L'istruzione a domicilio è esplosa tra gli studenti neri, asiatici e latini. Ma non era solo la pandemia.

L'istruzione a domicilio è esplosa tra gli studenti neri, asiatici e latini. Ma non era solo la pandemia.

Quando gli edifici scolastici sono stati chiusi l'anno scorso, Torlecia Bates non aveva pensato molto all'istruzione a casa dei suoi due figli in età scolare. Come molti genitori, Bates, che vive fuori Richmond, considerava la scuola a distanza un inconveniente temporaneo e aveva intenzione di rimandarli indietro non appena le scuole fossero riaperte.

Poi qualcosa in lei è cambiato.

Dopo l'omicidio di George Floyd, Bates, che è Black, ha avuto un attacco di panico. Era preoccupata per la sicurezza della sua famiglia. E ha iniziato a chiedersi se la scuola frequentata dai suoi figli fosse attrezzata per parlare di razzismo con i giovani studenti. Bates, che ha un master in teologia ed è ora un manager nel settore bancario, non ha appreso del razzismo sistemico fino a quando non era al college. Anche i suoi figli avrebbero dovuto aspettare così a lungo per capire le radici dell'ingiustizia?

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Per i figli di Bates, Kayden di 10 anni, Kaylee di 8 anni e Kayson di 3 anni, queste lezioni non potrebbero essere più critiche: i bambini sono i discendenti di Sally Hemings, la donna schiava i cui sei figli sono stati generati da Thomas Jefferson, e vivono non lontano da Monticello, la piantagione dell'ex presidente.

“Avendo a che fare con tutto ciò con cui abbiamo a che fare – con il clima sociale, con il clima politico, non riuscivo a far tornare i miei figli a scuola. Non potevo proprio', ha detto Bates.

Quindi l'estate scorsa ha fatto qualcosa che aveva a malapena considerato prima: ha deciso di portare i suoi due figli più grandi fuori da scuola e insegnargli da sola, il tutto mentre si prendeva cura della loro sorella minore.

La storia continua sotto la pubblicità

Con l'avvicinarsi del nuovo anno scolastico, milioni di genitori sono ansiosi di riconsegnare i propri figli agli insegnanti e di lasciarsi alle spalle la scuola a distanza, che ha provocato rabbia, frustrazione e disordini finanziari per i genitori che avevano bisogno di tornare al lavoro. Ma per altri genitori, in particolare i genitori di colore, la pandemia e la resa dei conti nazionale sulla razza della scorsa estate li hanno spinti a ritirare completamente i loro figli dalle scuole tradizionali, mosse che hanno contribuito ad alimentare un'esplosione di popolarità dell'istruzione a casa.

La percentuale di bambini nell'istruzione a domicilio è quasi triplicata dalla metà del 2019. A maggio di quest'anno, l'Ufficio del censimento degli Stati Uniti ha rilevato che più di 1 studente su 12 veniva istruito a casa.

Ancora più notevoli sono le origini di questi guadagni: anche se l'istruzione a domicilio è stata spesso considerata dominio delle famiglie religiose bianche, gli aumenti più significativi sono stati osservati tra le famiglie nere, latine e asiatiche.

La storia continua sotto la pubblicità

Tra il 2019 e il maggio 2021, i tassi di istruzione a domicilio sono passati da circa l'1% all'8% per gli studenti neri, un aumento di oltre sei volte. Tra gli studenti ispanici, i tassi sono balzati dal 2% al 9%. L'aumento è stato meno drammatico per le famiglie bianche, dove l'istruzione a domicilio è raddoppiata dal 4% all'8% nello stesso periodo di tempo. Tra il 2016, l'anno dei dati più recenti disponibili per le famiglie asiatiche americane, e maggio, i tassi di istruzione a domicilio sono passati dall'1% al 5%.

Con l'aumento dei tassi di vaccinazione contro il coronavirus e il calo dei tassi di infezione, gli educatori sperano che i genitori neri, latini e asiatici – che avevano espresso la più grande riluttanza a tornare in classe – si sentiranno abbastanza sicuri da riportare i propri figli negli edifici scolastici. Ma molti hanno preoccupazioni che vanno ben oltre i problemi di sicurezza del coronavirus, il che significa che la ripresa potrebbe diventare permanente.

