L'educazione di Steven Spielberg. Non ha coinvolto l'edera.

L'educazione di Steven Spielberg. Non ha coinvolto l'edera.

È luglio. Sei presto al college, deluso che non sia quello che volevi di più? Ti penti dei tuoi voti meno che stellari del liceo e del tempo che hai dedicato al divertimento piuttosto che allo studio?

Forse ti stai preoccupando troppo. Considera il caso di un adolescente ossessionato da una famiglia problematica che si iscrisse alla scuola ora conosciuta come California State University a Long Beach nell'estate del 1965, dopo non essere riuscito a entrare nelle sue scuole di prima scelta. Il suo nome era Steven Allan Spielberg. Potresti aver sentito parlare di lui. Il regista di fama mondiale è diventato uno dei miei argomenti preferiti perché la sua storia è così in contrasto con le lezioni che insegniamo ai bambini sulla scuola e sul successo.

Due studiosi di talento, Stacy Berg Dale della Andrew W. Mellon Foundation e l'economista di Princeton Alan Krueger, hanno usato il nome di Spielberg due decenni fa per descrivere un aspetto sorprendente della loro ricerca sulla frequenza selettiva al college. Hanno scoperto che gli studenti ammessi a college selettivi ma che frequentavano scuole meno selettive stavano facendo altrettanto bene finanziariamente 20 anni dopo, come lo erano gli studenti che frequentavano le istituzioni selettive. I ricercatori hanno concluso che ciò che contava erano i punti di forza del carattere che li hanno ammessi alle scuole selettive, non il nome del college sul loro diploma.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Dale e Krueger sono stati anche sorpresi nello scoprire che molti candidati respinti dalle scuole selettive lo hanno fatto più avanti nella vita quanto gli studenti che sono stati accettati e frequentati. I ricercatori hanno ipotizzato che il forte senso dello scopo di questi studenti li abbia resi di successo, anche se il loro college preferito ha detto di no. Lo chiamarono effetto Spielberg perché sapevano che il famoso regista era stato rifiutato da prestigiose scuole di cinema dell'Università della California a Los Angeles e della University of Southern California.

Per controllare i dettagli biografici, ho recentemente acquistato una copia del libro di 640 pagine di Joseph McBride, ' Steven Spielberg: una biografia (seconda edizione) .” È inquietante per quelli di noi che ripongono la nostra fiducia nel fare i compiti e dipendono da un buon college per il successo.

Esattamente perché Spielberg è stato rifiutato da quelle scuole di cinema? Aveva un curriculum straordinario. Dall'età di 10 anni, il bambino non faceva altro che girare film. Il suo film di guerra di 40 minuti 'Escape to Nowhere', completato quando aveva 15 anni, ha vinto il primo premio in un concorso cinematografico amatoriale in tutto lo stato dell'Arizona. Il suo primo lungometraggio di 2 ore e 15 minuti 'Firelight' - un precursore di 'Incontri ravvicinati del terzo tipo' - aveva una colonna sonora sincronizzata e altri abbellimenti tecnici. La Repubblica dell'Arizona ha fatto una storia al riguardo. Il film ha avuto una premiere simile a Hollywood, con riflettori, al Phoenix Little Theatre quando lo scrittore-regista-produttore era un alunno. Perché non è entrato alla UCLA o alla USC?

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

McBride rivela che i voti di Spielberg erano semplicemente troppo bassi. Ha avuto un sacco di C all'Arcadia High School di Phoenix e poi alla Saratoga High School vicino a San Jose. Odiava la scuola. Aveva la dislessia, poi non diagnosticata. Voleva solo fare film.

Sua madre, uno spirito libero con talento artistico, gli ha dato carta bianca. 'Era così tollerante nei confronti della mancanza di interesse di suo figlio per la scuola che spesso lo lasciava stare a casa, fingendosi malato, in modo che potesse montare i suoi film', ha scritto McBride. Suo padre, sebbene infastidito dai voti di Steven, faceva spesso i compiti di scienze per lui. Il loro imminente divorzio ha sconvolto il figlio.

Quando sono arrivati ​​i rifiuti della scuola di cinema, Spielberg aveva iniziato la sua vita l'estate precedente come un cameriere non pagato in rapida ascesa alla Universal Pictures. Chuck Silvers, lo staff di produzione della Universal con cui Spielberg ha fatto amicizia per la prima volta, ha chiesto alle persone che conosceva alla USC se si potesse fare un'eccezione per 'questo ragazzo che era così incredibile'. Hanno detto di no.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Eppure è diventatoilSteven Spielberg. L'energia e il talento narrativo che ha rivelato ai suoi sempre più potenti mentori alla Universal hanno fatto la differenza. Ha lasciato il college e non è tornato a completare il lavoro per la sua laurea a Cal State Long Beach fino al 2002.

Quante persone raggiungono il successo in questo modo? Probabilmente più di quanto pensiamo. Le credenziali accademiche sono importanti in America, ma sapere cosa vuoi è fondamentale.

Pochi di noi sono precoci come Spielberg, ma alla fine vediamo possibilità intriganti. L'effetto Spielberg è buono. Almeno ti sveglierà ogni mattina sapendo cosa vuoi fare quel giorno.