Le scuole di New York chiudono a causa dell'aumento dei tassi di coronavirus, e così anche tutte le scuole del Kentucky

Le scuole di New York chiudono a causa dell'aumento dei tassi di coronavirus, e così anche tutte le scuole del Kentucky

Le scuole pubbliche di New York chiudono giovedì e stanno tornando all'apprendimento a distanza per tutti gli 1,1 milioni di studenti a causa dell'aumento dei tassi di infezione da coronavirus, ha annunciato mercoledì il sindaco Bill de Blasio (D). La città si unisce a una crescente ondata di chiusure scolastiche in tutto il paese che stanno causando nuove interruzioni nel tumultuoso anno accademico 2020-21.

In un annuncio separato, il governatore del Kentucky Andy Beshear (D) è diventato il primo governatore ad annunciare la chiusura delle scuole in tutto lo stato, affermando che tutte le scuole pubbliche e private devono chiudere il 23 novembre e che tutte le università pubbliche devono fare lo stesso. Le scuole medie e superiori rimarranno chiuse fino al 4 gennaio e solo le scuole elementari nelle aree senza infezioni in aumento potranno riaprire il 7 dicembre.

Le chiusure del più grande distretto scolastico del paese e di tutte le scuole del Kentucky sono gravi battute d'arresto per i funzionari statali e locali che avevano lottato per riaprire le scuole e le loro comunità durante la pandemia, e le mosse avrebbero sicuramente alimentato le preoccupazioni tra educatori ed esperti di salute sull'apprendimento perdita e gli effetti mentali e sociali sui bambini costretti a rimanere a casa per mesi.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'La chiusura delle scuole interrompe la vita dei bambini e la capacità dei genitori di lavorare e ha un impatto particolarmente devastante sulle popolazioni più vulnerabili di studenti, come studenti con bisogni speciali, studenti che vivono in alloggi temporanei e studenti di lingua inglese', Jennifer March, direttrice esecutiva del Comitato dei cittadini per i bambini senza scopo di lucro di New York, ha dichiarato in una nota. 'Queste sfide sono aggravate dal fatto che molte famiglie in tutta New York mancano ancora di dispositivi di apprendimento remoto, accesso al WiFi, servizio dati cellulare o supporto tecnologico adeguato necessario per un coinvolgimento remoto di successo'.

Ci sono state richieste ai funzionari di chiudere prima gli altri istituti e mantenere aperte le scuole il più a lungo possibile, come sta accadendo nei paesi europei. Ma i funzionari chiedono di chiudere o tenere chiuse le scuole per cercare di contenere la diffusione del coronavirus.

In Texas, Utah, Michigan, Georgia, Indiana e altri stati, alcuni distretti stanno temporaneamente chiudendo scuole già aperte, spesso a causa della carenza di personale causata dalla pandemia. In altri luoghi, tra cui Chicago, Filadelfia, Boston, San Diego, Sacramento, Minneapolis e Topeka, Kan., i distretti hanno rimandato i piani per riaprire gli edifici scolastici per la prima volta quest'anno accademico.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

De Blasio (D) aveva avvertito per mesi che le scuole di New York avrebbero chiuso se il tasso di infezione da coronavirus della città fosse salito al 3% su una media mobile di sette giorni. Mercoledì pomeriggio, ha annunciato la sua decisione di chiudere in una conferenza stampa dopo aver twittato:

New York City ha raggiunto la soglia media di 7 giorni di positività al test del 3%. Sfortunatamente, questo significa che gli edifici della scuola pubblica saranno chiusi a partire da domani, giovedì 19 novembre, per prudenza.

I tassi di coronavirus sono i più alti dalla primavera. Alcuni governatori stanno emettendo ordini di soggiorno a casa e mandati di mascherine e gli americani vengono esortati dagli esperti sanitari a rimanere a casa per il Ringraziamento e a non tenere raduni tradizionalmente grandi. Con il bilancio complessivo delle vittime di covid-19 vicino a 250.000, alcuni sistemi sanitari sono sopraffatti.

Sebbene i tassi di infezione da coronavirus siano aumentati in molte comunità in generale, le prove disponibili mostrano che le trasmissioni del virus nelle scuole finora non sono state significative. Quando de Blasio venerdì scorso ha avvertito che il tasso di positività al coronavirus aveva raggiunto il 2,83%, il tasso di trasmissione nelle scuole di New York era solo dello 0,16%.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Ma in un messaggio che è stato ripetuto in altri luoghi, il rettore delle scuole di New York City Richard A. Carranza ha detto in un tweet Mercoledì che “la salute e la sicurezza sono sempre state la nostra prima priorità” per studenti, personale e famiglie.

Mercoledì, agli insegnanti di New York City negli edifici scolastici è stato detto che tutte le classi sarebbero passate all'apprendimento remoto giovedì e che avrebbero dovuto portare a casa ciò di cui avrebbero avuto bisogno, secondo il sindacato che li rappresenta.