I compiti funzionano quando i bambini imparano tutto il giorno a casa?

I compiti funzionano quando i bambini imparano tutto il giorno a casa?

Il valore dei compiti a casa è stato a lungo dibattuto nel mondo dell'istruzione, ma ora la discussione è diventata ancora più complicata nell'era della pandemia di coronavirus.

I ricercatori hanno da tempo scoperto che c'è meno da fare per casa di quanto molti potrebbero pensare; hanno scoperto che ha poco o nessun effetto sui punteggi dei test nella scuola elementare e un effetto positivo marginale nelle classi successive. Questo accadeva quando i bambini andavano a scuola per le lezioni e tornavano a casa per fare i compiti.

Ma ora, la scuola per milioni di studenti significa lavorare a casa facendo il lavoro scolastico tutto il giorno, perché gli edifici scolastici sono chiusi per arginare la diffusione del nuovo coronavirus e della sua malattia, il covid-19. Ciò solleva la domanda: quanto è fattibile chiedere ai ragazzi di fare ancora più lavoro nello stesso ambiente, soprattutto per i ragazzi che vivono in ambienti non favorevoli allo studio?

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

La chiusura delle scuole la scorsa primavera a causa della pandemia ha posto una nuova attenzione sui temi dell'equità, del razzismo e dell'accesso alla tecnologia dell'istruzione e a Internet. Ora che molti, se non la maggior parte, i distretti scolastici non stanno tenendo l'insegnamento di persona per l'inizio dell'anno scolastico 2020-21, o non per tutti gli studenti, questi problemi sono sempre più urgenti.

ASCD, un'organizzazione educativa di oltre 110.000 membri - sovrintendenti, insegnanti e altri provenienti da paesi di tutto il mondo - ha esaminato il problema dei compiti a casa nella sua newsletter, ASCD Express. Di seguito è riportato uno dei pezzi nella confezione.

(ASCD, fondata come Association for Supervision and Curriculum Development, ora si concentra non solo sul curriculum, ma anche su altre parti del processo educativo, incluso lo sviluppo professionale, la leadership e lo sviluppo delle capacità.)

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Il post qui sotto è stato scritto da Denise Pope, co-fondatrice di Sfida di successo e docente senior presso la Graduate School of Education della Stanford University, dove è specializzata in coinvolgimento degli studenti, studi curriculari, metodi di ricerca qualitativa e apprendimento dei servizi.

(Challenge Success è un'organizzazione senza scopo di lucro che lavora con team di educatori, genitori e studenti nelle scuole per identificare i problemi e implementare le migliori pratiche e politiche in aree quali curriculum, valutazione, compiti a casa, orario scolastico e un clima scolastico sano.)

Papa è l'autore di “ Fare scuola: come stiamo creando una generazione di studenti stressati, materialisti e diseducati ” e coautore di “ Sovraccarico e impreparato: strategie per scuole più forti e bambini sani e di successo . '

La storia continua sotto la pubblicità

L'articolo di Pope è stato originariamente pubblicato nel 27 agosto numero di ASCD Express Quello focalizzato su se e come funzionano i compiti oggi. ASCD Express è una pubblicazione e-mail gratuita per gli educatori K-12. Sto usando l'articolo con il permesso.

Perché questo sovrintendente ha vietato i compiti e ha chiesto ai bambini di leggere?

Di Denise Pope

Per gli studenti e gli educatori che partecipano all'apprendimento a distanza in questi giorni, può essere difficile distinguere i compiti a casa da qualsiasi tipo di lavoro assegnato dalla scuola che viene svolto a casa.

Tra marzo e giugno 2020, infatti, i “compiti a casa” sono variati notevolmente: alcune scuole hanno assegnato pacchetti di lavoro settimanali da svolgere a casa al posto di eventuali lezioni online, mentre altre scuole hanno deciso di eliminare del tutto i “compiti” per gli studenti che hanno partecipato a lezioni di diverse ore al giorno. Sebbene abbiamo condotto la seguente ricerca sui compiti a casa prima della pandemia, i nostri risultati offrono implicazioni per tutti i tipi di compiti svolti a casa, sia durante l'apprendimento a distanza che una volta che gli studenti tornano in classe.

