FTC raggiunge un accordo di $ 91 milioni con l'Università di Phoenix in un'indagine sulla pubblicità ingannevole

FTC raggiunge un accordo di $ 91 milioni con l'Università di Phoenix in un'indagine sulla pubblicità ingannevole

Il colosso a scopo di lucro dell'Università di Phoenix cancellerà milioni di dollari di debiti degli studenti e pagherà un risarcimento per risolvere le accuse di pubblicità ingannevole, ha detto martedì la Federal Trade Commission.

Phoenix deve pagare alla FTC $ 50 milioni, che verranno utilizzati per risarcire gli ex studenti. Deve anche rinunciare alla riscossione di circa $ 141 milioni di debiti dovuti direttamente alla scuola dalle persone che hanno frequentato tra il 2012 e il 2016. I mutuatari idonei riceveranno una notifica dall'università, secondo la commissione.

'Questo è il più grande accordo che la Commissione ha ottenuto in un caso contro una scuola a scopo di lucro', ha dichiarato in una nota Andrew Smith, direttore del Bureau of Consumer Protection della FTC. 'Gli studenti che prendono decisioni importanti sulla loro istruzione hanno bisogno dei fatti, non di opportunità di lavoro fantastiche che non esistono'.

Il marketing universitario a scopo di lucro sta iniziando a ritorcersi contro

Gli investigatori affermano che l'Università di Phoenix ha condotto una campagna pubblicitaria che includeva Microsoft, Twitter, Adobe e Yahoo, dando una falsa impressione che la scuola lavorasse con quelle aziende per assumere i suoi studenti. Non c'era tale partnership, secondo la FTC, un'accusa che l'università contesta. La commissione sostiene inoltre che l'università ha affermato falsamente di aver lavorato con una serie di aziende, tra cui la Croce Rossa americana, Rubbermaid e AT&T, per sviluppare corsi.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Secondo la denuncia, la campagna di marketing fuorviante ha preso di mira membri del servizio attivo, veterani e coniugi militari. L'università è stata la più grande beneficiaria dei benefici per l'istruzione dopo l'11 settembre GI Bill sin dall'inizio del programma più di un decennio fa.

L'Università di Phoenix nega ogni addebito e insiste sul fatto che la scuola avesse rapporti con le aziende evidenziate nella campagna pubblicitaria. I funzionari dell'università hanno affermato di sentirsi fiduciosi sulla capacità della scuola di vincere in tribunale, ma volevano mettere a tacere la questione.

'Continuiamo a credere che l'Università abbia agito in modo appropriato', ha affermato la società in una nota. 'Questo accordo ci consentirà di mantenere l'attenzione sulla nostra missione principale di migliorare la vita degli studenti attraverso l'istruzione superiore rilevante per la carriera e di evitare qualsiasi ulteriore distrazione dal servire gli studenti che potrebbe derivare da un lungo contenzioso'.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

L'accordo di martedì porta a conclusione un'indagine iniziata nel 2015 e che ha generato altri grattacapi normativi per Phoenix. Poco dopo che la FTC ha iniziato la sua indagine, Apollo Education Group, che possiede Phoenix, ha affermato che il Dipartimento della Difesa stava considerando di vietare all'università di partecipare al suo programma di assistenza alle tasse scolastiche, citando l'indagine della FTC oltre ad altre indagini del governo.

Perché il Dipartimento della Difesa sta cacciando l'Università di Phoenix dalle basi militari?

Nello stesso periodo, il Dipartimento della Difesa ha sospeso il college a scopo di lucro dal reclutamento nelle basi militari e ha posto una moratoria di sei mesi sull'accesso ai fondi per l'istruzione dedicati ai membri del servizio. La decisione è scaturita dalle accuse secondo cui l'università ha sponsorizzato eventi di reclutamento in violazione di un ordine esecutivo che impedisce ai college a scopo di lucro di ottenere un accesso preferenziale all'esercito.

I gruppi di veterani hanno criticato le agenzie federali per non aver fatto abbastanza per mantenere i benefici dell'istruzione fuori dalle mani dei college che dicono predano i membri delle forze armate. Quest'anno, tre dozzine di gruppi di advocacy hanno esortato il Segretario per gli affari dei veterani Robert Wilkie a intensificare il monitoraggio dei programmi universitari che iscrivono i veterani dopo un audit ha scoperto che una supervisione lassista potrebbe tradursi in $ 2,3 miliardi di benefici per le tasse scolastiche che andranno a scuole predatorie durante i prossimi cinque anni.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'Quando è troppo è troppo. È tempo di fermare la derubazione dei veterani e dei membri del servizio d'America da parte dei college predatori', ha affermato Carrie Wofford, presidente di Veterans Education Success, un gruppo di advocacy. 'Ringraziamo la FTC per la sua leadership e chiediamo al VA e al Dipartimento della Difesa di proteggere i veterani e i membri del servizio'.

Durante l'indagine della FTC, il gruppo di advocacy ha collegato la commissione a una mezza dozzina di informatori che hanno prestato servizio come reclutatori per Phoenix. Wofford ha affermato che l'accordo della FTC fa pressione su VA per far rispettare la legge federale che richiede all'agenzia di tagliare i fondi di GI Bill alle scuole che si impegnano in reclutamento e pubblicità ingannevoli e fuorvianti. VA non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento martedì.

I fondi per l'istruzione guadagnati da uomini e donne che prestano servizio nell'esercito degli Stati Uniti sono diventati una fonte stabile di entrate per molti college, in particolare le scuole a scopo di lucro. Le pratiche di reclutamento aggressive di alcuni college a scopo di lucro sono state ben documentate. Un'indagine del Senato del 2012 ha trovato prove di scuole che schierano squadre negli ospedali per veterani e nei centri di Wounded Warrior per iscrivere gli studenti. Alcuni reclutatori hanno ingannato o mentito ai veterani dicendo loro che i loro benefici militari coprono l'intero costo delle tasse scolastiche.