'Una crisi nazionale': mentre il coronavirus costringe molte scuole online questo autunno, milioni di studenti disconnessi vengono lasciati indietro

'Una crisi nazionale': mentre il coronavirus costringe molte scuole online questo autunno, milioni di studenti disconnessi vengono lasciati indietro

Prima della pandemia, era chiamato 'il divario dei compiti', a causa del numero crescente di insegnanti che assegnavano compiti che richiedevano l'accesso a Internet. Ora, poiché la pandemia costringe molte scuole a passare all'apprendimento a distanza, gli studenti disconnessi perderanno più dei compiti. Gli mancheranno tutta la scuola.

Nonostante tutte le chiacchiere sull'esperto di Internet della Generazione Z, un numero incredibile di giovani è escluso dalle lezioni virtuali perché non hanno un servizio Internet ad alta velocità a casa. Nel 2018, quasi 17 milioni di bambini vivevano in case senza Internet ad alta velocità, e più di 7 milioni non avevano computer a casa, secondo un rapporto preparato da una coalizione di diritti civili e gruppi educativi che ha analizzato i dati del censimento per quell'anno.

Il problema colpisce una percentuale sproporzionatamente alta di famiglie nere, latine e nativi americani, con quasi un terzo degli studenti che non hanno Internet ad alta velocità a casa. Particolarmente sovrarappresentati erano anche gli studenti degli stati meridionali e delle comunità rurali. In Mississippi e Arkansas, circa il 40% degli studenti non disponeva di Internet ad alta velocità.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Dopo le chiusure provocate dallo scoppio del nuovo coronavirus, i sistemi scolastici si sono affrettati ad acquistare e distribuire laptop e hot spot WiFi agli studenti e i fornitori di servizi hanno offerto sconti alle famiglie a basso reddito, sforzi che hanno intaccato i numeri.

Il coronavirus espone la disuguaglianza di Internet tra gli studenti statunitensi mentre le scuole chiudono i battenti

I sostenitori dell'istruzione affermano che il Congresso potrebbe fornire una soluzione semplice come parte di un pacchetto di aiuti al coronavirus espandendo un programma esistente che aiuta le scuole e le biblioteche a ottenere servizi Internet. Ma quelle speranze sono crollate insieme ai colloqui tra il Congresso e la Casa Bianca su un nuovo pacchetto di aiuti. Con i colloqui in stallo, il presidente Trump ha emesso un ordine esecutivo per alleviare il coronavirus. Non fornisce nulla per le scuole pubbliche K-12. Le conseguenze del divario tra coloro che hanno accesso all'apprendimento virtuale e coloro che non lo hanno potrebbero essere avvertite negli anni a venire.

'È terribile', ha affermato la rappresentante Abigail Spanberger (D-Va.), che ha spinto per aumentare i finanziamenti che sovvenzionano il costo del servizio Internet per scuole e biblioteche. Il suo distretto contiene parti della Virginia rurale che non sono servite da fornitori di servizi Internet. 'Ci stiamo impegnando a livello generazionale a creare divisioni significative nelle nostre comunità sul tipo di istruzione che ricevono i nostri figli'.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

L'accesso a Internet è così centrale per l'istruzione dei bambini che consentire agli studenti di farne a meno è come mandarli in classe senza libri di testo, ha affermato Jordana Barton, che studia il divario digitale in Texas come consulente per lo sviluppo della comunità per la Federal Reserve Bank di Dallas. La mancanza di un servizio Internet per così tanti studenti è 'una farsa', ha affermato.

'Prima della pandemia, pensavo che il divario dei compiti fosse così grave che Internet avrebbe dovuto essere fornito dalle scuole', ha detto.