La storia continua sotto la pubblicità

In un sondaggio tra gli studenti condotto nell'ultimo decennio (dal 2009 al 2020) da Sfida di successo , un'organizzazione senza scopo di lucro che ho co-fondato in base alla mia ricerca presso la Graduate School of Education della Stanford University, abbiamo chiesto a oltre 200.000 studenti delle scuole medie e superiori di scuole ad alto rendimento: 'In questo momento nella tua vita, cosa, se non altro, ti provoca il più stress?'

Una delle risposte più comuni è stata una parola: 'Compiti a casa'.

La narrativa culturale sui compiti a casa generalmente si concentra su quanti compiti stanno facendo gli studenti. Viene trattato come un problema di riccioli d'oro: quando è troppo piccolo? Quando è troppo? Quando è giusto?

Avere troppi compiti è sicuramente parte del problema quando si tratta di livelli di stress degli studenti. Infatti, degli oltre 50.000 studenti delle scuole superiori che Challenge Success ha intervistato da ottobre 2018 a gennaio 2020, Il 56% degli studenti ha affermato di avere troppi compiti . Nello stesso campione, gli studenti hanno riferito di fare una media di 2,7 ore di compiti a casa a settimana e 3,0 ore nei fine settimana.

La storia continua sotto la pubblicità

Tuttavia, la quantità di compiti da sola non racconta tutta la storia. Anche il tipo di compiti che gli studenti ricevono può essere fonte di stress, come mostra il nostro sondaggio. Ad esempio, quando gli studenti percepiscono i compiti come noiosi o ripetitivi, o se ritengono che siano troppo avanzati o confusi, è probabile che siano stressati, indipendentemente dalla quantità di lavoro assegnato. Inoltre, gli studenti sono spesso stressati dal modo in cui svolgono i compiti a casa, in particolare perché il completamento e la qualità dei compiti sono solitamente presi in considerazione nei voti dei corsi degli studenti.

Dato lo stress da compiti a casa segnalato da così tanti studenti, abbiamo aggiornato il nostro precedente white paper sui compiti con un ampia rassegna della letteratura attuale sui compiti a casa e i suoi benefici. Sulla base di questa recensione, abbiamo scoperto che la relazione tra il tempo speso per i compiti e il rendimento scolastico è sfumata e complessa.

Nella scuola elementare, ci sono pochissime, se non nessuna, prove che il tempo speso per i compiti nella maggior parte delle aree disciplinari abbia un effetto positivo sul rendimento. (Un'eccezione degna di nota è la lettura per piacere, che è associata ai risultati. Uno studio del 2013 ha scoperto che l'influenza della lettura per piacere è potente per lo sviluppo cognitivo dei bambini , soprattutto in termini di vocabolario.)

La storia continua sotto la pubblicità

Nelle scuole medie e superiori, c'è una relazione leggermente positiva tra il tempo speso per i compiti e i voti e i punteggi dei test nella recente ricerca. Tuttavia, questi vantaggi sono complicati da vari fattori e limitazioni, tra cui se i compiti a casa erano interessanti per gli studenti, quanto impegno ci hanno messo e il livello di difficoltà e lo scopo del compito. Inoltre, diversi studi hanno riscontrato rendimenti decrescenti sul valore dei compiti a casa una volta che uno studente supera una certa quantità di tempo trascorso su di essi.

Per far funzionare i compiti a casa per studenti ed educatori, ti consigliamo di esaminare da vicino la qualità e lo scopo dei compiti ponendo cinque domande. Queste domande si applicano se l'apprendimento avviene principalmente a scuola, a casa o un ibrido dei due.

