ed'. Una stanza della caserma conteneva uno striscione che diceva 'Salva i maschi'.

Nel settembre 1996, il Consiglio dei Visitatori di VMI aveva una decisione da prendere. Andare in privato o ammettere le donne? In un voto 9 a 8, l'organo di governo ha votato per la coeducazione.

Angela Winters Scott è stata tra le 30 donne che si sono iscritte al VMI nell'agosto 1997. Ha detto che si sentiva accettata dagli uomini, anche se era soggetta alla famigerata 'linea del topo' del college, i mesi di abusi verbali e allenamenti estenuanti tutti VMI le matricole sopportano.

Ma una o due settimane ogni settimana, i cadetti maschi lanciavano insulti dalle loro stanze che riecheggiavano nel cortile della caserma.

'Dicevano: 'Non appartieni a questo posto!' o 'Vai a casa, puttana!'' ricorda Scott, che si è laureato nel 2001 e ora è un tenente colonnello dell'esercito che si prepara a studiare all'Army War College. 'Tutto ciò che ha fatto è stato farmi scavare più a fondo.'

Circa un decennio dopo essere diventata mista, la VMI si è trovata l'obiettivo di un'indagine del Dipartimento dell'Istruzione federale che ha esaminato se la sua cultura e le sue politiche fossero sessiste e ostili verso le cadette.

'Dicono: 'Tu non appartieni a questo posto!' ... Tutto ciò che ha fatto è stato farmi scavare più a fondo. “Angela Winters Scott, laureata VMI nel 2001

quando l'Associated Press ha scritto sull'indagine federale nel 2009, ha citato un anziano, Elizabeth Dobbins, che ha difeso la scuola.

'Non credo che ci sia un modello maschile qui', ha detto. 'C'è un modello militare.'

Ora Elizabeth Dobbins Moskowitz, che si è laureata al VMI nel 2010 e lavora come avvocato per il governo federale, si rammarica di quelle osservazioni.

Ha detto che ha servito come capitano cadetto che ha aiutato con gli affari pubblici e il marketing del college e sentiva che il suo sostegno l'avrebbe fatta sentire meglio accettata dalla scuola. Non è stato così.

Quando era una matricola che guidava un plotone di compagni di classe in caserma, ha detto che un gruppo di uomini delle classi superiori l'ha molestata incessantemente per tutto il percorso. 'Hanno continuato a urlarmi di 'chiudi la tua fottuta bocca' e 'non sopporto di sentire la tua voce, fottuto capannone'', ha ricordato.

Un'altra volta, lei e una piccola squadra di cadetti maschi hanno dovuto trascorrere alcuni giorni facendo escursioni nei boschi come parte di un esercizio di allenamento. 'Il primo giorno, siamo partiti', ha ricordato, 'questo cadetto maschio si è rivolto a me dal nulla e ha detto: 'Non c'è Titolo IX nei boschi.' Sono rimasta scioccata. Non sapevo nemmeno come rispondere, quindi non l'ho fatto'. Il momento più straziante che ha dovuto affrontare è stato quando un cadetto maschio, il figlio di un ex importante funzionario del VMI, ha minacciato di ucciderla. Una volta, ricordò, si era svegliata nel cuore della notte e lo aveva trovato nella sua stanza.

'Mi ha guardato negli occhi e ha detto: 'Ti ucciderò e tu morirai'', ha ricordato. 'Un'altra volta, ha scritto il mio nome su una zucca e l'ha pugnalata a pezzi con una baionetta fuori dalla mia camerata mentre guardavo'.

Ha detto di aver denunciato il suo comportamento ai funzionari della scuola, ma non è successo nulla. Sospetta che lo status di suo padre come ex funzionario del VMI lo abbia isolato dalla punizione.

A maggio, gli ha scritto su Facebook.

'Ti ricordi quando hai scritto il mio nome su una zucca e l'hai pugnalata con una baionetta fuori dalla mia camerata mentre ti guardavo?' lei chiese. 'Vorrei che tu non l'avessi fatto a me.'

Secondo uno screenshot del loro scambio, l'uomo ha risposto dicendo: 'Vorrei non averlo fatto neanche io. Ci penso molto. ... Non mi pento molto della causa VMI, nonostante tutto il razzismo e il militarismo che ho imparato molto', ha detto. “Mi pento di averti trattato come ho fatto. ... Spero davvero che tu possa perdonarmi. '


LO SCORSO MESE, MOSKOWITZha viaggiato dalla sua casa in California a Lexington. Voleva vedere Kasey Meredith diventare la prima donna comandante di reggimento di VMI.

Nonostante la loro differenza di età, Moskowitz ha sentito un legame con l'anziano emergente: Meredith ha in programma di entrare nel Corpo dei Marines, proprio come aveva fatto Moskowitz 11 anni fa.

Guardando Meredith prendere il comando, Moskowitz ha detto di aver sentito un impeto di orgoglio e speranza. Un mese dopo, è entrata a far parte del Consiglio di fondazione della Fondazione VMI, che aiuta a raccogliere e investire denaro per il college. È un modo, ha detto Moskowitz, per avere un impatto sul clima nella sua alma mater.

'Non andrei di nuovo alla VMI per il college', ha detto, 'e non vorrei nemmeno che lo facesse mia figlia, a meno che la scuola non cambi'.

Dopo la cerimonia del cambio di comando, Moskowitz e altri laureati hanno incontrato Meredith a un ricevimento per laureate. Le hanno dato un biglietto di congratulazioni, più una copia del libro del 2000, 'Scoppiare,' che esplora il primo anno di coeducazione di VMI.

Moskowitz chiese a Meredith se anche lei fosse stata molestata mentre era al comando dei cadetti maschi. Meredith, ha detto, ha raccontato di essere stata fischiata di recente da alcuni uomini.

“Non ha detto altro a riguardo. Non ne aveva bisogno', ha detto Moskowitz. “Le ho detto che ho capito. Le ho assicurato che la sua vita sarebbe stata migliore dopo il VMI'.

'Il mondo esterno è migliore', ha ricordato di aver detto a Meredith. 'Basta tirarlo fuori.'

A proposito di questa storia

Montaggio di Lynda Robinson. Fotoritocco di Mark Miller. Modifica della copia di Frances Moody. Design di J.C. Reed.

Per saperne di più:

Nella guerra per il futuro di VMI, alcuni potenti ex studenti resistono al cambiamento mentre altri lo richiedono

Un cadetto nero del VMI è stato minacciato di linciaggio, poi di espulsione

Quello che i compagni di scuola Black VMI di Northam hanno sopportato 40 anni fa: 'Non ti vogliamo qui'

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità