Il capo federale degli aiuti agli studenti Richard Cordray parla dei prestiti agli studenti: 'Intendiamo e riterremo responsabili i servizi'.

Il capo federale degli aiuti agli studenti Richard Cordray parla dei prestiti agli studenti: 'Intendiamo e riterremo responsabili i servizi'.

Il sistema federale di aiuti agli studenti è nel bel mezzo di una revisione fondamentale. Uno sforzo di lunga data per rinnovare la gestione dei prestiti agli studenti sta arrivando al culmine, così come gli sforzi per rendere più facile l'iscrizione a piani di rimborso basati sul reddito e ottenere aiuti finanziari.

La posta in gioco è alta per milioni di americani che hanno fatto affidamento sugli aiuti federali per finanziare la propria istruzione, per coloro che avranno bisogno di tale sostegno in futuro e per i responsabili della trasformazione.

Nulla di tutto questo è andato perduto su Richard Cordray, il nuovo capo dell'ufficio federale degli aiuti del Dipartimento dell'Istruzione incaricato di istituire tali riforme.

L'ex direttore del CFPB Richard Cordray ha scelto di dirigere l'ufficio federale per gli aiuti agli studenti

L'ufficio fornisce più di 150 miliardi di dollari in sovvenzioni federali, prestiti e fondi per lo studio del lavoro agli studenti universitari ed è diventato uno dei maggiori finanziatori della nazione. Gli esperti di politica si sono chiesti se l'ufficio ha le competenze economiche per affrontare la sfida dell'aumento delle insolvenze sui prestiti e di un sistema di prestito ingombrante.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Cordray, che ha sostituito Mark A. Brown, è entrato nel suo nuovo ruolo il mese scorso come i legislatori hanno espresso preoccupazione sulla capacità del dipartimento di ricondurre i mutuatari al rimborso quando la moratoria pandemica terminerà a settembre. Milioni di persone erano inadempienti prima della sospensione dei pagamenti, che secondo molti legislatori democratici è il risultato di una scarsa guida da parte dei servizi di prestito del dipartimento, come Navient e Nelnet.

Sebbene l'ufficio per gli aiuti agli studenti stia rivedendo il modo in cui amministra e gestisce i prestiti federali - un progetto soprannominato NextGen - il respingimento da parte di appaltatori e membri del Congresso ha provocato ritardi. Questa settimana, Cordray ha esteso i contratti del dipartimento di sei mesi con i servicer esistenti per dare più spazio all'agenzia. Ma ha detto alle società che l'estensione sarebbe 'l'ultima azione che la FSA intraprenderà sotto la mia guida che si qualifica come al solito'.

In una conversazione con il Washington Post, Cordray ha discusso più a lungo della questione e della sua visione in via di sviluppo per l'ufficio per gli aiuti agli studenti. Segue una versione modificata della conversazione.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

D: Nella lettera che hai inviato ai servicer questa settimana, menzioni che FSA lavorerà per stabilire chiari parametri di riferimento delle prestazioni. Cosa hai in mente in questo momento?

A: Ho avuto a che fare con i prestatori di servizi di prestito quando ero a capo dell'Ufficio per la protezione finanziaria dei consumatori. E, sai, c'è stata una varietà di esperienze. Alcuni più felici di altri.

Stiamo esaminando benchmark di performance più specifici che siano rigorosi e che, se non rispettati, porterebbero alla risoluzione dei contratti o alla riallocazione dei prestiti. Ciò ha a che fare con il modo in cui vengono trattati i mutuatari, la rapidità con cui vengono gestite le cose. Dobbiamo allineare gli incentivi e portare i servicer sulla stessa pagina con noi in termini di obiettivi del dipartimento su come devono essere trattati i mutuatari.

La storia continua sotto la pubblicità

Ci sono stati benchmark in vigore negli ultimi anni. Ma, sai, ci aspettiamo di essere rigorosi nell'eseguirlo. I servicer se lo aspettano qui. Conoscono lo sfondo. Hanno già avuto a che fare con me. Intendiamo e riterremo responsabili i servicer.

D: Una delle lamentele più grandi da parte dei servicer che ho sentito regolarmente nel corso degli anni è che il dipartimento non ha mai fornito una guida completa per la manutenzione, nessun tipo di manuale o regole chiare e chiare della strada. E questo crea più confusione tra i mutuatari e tra i servicer. Cosa sta facendo il dipartimento per affrontare questa preoccupazione?

A: Sì, guarda, se questa è una preoccupazione vera e legittima o se è un po' una scusa per una situazione, sai, non ipotizzerò. Ma creeremo modi misurabili specifici e chiari per valutare le prestazioni. E i servicer o li incontreranno o no. E se no, ci saranno conseguenze. È così che intendo operare in questa posizione.

La storia continua sotto la pubblicità

D: Come sicuramente saprai, i membri del Congresso hanno espresso preoccupazione per i milioni di mutuatari che verranno restituiti al rimborso questo autunno. Cosa sta facendo FSA per prepararsi alla fine della pausa di pagamento?

A: Ci stiamo incontrando intensamente su questo proprio ora. Ci sono molti motivi di preoccupazione qui. Ci sono molte parti in movimento. Ci sono problemi relativi al condono del prestito che potrebbero intromettersi anche in questo e influenzarlo. E ci sono problemi relativi ai contratti di servizio esistenti e simili. È una situazione molto complessa, ma la affronteremo rapidamente con il buon senso.

D: Prima della pandemia c'erano circa 7,4 milioni di mutuatari inadempienti. C'è una vera preoccupazione per ciò che accade a quei mutuatari e il potenziale per più persone di affrontare quel destino quando la moratoria finirà. Cosa sta facendo il dipartimento per aiutare quei mutuatari a tornare al rimborso?

La storia continua sotto la pubblicità

A: Sai, il modo in cui viene gestito avrà un'importanza enorme per quei mutuatari e avrà un'importanza enorme per i dettagli operativi del nostro programma. Mi stai chiedendo varie cose per le quali non ho decisioni per te oggi, ma queste sono cose che verranno decise nel prossimo futuro. E come li avremo, saremo lieti di tenervi informati.

D: Gran parte della conversazione sui prestiti agli studenti si è concentrata sulla cancellazione, ma anche il servizio di assistenza è estremamente importante. NextGen promette di risolvere alcuni dei problemi che i sostenitori dei consumatori hanno sollevato riguardo al servizio, ma è un progetto che precede il tuo mandato. Qual è la tua visione a lungo termine per il servizio di prestito?

A: Sì, sono qui da un mese quindi potrei non avere tutte le notizie per te oggi. Ci sono alcuni elementi, come sai, di NextGen che sono già in corso e che finora, direi quello che ho visto, sembra sensato. Ci sono questioni a lungo termine su cosa fare con l'aspetto del recupero crediti e cosa fare con l'aspetto del servizio del prestito, che non è stato ancora deciso. E queste sono cose su cui stiamo lavorando per decidere. E poiché abbiamo cose da dirti su questo, che di nuovo, dovrebbero essere nel prossimo futuro, ci assicureremo che tu ne sia consapevole.

La storia continua sotto la pubblicità

D: Qual è il significato della revoca del memorandum del 2017 che richiede ai servicer di inviare una richiesta alla FSA prima di rilasciare informazioni ai procuratori generali dello stato? Come si inserisce nella tua visione più ampia per FSA?

A:È una sensazione molto chiara che le diverse parti del governo che lavorano insieme per garantire la supervisione e la responsabilità di questi grandissimi servicer con milioni di clienti sia davvero importante. Non è un lavoro solo per un'area del governo. Più aree possono lavorare insieme. Una delle cose che stiamo segnalando qui molto forte e chiaro è che lavoreremo con quelle persone. Non cercheremo di ostacolarli, come penso stesse accadendo sotto il regime precedente. Ci aiuterà a raggiungere l'obiettivo finale, ovvero un servizio migliore per i mutuatari in tutto il paese e la responsabilità dei gestori di fornire tale servizio, che è ciò che anche noi del dipartimento intendiamo fare.