Katie Bouman ha aiutato il mondo a vedere un buco nero. I fan vogliono 'un posto legittimo nella storia' per lei.

Katie Bouman ha aiutato il mondo a vedere un buco nero. I fan vogliono 'un posto legittimo nella storia' per lei.

Prima è arrivata l'immagine mozzafiato, la prima a mostrare un buco nero, in una galassia a circa 55 milioni di anni luce dalla Terra.

Poi è arrivata la vertiginosa realizzazione che il momento straordinario, durato anni, non sarebbe stato possibile senza il lavoro di una scienziata di 29 anni, che ora ha conquistato un posto speciale nella storia.

Katherine Bouman, ricercatrice post-dottorato presso l'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, ha creato un algoritmo che ha assemblato l'immagine unica nel suo genere. E dopo che l'immagine è stata svelata al mondo mercoledì, Bouman ha iniziato a guadagnare riconoscimenti da colleghi scienziati, storici e politici per il suo significativo risultato.

La storia continua sotto la pubblicità

'Data l'estensione dell'uso di 'storico' oggi, stiamo senza vergogna e legittimamente saltando sul carro #BlackHolePicture. Congratulazioni dottor Bouman!” la Royal Historical Society ha scritto sui social.

Gli algoritmi ci hanno fornito l'immagine del buco nero. È la scienziata di 29 anni che ha contribuito a crearli.

Bouman ha iniziato a lavorare su un algoritmo da studente laureato al Massachusetts Institute of Technology, studiando ingegneria elettrica e informatica.

Secondo Ben Guarino del Washington Post:

Era una delle circa tre dozzine di scienziati informatici che hanno utilizzato algoritmi per elaborare i dati raccolti dal progetto Event Horizon Telescope, una collaborazione mondiale di astronomi, ingegneri e matematici. I telescopi di tutto il mondo hanno raccolto onde radio ad alta frequenza dalle vicinanze di Messier 87, un buco nero supermassiccio distante 54 milioni di anni luce. Ma il disturbo atmosferico e la scarsità delle misurazioni significano che 'un numero infinito di possibili immagini' potrebbe spiegare i dati, ha detto Bouman. Algoritmi ben progettati hanno dovuto sgranocchiare il caos.

Quando la prima immagine in assoluto è stata svelata mercoledì, ha suscitato un'eccitazione travolgente online, non solo per la scienza ma anche per lo scienziato dietro di essa.

'Mi ispiro a Katie Bouman', Phumzile Mlambo-Ngcuka, direttore esecutivo di U.N. Women, ha scritto su Twitter.

E Sue Desmond-Hellmann, CEO della Bill & Melinda Gates Foundation, disse , 'aggiungimi al fan club di #KatieBouman.'

Tale sentimento è stato condiviso attraverso i social media.

Persino ...

Per saperne di più:

Guarda per la prima volta un buco nero in un'immagine storica dell'Event Horizon Telescope