Il sovrintendente scolastico chiede: 'Chi vorrebbe essere un insegnante in questo momento?'

Il sovrintendente scolastico chiede: 'Chi vorrebbe essere un insegnante in questo momento?'

La carenza di insegnanti non è una novità, ma David Jeck, sovrintendente delle scuole pubbliche della contea di Fauquier in Virginia, sta attraversando un periodo particolarmente difficile per assumerli quest'anno.

Jeck, ovviamente, non è solo: in stato dopo stato, distretto dopo distretto, i funzionari scolastici stanno lottando per assumere insegnanti mentre la pandemia di coronavirus colpisce un terzo anno scolastico. Ad esempio, nel distretto scolastico indipendente di Fort Worth in Texas, l'anno scolastico è iniziato con 314 posti di lavoro vacanti per insegnanti, lo Star-Telegram ha riferito . In South Dakota, Rapid City Area Schools ha 120 posti vacanti per insegnanti, secondo KELO . La California ha una grave carenza di insegnanti e supplenti.

Quando è iniziata la pandemia, gli insegnanti sono stati acclamati come eroi. Non durò a lungo. Ora gli insegnanti stanno affrontando nuovi fattori di stress, oltre a quelli vecchi che sembrano non risolversi mai.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Nel seguente post, Jeck spiega perché pensa che la carenza di insegnanti sia peggiore del solito e come pensa che la situazione dovrebbe essere risolta.

Questo è stato originariamente pubblicato sul Fauquier Times , dove ha ottenuto una grande attenzione. Mi è stato dato il permesso di ripubblicarlo.

Insegnante: cosa sbagliano gli americani sui sindacati degli insegnanti

di David Jeck

Oggi ci troviamo in una carenza nazionale di insegnanti che siamo stati in grado di evitare negli ultimi anni. I vecchi educatori come me ne sono stati avvertiti molti anni fa, poiché l'obiettivo era l'inevitabile pensionamento del baby-boom. Inoltre, il numero di studenti universitari che scelgono di insegnare per una carriera continua a diminuire mentre la domanda di insegnanti continua a crescere.

La storia continua sotto la pubblicità

La carenza è reale e ora sta avendo un impatto significativo su di noi. Ad oggi, abbiamo perso oltre 40 insegnanti e ci sono pochissimi candidati disponibili per un colloquio. I nostri professionisti delle risorse umane partecipano a oltre 40 fiere del reclutamento sia di persona che virtualmente, inclusa la nostra fiera delle assunzioni che si tiene ogni marzo. Tuttavia, il numero di potenziali candidati continua a diminuire ogni anno.

Se non agiamo in modo deciso e creativo, l'impatto della carenza non potrà che peggiorare. Le persone che soffriranno a causa di questa carenza sono, ovviamente, i nostri ragazzi. Gli effetti a lungo termine potrebbero essere catastrofici per le nostre comunità in generale.

Quando cerchiamo soluzioni, la risposta più ovvia non sembra più così ovvia. L'aumento della retribuzione è un fattore importante per attrarre e trattenere i nostri insegnanti, ma non è una panacea, poiché vediamo che anche le divisioni scolastiche più pagate del nostro stato devono affrontare le stesse carenze.

La storia continua sotto la pubblicità

Ho avuto la fortuna di lavorare con un folto gruppo di sovrintendenti incaricati di generare potenziali soluzioni. Ecco alcune delle strategie proposte:

  • Perdono prestito universitario
  • Agevolazioni fiscali
  • Assistenza abitativa
  • Bonus alla firma e fedeltà
  • Limitare ciò che ci aspettiamo dagli insegnanti all'insegnamento e all'insegnamento solo

La maggior parte di queste strategie sono costose, potenzialmente molto costose, ma le alternative didattiche associate alla mancanza di insegnanti a sufficienza sono scarse. I modelli didattici virtuali diffusi hanno ancora molta strada da fare. Anche i modelli più robusti e di facile utilizzo hanno ancora dei limiti che devono essere affrontati, non ultimo il fatto che l'apprendimento virtuale non sostituirà mai l'efficacia dell'istruzione di persona e faccia a faccia per la maggior parte degli studenti.

Perché imparare non è la cosa più importante che i bambini hanno perso durante la pandemia

Ma c'è un'altra soluzione, che riceve pochissima attenzione ma ha il potenziale per avere un impatto monumentale...

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Ho potuto parlare con l'attuale Segretario di Stato all'Istruzione all'inizio di questa estate. Abbiamo parlato della carenza di insegnanti e lui è stato così gentile da chiedermi quale pensavo fosse la causa. Ho fatto una domanda un po' retorica: “Chi vorrebbe essere un insegnante in questo momento? Hai visto come vengono trattati gli insegnanti?'

Gli insegnanti hanno dovuto sopportare commenti pubblici rivoltanti alle riunioni del consiglio scolastico, fustigazioni tramite i social media e persino essere chiamati 'perdenti' dai leader nazionali. Questo tipo di trattamento deve terminare immediatamente.

Gli insegnanti sono indispensabili per la nostra società, ma purtroppo non sono trattati come tali. Non dobbiamo solo difendere i nostri insegnanti, ma lodarli ed elevarli a un livello commisurato al valore che aggiungono alle nostre comunità. Riconosco che la stragrande maggioranza delle persone nella nostra comunità è d'accordo e rispetta, apprezza e riconosce il valore che fornisce alla nostra comunità.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Insegnare è un lavoro duro. A meno che tu non l'abbia fatto tu stesso, potresti non essere in grado di relazionarti completamente. A proposito, non sto mettendo a confronto l'insegnamento con qualsiasi altra professione. Non proverei a fare questi paragoni a meno che non avessi effettivamente camminato in quelle scarpe. Eppure, alcuni lo faranno anche se non hanno trascorso un solo giorno a insegnare in una classe.

Cambiamo discorso e prendiamo in considerazione tutte le strategie per attirare più brave persone in questa fantastica professione. Non è troppo tardi per risolvere questo problema.

Il movimento per privatizzare le scuole pubbliche avanza durante la pandemia di coronavirus