Un numero crescente di stati afferma di chiudere le scuole per il resto dell'anno 2019-2020

Un numero crescente di stati afferma di chiudere le scuole per il resto dell'anno 2019-2020

(Aggiornamento al 3 aprile: più stati chiudono le scuole per l'anno accademico)

Un numero crescente di stati afferma che le loro scuole rimarranno chiuse per il resto dell'anno accademico 2019-20 per arginare l'epidemia di coronoavirus.

A partire da venerdì 3 aprile, c'erano una dozzina di stati più le Isole Marianne Settentrionali nel Pacifico che avevano ordinato o raccomandato la chiusura di tutte le scuole. E con gli esperti medici che avvertono che il coronavirus si sta ancora diffondendo in tutto il paese, si prevede che altri stati si uniranno a loro.

Il governatore del Michigan Gretchen Whitmer (D) ha firmato un ordine esecutivo giovedì alla fine della chiusura ufficiale delle scuole per il resto dell'anno scolastico, a meno che le regole sul distanziamento sociale non vengano allentate. Aveva chiuso le scuole il 16 marzo, dicendo che avrebbero riaperto il 5 aprile, ma poi ha rimandato la cosa fino al 14 aprile quando ha emanato un ordine di soggiorno a casa in tutto lo stato.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Sempre giovedì, il sovrintendente alla pubblica istruzione dell'Indiana, Jennifer McCormick, ha annunciato che le scuole in quello stato non riapriranno quest'anno scolastico.

All'inizio della settimana, il governatore della Georgia Brian Kemp (R) ha dichiarato che avrebbe annullato il secondo semestre dell'anno e il capo dell'istruzione della California ha affermato che i distretti scolastici dello stato dovrebbero pianificare di mantenere chiusi i loro campus e fornire istruzione a distanza a tutti gli studenti.

Con gli esperti di malattie infettive che affermano che la diffusione della malattia peggiorerà, è probabile che anche molti altri stati manterranno gli studenti a casa e cercheranno di fornire l'apprendimento a distanza.

Queste dozzine di stati stanno ora pianificando di tenere le scuole chiuse quest'anno accademico: Alabama, Arizona, California, Georgia, Indiana, Kansas, Michigan, New Mexico, Nebraska, Oklahoma, Virginia e Vermont.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Tony Thurmond, sovrintendente statale della pubblica istruzione della California, ha rilasciato una dichiarazione martedì scorso affermando che 'attualmente sembra che i nostri studenti non saranno in grado di tornare nei campus scolastici prima della fine dell'anno scolastico' a causa di problemi di sicurezza e della continua necessità di riduzione dei contatti.

Con il paese impegnato in un passaggio senza precedenti all'apprendimento a distanza, in gran parte online, Thurmond ha affermato che le scuole della California dovrebbero prepararsi a far sì che il curriculum venga consegnato agli studenti attraverso l'apprendimento a distanza per il resto dell'anno scolastico.

“Da quello che sappiamo in questo momento, le nostre scuole saranno chiuse più a lungo di quanto pensassimo inizialmente”, ha detto, “e sarà meglio se le nostre scuole sono preparate per tale estensione, preparando i loro modelli di apprendimento a distanza fino alla fine dell'anno scolastico».

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

La California è uno dei tanti stati che di recente ha chiuso gli edifici scolastici senza fissare date per la riapertura; gli altri sono New Jersey, North Carolina e Pennsylvania. Nel frattempo, alcuni stati che si aspettavano di riaprire le scuole a marzo hanno posticipato le date ad aprile e maggio.

Il presidente Trump aveva recentemente affermato di voler riaprire il paese entro Pasqua, che è il 12 aprile, ma da allora ha affermato che manterrà in vigore le linee guida federali sul distanziamento sociale fino ad aprile.

Gli esperti medici affermano che sebbene il distanziamento sociale abbia aiutato – la maggior parte, ma non tutti, ha ordini di “restare a casa” – il pericolo che la malattia continui a diffondersi per qualche tempo è reale. Anthony S. Fauci, direttore dell'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, ha dichiarato martedì sera su MSNBC che la durata del distanziamento sociale sarà estesa perché molte persone non seguono le linee guida.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Nel frattempo, il direttore dei Centers for Disease Control and Prevention, Robert Redfield, ha detto a WABE Notizie ad Atlanta che fino al 25% delle persone che hanno il virus potrebbero non mostrare sintomi, il che può consentirgli di diffondersi in luoghi che rilassano il loro requisito di isolamento sociale.

Alcuni distretti stanno prendendo in considerazione modi per aiutare gli studenti a recuperare l'apprendimento perduto, compresa l'apertura della scuola estiva e l'inizio anticipato del semestre autunnale.