L'attivista di Parkland afferma che Harvard ha revocato la sua offerta di ammissione

L'attivista di Parkland afferma che Harvard ha revocato la sua offerta di ammissione

Uno studente che è diventato un noto attivista conservatore dopo la sparatoria di massa nel suo liceo in Florida, afferma che l'Università di Harvard ha annullato la sua offerta di ammissione a causa dei commenti razzisti che ha fatto quando aveva 16 anni.

Kyle Kashuv, sopravvissuto all'attacco alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, in Florida, divenne rapidamente noto come sostenitore della sicurezza scolastica. Mentre molti dei suoi compagni di classe hanno marciato per il controllo delle armi, ha presentato una risposta politicamente più conservatrice all'attacco. Kashuv ha incontrato il presidente Trump e i senatori nelle settimane successive alla sparatoria del febbraio 2018, in cui sono state uccise 17 persone.

Kashuv ha scritto sui social media lunedì mattina che quasi due anni fa, quando aveva 16 anni, lui e alcuni compagni di classe hanno usato 'aberranti insulti razzisti' nel tentativo di essere scioccanti ed estremisti, e che le immagini di quelle conversazioni private erano recentemente riemerse. Ha scritto scuse pubbliche, ma ha detto che ex colleghi e oppositori politici hanno contattato Harvard e hanno esortato l'università a revocare la sua offerta di ammissione. Kashuv ha quindi descritto le domande e le risposte che ha dato ai funzionari della scuola e ha scritto che gli è stato detto che questo mese Harvard ha revocato la sua offerta.

Laura Ingraham ha schernito l'attivista di Parkland David Hogg per il rifiuto del college. Ha appena detto di essere entrato ad Harvard.

Aveva rifiutato offerte di borse di studio da altre scuole, ha scritto, e la scadenza per accettare altre offerte è scaduta.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

In un messaggio diretto lunedì, ha detto che Harvard era stata la sua prima scelta. 'Ad essere onesti, le ultime settimane sono state piuttosto brutte', ha scritto.

Rachael Dane, portavoce di Harvard, ha affermato che la scuola non commenta pubblicamente lo stato di ammissione dei singoli candidati.

Il viaggio vorticoso di uno studente conservatore di Parkland a Washington si è concluso nello Studio Ovale

Harvard si riserva il diritto di annullare le offerte in determinate circostanze, ad esempio se gli studenti non riescono a diplomarsi, informazioni travisate sulle loro domande o comportamenti che sollevano dubbi sul loro carattere morale.

Nel 2017, almeno 10 potenziali studenti hanno avuto la revoca delle offerte di ammissione e ha riferito l'Harvard Crimson che quegli studenti avevano scambiato messaggi espliciti e razzialmente offensivi in ​​un gruppo Facebook privato.

La storia continua sotto la pubblicità

Quella decisione ha suscitato critiche da parte di alcuni sul fatto che Harvard stesse censurando i discorsi e che fosse troppo politicamente corretta e elogi da parte di altri che sostenevano che l'ammissione alla scuola d'élite fosse un privilegio che può e dovrebbe essere revocato se sembra non essere meritato.

L'annuncio di Kashuv ha suscitato dibattiti simili sui social media.

Alla domanda se ritenesse che le sue opinioni politiche avessero qualche attinenza con la decisione di Harvard, Kashuv ha risposto: 'Molte persone lo hanno ipotizzato'.

Ha dato il suo account in tweet:

Poi Kashuv ha scritto su Twitter: 'La decisione di Harvard che qualcuno non può crescere, specialmente dopo un evento che ha cambiato la vita come la sparatoria, è profondamente preoccupante. Se qualsiasi istituzione dovrebbe comprendere la crescita, è Harvard, considerata l'apice dell'istruzione superiore nonostante il suo passato a scacchi.

La storia continua sotto la pubblicità

'Nel corso della sua storia, la facoltà di Harvard ha incluso proprietari di schiavi, segregazionisti, bigotti e antisemiti. Se Harvard suggerisce che la crescita non è possibile e che il nostro passato definisce il nostro futuro, allora Harvard è un'istituzione intrinsecamente razzista. Ma non ci credo.

'Credo che le istituzioni e le persone possano crescere. L'ho detto ripetutamente. Alla fine, non si tratta di me, si tratta di vivere in una società in cui il perdono è possibile o gli errori ti marchiano come irredimibili, come ha deciso Harvard per me.

'Così quello che ora?' scrisse. “Lo sto scoprendo. Avevo rinunciato a enormi borse di studio per andare ad Harvard e la scadenza per accettare altre offerte universitarie è scaduta. Sto esplorando tutte le opzioni in questo momento'.