Quando le scuole riaprono, gli studenti asiatici americani mancano dalle aule

Ciò che sta guidando il cambiamento è difficile da analizzare, a causa della scarsità di ricerche che si concentrano su famiglie nere, latine e asiatiche. Ma studi precedenti sulle famiglie nere che studiavano a casa hanno scoperto che spesso venivano espulse dai sistemi scolastici tradizionali quando i loro figli incontravano un trattamento razzista in classe. Nelle interviste, le famiglie latine hanno espresso preoccupazioni simili. E le famiglie asiatiche hanno cercato di influenzare l'educazione culturale dei loro figli.

La storia continua sotto la pubblicità

In molti casi, la migrazione dall'istruzione tradizionale mostra i timori crescenti tra i genitori di colore che le scuole stiano fallendo i loro figli e la crescente consapevolezza delle disparità razziali nel trattamento e nei risultati per i bambini di colore. La disuguaglianza è ancora profondamente radicata nelle scuole pubbliche della nazione, con enormi divari di rendimento che segnano le prestazioni tra studenti bianchi e asiatici e quelli neri e latini. Per i genitori già frustrati dall'istruzione dei propri figli, la pandemia ha fornito un altro motivo per provare l'istruzione a casa.

'Sento che il sistema scolastico sta predisponendo questi ragazzi al fallimento e non voglio che mio figlio ne faccia parte', ha detto Jennifer Johnson, un'ex insegnante di Baltimora che ora sta crescendo - e insegnando a casa - i suoi 7 -il cugino di un anno Donovan Bien. Le scuole cittadine sottofinanziate, dove tre quarti degli studenti sono neri e almeno il 58% proviene da famiglie a basso reddito, sono emblematiche del tipo di scuole che i bambini neri frequentano in tutta la nazione. “Le scuole della città di Baltimora, da quando sono state istituite, hanno chiesto risorse adeguate: edifici, materiali. Ma non abbiamo queste cose', ha detto Johnson.

Il video della body-cam mostra una bambina di 6 anni che chiede aiuto mentre gli agenti la legano con la zip

Bernita Bradley, un'attivista dell'educazione a Detroit che lavora con la National Parents Union, ha affermato che la pandemia mette in netto rilievo le disparità tra la città e i sobborghi più ricchi. Dopo la chiusura delle scuole lo scorso marzo, i distretti suburbani sono entrati in azione e hanno iniziato la scuola a distanza mentre Detroit stava ancora cercando di fornire laptop agli studenti.

La storia continua sotto la pubblicità

'I nostri figli qui erano in una situazione di stallo e tutto ciò che ci veniva detto era 'Dateci tempo'', ha detto Bradley, che ha insegnato a casa a sua figlia per il suo ultimo anno dopo un triste inizio all'apprendimento virtuale in primavera. 'Seriamente, è stato devastante.'

Khadijah Z. Ali-Coleman, uno studioso che sta lavorando a un libro sull'istruzione a casa dei neri, ha affermato che molti genitori neri temono che alcune scuole pubbliche tradizionali richiedano un tributo mentale e psicologico ai loro figli.

'Quando parliamo di essere in spazi in cui le nostre storie sono continuamente distorte o ignorate, dove un bambino non può vedere se stesso o i suoi antenati nelle rivisitazioni di storie su come le cose sono state create o si sviluppano, questo è un assalto al tuo stato mentale', ha detto Ali-Coleman. “La scuola a casa diventa uno spazio sicuro.”

Il disegno di legge del Texas per vietare l'insegnamento della teoria razziale critica mette gli insegnanti in prima linea nella guerra culturale su come viene insegnata la storia

Prima della pandemia, la ricerca ha dimostrato che i genitori neri della scuola a domicilio cercavano di sfuggire a un sistema che ritenevano trattasse ingiustamente i propri figli. È stato scoperto da Mahala Dyer Stewart, sociologa e visiting professor all'Hamilton College di New York, quando ha intervistato famiglie nere e bianche che studiano a casa in una regione metropolitana del nord-est senza nome come parte di uno studio condotto dal 2014 al 2016.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'Ho avuto molte storie di ragazzi neri che venivano inquadrati dagli insegnanti in particolare come violenti o ostili quando la madre non vedeva da dove provenisse', ha detto Stewart in un'intervista. Al contrario, le madri bianche erano principalmente preoccupate di soddisfare le esigenze scolastiche dei loro figli e non hanno mai espresso ansia che i loro figli fossero presi di mira. 'Era completamente diverso.'

La paura espressa dalle madri nere non è affatto unica per quella comunità.