Caos coast to coast come un anno scolastico come nessun altro lancio

Gli educatori hanno da tempo considerato l'accesso a Internet ad alta velocità come essenziale, non opzionale, per gli studenti. Ora, la pandemia ha costretto molte scuole ad iniziare le lezioni a distanza e il problema ha assunto nuova urgenza. Poiché Internet è essenziale per ottenere l'accesso all'istruzione virtuale, la mancata fornitura del servizio agli studenti equivale a escluderli del tutto dalla scuola.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'Si torna ai vecchi tempi in cui impedivamo alle persone di andare a scuola per poter imparare a leggere', ha detto Pedro Martinez, sovrintendente del distretto scolastico indipendente di San Antonio in Texas. Più della metà delle famiglie nel distretto di Martinez non dispone di un servizio Internet ad alta velocità a casa. 'È come se dicessimo: 'Non puoi entrare in classe. Non puoi venire a scuola.' '

Haydee Berdejo, 18 anni, residente nel Maryland, non ha Internet ad alta velocità a casa a Baltimora e può connettersi solo con uno smartphone. Quando il suo liceo magnete, il Baltimore City College, ha chiuso a metà marzo, ha trascorso i suoi giorni di scuola curva al telefono, dove aveva difficoltà a sentire i suoi insegnanti.

Berdejo, che viene dal Messico e sta ancora imparando l'inglese, ha affermato che l'impostazione ha reso ancora più difficile colmare il divario linguistico. A volte, lo schermo era sfocato. E sebbene le sue lezioni siano per lo più tenute in inglese, con le scuole chiuse, non ha più accesso a un traduttore.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Ha detto che è in ansia per il prossimo anno scolastico perché ha avuto poche opportunità di praticare l'inglese. 'Sono preoccupata di non essere in grado di partecipare alla lezione o di rispondere a una domanda dell'insegnante, perché non saprò cosa mi stanno dicendo', ha detto in spagnolo.

Anche se molti studenti iniziano la scuola senza un servizio Internet ad alta velocità a casa, il Congresso e la Federal Communications Commission hanno fatto poco per aiutare i sistemi scolastici a soddisfare tale esigenza. Molti hanno rinunciato alla speranza che l'aiuto arrivasse e si sono invece appellati a enti di beneficenza, filantropi e agli stessi fornitori di servizi Internet, sperando in donazioni o sconti. Susan Enfield, il sovrintendente delle Highline Public Schools nello stato di Washington, ha istituito un programma per consentire alle famiglie più benestanti di 'sponsorizzare' le famiglie a basso reddito pagando le bollette di Internet.

Sebbene alcuni fornitori di servizi offrano sconti alle famiglie a basso reddito, il servizio è ancora fuori portata per coloro che hanno scarso credito o bollette non pagate. E anche il tasso scontato può essere eccessivo, soprattutto per le famiglie alle prese con la perdita del lavoro.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

A Baltimora, il sistema scolastico ha aiutato a creare 7.000 famiglie con Internet Essentials, un programma che fornisce servizi Internet a basso costo alle famiglie qualificate. I primi due mesi del programma erano gratuiti. Ma il mese scorso, il sistema scolastico si è reso conto che se non avesse pagato il conto da $ 650.000, molte di quelle famiglie avrebbero perso il servizio.

'Non volevo restare a guardare e permettere a 14.000 studenti di non essere in grado di accedere a causa di una bolletta che sapevamo doveva essere pagata', ha affermato Sonja Santelises, CEO delle scuole pubbliche della città di Baltimora. “È ancora una cosa che, nel servire i bambini e le famiglie, alle scuole viene chiesto di fare”.

La mancanza di una strategia nazionale ha lasciato i sovrintendenti a escogitare soluzioni da soli. E questo significa che se gli studenti si collegano spesso dipende dal carisma di un sovrintendente e dalla generosità della comunità circostante, ha detto Santelises.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'Sono i leader che stanno cercando di fare affari, che stanno cercando di negoziare, cercando di sfruttare i soldi qui, fare leva sui soldi là', ha detto Santelises. 'Se ci affidiamo alla capacità di negoziazione individuale di Sonja Santelises o di qualsiasi altro sovrintendente in carica per assicurarsi che le famiglie abbiano il WiFi, ciò è problematico, ed è una spaccatura, ed è sintomatico di un problema molto più ampio'.

Un programma di lunga data gestito dalla Federal Communications Commission che sovvenziona il servizio Internet per scuole e biblioteche è di scarso aiuto agli studenti durante la pandemia. Il presidente della FCC Ajit Pai ha detto alle scuole che possono utilizzare i finanziamenti solo per il servizio Internet nei loro campus, anche quando le scuole sono state chiuse. Pai ha affermato che la legge non consente di utilizzare il denaro per fornire servizi Internet domestici e che non ha l'autorità per fare diversamente.