  • Gli studenti comprendono lo scopo e il valore del compito?Quando gli studenti percepiscono i compiti a casa come un lavoro impegnativo, insignificante o di scarso valore per l'insegnante, è meno probabile che li completino e possono diventare meno interessati all'apprendimento e alla scuola in generale. Gli educatori possono aumentare il coinvolgimento chiarendo lo scopo del lavoro e consentendo agli studenti di scegliere quali problemi svolgere o quali argomenti ricercare. Gli insegnanti possono anche consentire agli studenti di fermarsi quando credono di aver compreso il concetto.
  • Tutti gli studenti saranno in grado di svolgere il compito in modo indipendente?È difficile progettare compiti a casa che soddisfino le esigenze accademiche e di sviluppo di ogni bambino, ma gli studenti hanno maggiori probabilità di disimpegnarsi quando un compito sembra troppo difficile o troppo facile. Gli insegnanti possono utilizzare una varietà di strategie di valutazione formativa, come i check-in degli studenti e i biglietti di uscita giornalieri per lottare per la sfida 'giusta' per ogni studente e garantire che i compiti a casa possano essere svolti senza l'aiuto di genitori o tutor, soprattutto perché non tutti gli studenti hanno le risorse per ottenere un aiuto esterno.
  • È meglio svolgere questo compito in classe piuttosto che come compiti a casa?Alcune attività non possono essere svolte in modo efficace o efficiente in classe o durante l'apprendimento online sincrono, come leggere un capitolo di un libro per prepararsi alla discussione in classe o intervistare un membro della comunità per un progetto di storia orale. Queste attività potrebbero essere meglio assegnate come compiti a casa o durante l'apprendimento asincrono. La pratica delle abilità, come imparare quando e come applicare algoritmi in matematica o analizzare passaggi di testo difficili, potrebbe essere più efficace durante le lezioni, dove gli insegnanti possono chiarire le incomprensioni e fornire feedback e coaching.
  • Quanto tempo dovrebbe richiedere questo incarico?Se hai intenzione di assegnare i compiti a casa, considera quanto tempo dovrebbe richiedere il compito e consiglia un orario limite appropriato per gli studenti senza penalità. I limiti di tempo suggeriti dovrebbero essere basati sullo scopo dell'incarico, nonché sull'età e sulle capacità dello studente. Fare in modo che gli studenti inizino il compito in classe o durante l'apprendimento sincrono ti aiuterà a stimare quanto tempo potrebbero volerci diversi studenti per fare e se hanno bisogno di aiuto. Ricorda che gli studenti possono avere compiti a casa da diverse classi ogni sera, quindi cerca di coordinare compiti e valutazioni di grandi dimensioni con altri insegnanti quando possibile e offri politiche indulgenti in ritardo o 'pass per i compiti' quando il carico di lavoro o gli obblighi domestici sono pesanti.
  • Che tipo di feedback devo fornire sui compiti?La valutazione dei compiti a casa è complicata. Alcuni studenti che non lo consegnano o lo fanno in modo errato potrebbero avere problemi organizzativi o altre ragioni al di fuori del loro controllo, e altri potrebbero aver fatto affidamento su un aiuto esterno per correggere il lavoro. Se scegli di valutare i compiti, assicurati di fornire un feedback utile e tempestivo sui compiti e offri agli studenti l'opportunità di rivedere e inviare nuovamente. Cerca di restituire i compiti valutati prima di una valutazione imminente in modo che gli studenti possano imparare dai loro errori e assicurati che i tuoi commenti siano sufficientemente specifici da consentire agli studenti di apportare correzioni. Ad esempio, invece di contrassegnare semplicemente qualcosa come errato, aggiungi un commento chiedendo a uno studente di mostrare il suo lavoro o spiega che ha bisogno di aggiungere ulteriori prove a sostegno di un paragrafo per rafforzare la sua affermazione.

Poiché gli educatori considerano i cambiamenti che devono apportare al loro curriculum e alla loro pedagogia questo autunno, in particolare come recuperare l'apprendimento perduto durante la primavera e l'estate e come dare priorità alle competenze e alle conoscenze essenziali, le domande sopra possono aiutare a semplificare i compiti, aumentare il coinvolgimento degli studenti , e alleviare parte dello stress che molti studenti stanno vivendo in questo momento.

La storia continua sotto la pubblicità

Per esplorare ulteriormente la ricerca sopra menzionata e per visualizzare ulteriori suggerimenti per la progettazione di compiti a casa efficaci, [insegnanti] Potere Scarica il white paper dei compiti a casa Sfida Successo.

Riferimenti

Cooper, H. (1989). Sintesi della ricerca sui compiti a casa.Leadership educativa,47(3), 85-91.

Cooper, H. (2007).La battaglia per i compiti: terreno comune per amministratori, insegnanti e genitori. Thousand Oaks, CA: Corwin Press.

Sullivan, A. & Brown, M. (2013).Disuguaglianze sociali nei punteggi cognitivi all'età di 16 anni: il ruolo della lettura. Centro di studi longitudinali. Recuperato da https://cls.ucl.ac.uk/wp-content/uploads/2017/04/CLS-WP-2013-10.pdf