Tanya Sotelo è latina e cresce la sua famiglia in una comunità a est di Los Angeles. Lei e suo marito hanno iniziato a studiare a casa il loro figlio autistico Fox, 8 anni, quest'anno in parte perché hanno iniziato a preoccuparsi di cosa sarebbe successo quando il ragazzo avesse perso la sua 'carineria e piccolezza'. Quando Fox è diventato più alto, gli amministratori lo avrebbero percepito come una minaccia quando è nel bel mezzo di un esaurimento?

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Le sue paure sono radicate nei dati: i bambini neri e latini e gli studenti di educazione speciale sono sovrarappresentati nelle sospensioni, espulsioni e arresti scolastici, per ragioni che alcuni attribuiscono a pregiudizi razziali.

'Si è discusso molto su come i bambini disabili siano sproporzionatamente dati in detenzione, sospesi, disciplinati e come anche in alcuni stati, sai, come gli ufficiali delle risorse scolastiche effettivamente ammanettano o addirittura prendono i bambini, sai, li mettono nella squadra macchina o quant'altro', ha detto Sotelo.

Cheryl Fields-Smith, professoressa di educazione all'Università della Georgia che ha condotto la ricerca più significativa sulle famiglie nere che scolarizzano a casa, ha affermato di essere preoccupata per ciò che la scuola tradizionale – inclusa la scarsità di storia nera – fa alla psiche di un bambino nero.

La storia continua sotto la pubblicità

Ha detto che i recenti sforzi per reprimere il modo in cui gli insegnanti parlano della razza - inclusa l'approvazione di leggi che vietano l'insegnamento della 'teoria critica della razza' - la preoccupano. “Coltivare un'identità personale positiva per i bambini di tutte le razze … significa che dobbiamo dire la verità sulla nostra storia. Mi preoccupa che qualcuno sia preoccupato per questo e voglia fermarlo', ha detto Fields-Smith. 'In questo momento, dobbiamo andare a scuola a casa perché il modo in cui sono le scuole, la maggior parte di loro, sta facendo a pezzi i nostri figli'.

Tracie Yorke stava lavorando e mandando anche suo figlio Tyce in una scuola indipendente in Virginia quando la pandemia ha colpito e ha costretto la scuola ad andare a distanza. Quindi, mentre elaborava la propria angoscia e paura dopo l'uccisione di George Floyd, decise che voleva che suo figlio ricevesse un'istruzione che gli desse una comprensione e un profondo senso di orgoglio nelle sue radici, e gli insegnasse perché avrebbe dovuto portare avanti se stesso in modo diverso dai suoi coetanei bianchi.

'Volevo davvero qualcosa di veramente focalizzato sulla giustizia sociale e un focus sulla cultura africana e afroamericana e che rispondesse davvero alle esigenze degli studenti di colore', ha detto Yorke, che ora lavora come consulente educativo dalla sua casa a Hyattsville, Md. .

Quindi, nell'ultimo anno, Tyce ha seguito un miscuglio di corsi online che coprivano i miti della creazione africana, l'intersezione tra scienza e razza e la storia di Grandmaster Flash e turntablism. Invece dello spagnolo, sta imparando lo yoruba. Gli insegna a sfidare le narrazioni storiche eurocentriche, come l'idea che Cristoforo Colombo abbia 'scoperto' le Americhe, una vasta massa di terra che era stata popolata per almeno 20.000 anni prima del suo arrivo.

La resa dei conti razziale della nazione ha spinto Christynn Morris, una madre di due figli, i cui genitori sono emigrati dalle Filippine a indagare sull'anima. E quella ricerca dell'anima l'ha portata a decidere di ritirare le sue figlie dalla scuola privata del New Jersey dove Morris aveva lavorato come insegnante di musica.

Ha detto che stava 'solo pensando al tipo di educazione che i bambini stanno ricevendo' e si chiedeva: 'La loro storia ne farà parte?'

Questo autunno, le sue figlie prenderanno lezioni di danza popolare tagalog e filippina. E li ha iscritti alla scuola virtuale Black Apple orientata alla giustizia sociale.

Per Bates, la madre della Virginia, l'istruzione a casa ha portato anche un senso di libertà. I suoi figli hanno un orario flessibile, che consente loro di fare delle pause quando necessario. I suoi figli possono lavorare sulle proprie linee temporali invece di essere legati a un curriculum in classe, fare pause o dedicare più tempo a argomenti che li fanno inciampare. È intenta a centrare la storia dei neri nella loro educazione.

Era preoccupata che la scuola a casa avrebbe sopraffatto lei e suo marito. Invece, sembrava avere l'effetto opposto.

'Per la prima volta da molto tempo', ha detto Bates, 'mi sono sentito estremamente liberato'.