Il commissario della FCC Jessica Rosenworcel, l'unico democratico del panel, non è d'accordo, così come i democratici del Congresso e i dirigenti scolastici in tutto il paese. Ha accusato la commissione di non aver agito per affrontare quella che ha definito 'una crisi nazionale'.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'La FCC sta nascondendo la testa nella sabbia o sta guardando dall'altra parte e sta facendo tutto il possibile per ignorarlo', ha detto Rosenworcel. 'Questo è qualcosa che possiamo sistemare - e dovremmo.'

Scuole e studenti sono stati lasciati a trovare soluzioni da soli. I parcheggi di scuole, biblioteche e fast-food che offrono il WiFi gratuito sono diventati di fatto aule per molti studenti. Altri sistemi scolastici hanno dotato gli autobus di hot spot WiFi e li hanno parcheggiati in quartieri poco serviti. In alcuni sistemi scolastici, come Baltimora, i funzionari hanno appena pagato le bollette di centinaia di famiglie con i propri budget per mantenere le famiglie online.

Ma nessuna delle soluzioni improvvisate è sostenibile o scalabile e spesso si basano sulla capacità dei funzionari scolastici di corteggiare i filantropi e negoziare con i fornitori di servizi Internet.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Il CEO delle scuole pubbliche di Cleveland, Eric Gordon, ha affermato di sperare che la pandemia costringa i legislatori a ripensare al modo in cui vedono Internet. Ha detto che i due terzi delle famiglie nel suo distretto possono connettersi a Internet solo tramite cellulare, il che è inadeguato per le lezioni virtuali.

'È solo ora che riconosciamo che Internet è diventata un'utilità nello stesso modo in cui l'elettricità è diventata un'utilità pubblica', ha affermato Gordon.

Bryan Akins, il preside della Keota High School nel sud-est rurale dell'Oklahoma, ha affermato che molte delle sue famiglie non hanno un segnale cellulare affidabile, per non parlare di Internet ad alta velocità. Le aziende vedono pochi incentivi a posare linee a banda larga in luoghi dove non avranno molti clienti, o trasferiscono la spesa ai clienti, addebitando di più a coloro che vivono in comunità lontane. Il passaggio della scuola all'apprendimento a distanza in primavera ha rappresentato 'un grosso problema', ha affermato Akins.

'I miei insegnanti possono insegnare virtualmente, ma i miei studenti non possono accedervi virtualmente', ha detto Akins. Invece, lo staff del distretto ad alta povertà consegnava i compiti insieme ai pacchi di generi alimentari settimanali. 'Ora ti affidi al genitore per insegnare, o allo studente per insegnare a se stesso'.

Ma sebbene le difficoltà di connettività siano spesso viste come un problema rurale, molti studenti dei distretti urbani non dispongono nemmeno di un servizio Internet ad alta velocità a casa. In alcuni casi, questo è dovuto al fatto che vivono in quartieri che, come molte comunità rurali, non dispongono di infrastrutture. In molti altri, la barriera è la spesa, anche se molti fornitori di servizi offrono alle famiglie a basso reddito servizi Internet fortemente scontati. Le famiglie che stanno affrontando turbolenze finanziarie nella recessione possono scegliere di abbandonare Internet.

Jaclyn Trapp, che sta per iniziare la decima classe alla MC2STEM High School di Cleveland, condivide un Chromebook con un fratellino e con tre fratellastri che vengono a trovarci nei fine settimana. Quando la pandemia ha colpito, sua madre e suo patrigno, entrambi imbianchini d'interni, hanno subito un duro colpo finanziario perché il lavoro si è prosciugato. Così hanno cancellato il loro servizio Internet da casa, che era costato circa $ 60 al mese.

Jaclyn ha iniziato a usare il suo telefono come hot spot, ma presto i dati sono stati esauriti. Alla fine, la famiglia ha stretto un accordo con un vicino del piano di sopra che ha acconsentito a consentire alla famiglia di utilizzare il suo WiFi se avessero diviso il conto. Ma il segnale, che deve raggiungere il loro appartamento al piano di sotto, è lento e inaffidabile.

'Senza Internet e senza andare a scuola, è davvero difficile fare i compiti', ha detto Jaclyn.