Navient per uscire dal servizio di prestito studentesco federale

Navient per uscire dal servizio di prestito studentesco federale

Navient, una delle più grandi società di prestiti agli studenti della nazione, ha dichiarato martedì di aver raggiunto un accordo per trasferire i 5,6 milioni di conti che gestisce per conto del Dipartimento dell'Istruzione a Maximus, un altro fornitore di servizi di prestito.

L'accordo, che è in attesa di approvazione da parte del dipartimento, significa l'uscita di una delle società di servizi più ampiamente riconosciute dall'apparato federale del prestito studentesco. Arriva mentre l'agenzia federale revisiona la gestione del suo portafoglio di prestiti studenteschi da $ 1,6 trilioni.

I legislatori e i gruppi di consumatori affermano che il sistema federale di rimborso e riscossione è gestito male, imputando la maggior parte della colpa alle società di servizi come Navient. La società, come altri fornitori di servizi di prestito studentesco, è stata accusata di cattiva gestione dei conti e ha affrontato cause legali da parte delle autorità statali e federali.

Navient, fornitore di servizi di prestito studentesco, finisce nel mirino del procuratore generale della Pennsylvania

Navient è stato irremovibile nel difendere le sue pratiche commerciali ed è stato un critico vocale di un sistema di rimborso federale che è diventato più complesso e costoso da gestire. La società ha segnalato le sue intenzioni di uscire dallo spazio quando ha rifiutato una parte del nuovo contratto di manutenzione dal dipartimento nel luglio 2020.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

All'epoca, durante una chiamata sugli utili, l'amministratore delegato di Navient, Jack Remondi, ha affermato che il dipartimento dell'istruzione ha cercato di trasferire 'troppi rischi al servicer e a tassi e condizioni che ... sono effettivamente al di sotto dei costi per tutti'.

Remondi ha detto martedì che la società da allora ha esplorato le opzioni nel migliore interesse dei mutuatari e dei suoi dipendenti. In un post sul blog su Medium , ha affermato che la società si concentrerà sulle sue altre linee di attività, inclusi prestiti e rifinanziamenti privati. Sebbene Navient sia meglio conosciuta per il suo lavoro con il Dipartimento dell'Istruzione, la società afferma che il contratto costituisce solo il 6% delle sue entrate.

'Siamo fiduciosi che i mutuatari continueranno a essere ben serviti e ci impegniamo a lavorare insieme a Maximus e al Dipartimento della Pubblica Istruzione per garantire una transizione di successo', ha affermato Remondi.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Maximus, una società di prestiti agli studenti che gestisce la riscossione dei crediti per il Dipartimento dell'Istruzione, è una delle società che si è aggiudicata un contratto nell'ambito dell'ambiente dei servizi finanziari di nuova generazione del dipartimento, o NextGen. Assorbirà diverse centinaia di dipendenti Navient nell'accordo di trasferimento.

'Questo contratto consente a Maximus di applicare la nostra profonda comprensione delle esigenze degli studenti mutuatari e il nostro servizio clienti leader del settore per assistere [l'ufficio di Federal Student Aid] nel servire con successo milioni di mutuatari di prestiti studenteschi', Teresa Weipert, direttore generale per il Maximus, il segmento dei servizi federali degli Stati Uniti, ha affermato in una nota.

Richard Cordray, che dirige l'ufficio federale per gli aiuti agli studenti del dipartimento, ha affermato che l'agenzia sta esaminando il trasferimento proposto per garantire che soddisfi tutti i requisiti legali e protegga i mutuatari e i contribuenti.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'Rimaniamo impegnati a garantire che i nostri accordi federali di servizio sui prestiti agli studenti forniscano maggiore responsabilità, misure significative delle prestazioni e un servizio migliore per i mutuatari', ha affermato Cordray in una nota.

Il governo federale ha sospeso i pagamenti del debito dell'istruzione a seguito della pandemia di coronavirus nel marzo 2020. I legislatori repubblicani hanno espresso preoccupazione per il fatto che il Dipartimento dell'Istruzione non sia preparato a consentire a milioni di americani di riprendere il rimborso dei prestiti studenteschi una volta terminata la moratoria a gennaio. Virginia Foxx (N.C.), il massimo repubblicano del Comitato per l'istruzione della Camera, è premendo Il segretario all'istruzione Miguel Cardona per un piano e indica l'imminente uscita di Navient come prova di quella che ha definito l'incompetenza del dipartimento.

'Il Dipartimento deve lavorare con i suoi partner invece di incolparli per l'incompetenza del Dipartimento in modo che i mutuatari non siano costretti a penzolare nell'incertezza mentre il presidente Biden gioca con il futuro loro e dei contribuenti', ha scritto Foxx.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

La notizia dell'accordo di trasferimento ha scosso i gruppi di difesa, che hanno sollevato dubbi sulla configurazione e se i mutuatari sarebbero stati meglio nelle mani di Maximus.

'Troviamo preoccupante che Navient possa nominare il proprio sostituto senza essere soggetto allo stesso rigoroso e pubblico processo di sollecitazione', ha affermato Persis Yu, direttore dello Student Loan Borrower Assistance Project del National Consumer Law Center. 'Questo accordo dietro le quinte è un'ulteriore prova che il sistema federale di prestiti agli studenti è troppo grande per fallire'.

Il Consumer Law Center e la Justice Catalyst Law hanno fatto causa a Maximus l'anno scorso, accusandolo di non aver cessato le riscossioni su un debitore scaduto nonostante la moratoria del dipartimento.

Uno dei più grandi gestori di prestiti studenteschi della nazione prevede di tagliare i legami con il Dipartimento dell'Istruzione

Navient è l'ultima azienda ad annunciare la sua partenza dal servizio di prestito studentesco federale. La Pennsylvania Higher Education Assistance, un'agenzia statale di aiuti finanziari che gestisce 8,5 milioni di conti per prestiti agli studenti per il Dipartimento dell'Istruzione, ha dichiarato a luglio che non gestirà più i prestiti federali dopo quest'anno. Granite State Management and Resources, che ha un portafoglio di 1 milione di account, si è ritirato lo stesso mese.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Gli accordi di servizio federali sono scaduti nel 2019, ma molti sono stati estesi fino a dicembre mentre il dipartimento lavora per ristrutturare la sua piattaforma. I sostenitori e i legislatori temono che le partenze potrebbero essere di disturbo per i mutuatari mentre migrano di nuovo verso il rimborso. Sebbene Navient abbia raggiunto un accordo per trasferire i suoi conti, non è chiaro quali società accetteranno i prestiti gestiti dagli altri due servicer.