Mentre le scuole espandono il lavoro sull'equità razziale, i conservatori vedono una nuova minaccia nella teoria critica della razza

Mentre le scuole espandono il lavoro sull'equità razziale, i conservatori vedono una nuova minaccia nella teoria critica della razza

La resa dei conti della nazione sulla razza ha raggiunto migliaia di scuole statunitensi, e così, anche, ha un contraccolpo conservatore.

Le scuole di tutto il paese stanno lavorando per affrontare il razzismo sistemico e iniettare una mentalità antirazzista nella vita del campus. Ma dove i sostenitori vedono il progresso razziale, gli oppositori vedono uno sforzo per far vergognare gli insegnanti bianchi e talvolta gli studenti per essere parte di un sistema oppressivo.

In particolare, i conservatori hanno colto l'idea che le scuole promuovono la teoria critica della razza, una struttura accademica vecchia di decenni che esamina come le politiche e la legge perpetuano il razzismo sistemico. Ritiene in parte che il razzismo sia intessuto nel tessuto della storia e della vita della nazione, un prodotto del sistema e non solo i singoli cattivi attori.

La storia continua sotto la pubblicità

I critici dicono che questo approccio inietta la razza in quello che dovrebbe essere, a loro avviso, un sistema daltonico. I sostenitori ribattono che le scuole statunitensi non sono mai state daltoniche e insistono sul fatto che non stanno comunque spingendo la teoria della razza critica. Il lavoro sull'equità è fondamentale, dicono, per affrontare le barriere sistemiche che trattengono gli studenti di colore e per creare scuole che siano veramente inclusive.

I problemi sono diffusi. I dati mostrano costantemente che gli studenti di colore hanno maggiori probabilità di essere disciplinati rispetto ai loro coetanei bianchi e ricevono punizioni più dure per le stesse infrazioni. Gli studenti neri e ispanici hanno meno probabilità di essere inseriti in classi avanzate o arricchite, a partire dalla scuola elementare. Molti esperti affermano che i curricula scolastici non sono riusciti a riflettere adeguatamente le prospettive delle comunità indigene ed emarginate. E studenti e genitori stessi spesso riferiscono che la cultura scolastica non è accogliente.

La lotta su cosa fare al riguardo si sta svolgendo nelle scuole pubbliche e private, nelle legislature statali e nei consigli scolastici, nei gruppi privati ​​di Facebook e nei comitati di studio in tutto lo stato.

La storia continua sotto la pubblicità

In una scuola privata di Manhattan, un insegnante si è lamentato pubblicamente degli sforzi per incoraggiare gli studenti bianchi a considerare i loro gruppi di privilegi e affinità basati sulla razza. A Moore County, NC, i membri del consiglio scolastico si stanno ribellando agli standard del curriculum statale, che impongono che le lezioni di storia incorporino le esperienze e le prospettive delle comunità emarginate.

E nella contea di Loudoun, in Virginia, il perseguimento del sistema scolastico di iniziative di equità come la formazione anti-pregiudizio per gli insegnanti ha portato i media conservatori e i legislatori ad accusare il distretto di costringere gli studenti a conoscere la razza troppo presto e a vedere tutto e tutti attraverso un obiettivo razziale, a volte basando le conclusioni su frammenti di informazioni, come un breve videoclip di una lezione.

Ci sono state anche critiche all'amministrazione Biden per aver proposto che un programma di sovvenzioni federali per l'insegnamento della storia degli Stati Uniti dia priorità ai programmi che 'riflettono la diversità, le identità, le storie, i contributi e le esperienze di tutti gli studenti' e 'creano inclusivi, di supporto e sicuri per l'identità'. ambienti di apprendimento”. Venerdì, il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell (R-Ky.) e altri 38 repubblicani al Senato hanno inviato una lettera al segretario all'Istruzione Miguel Cardona lamentandosi del fatto che i cambiamenti riflettono 'un'agenda politicizzata e divisiva'.

La storia continua sotto la pubblicità

Non sorprende che tutto ciò metta le persone a disagio, ha affermato Gloria Ladson-Billings, presidente della National Academy of Education, un gruppo di ricerca accademica.

'Nel momento in cui fai del razzismo qualcosa di più di un incidente isolato, quando inizi a parlarne come sistematico, come integrato nel modo in cui viviamo le nostre vite... alla gente non piace', ha detto. “Va contro una narrativa che vogliamo raccontarci su chi siamo. Abbiamo una narrativa di progresso, che stiamo migliorando'.

Prospettiva: la teoria della razza critica è nata per spiegare perché il razzismo strutturale resiste

Gli educatori usano raramente il termine teoria critica della razza, sebbene parte del loro lavoro si basi su queste idee, in particolare sul fatto che il razzismo è sistemico.

Ciò significa, ad esempio, che un distretto scolastico che punisce gli studenti neri più spesso degli studenti bianchi o mette gli studenti bianchi nelle classi avanzate più spesso di quanto non faccia gli studenti di colore cercherebbe spiegazioni e soluzioni sistematiche - forse gli insegnanti hanno meno probabilità di incoraggiare gli studenti neri seguire corsi di alto livello — e non solo attribuire le lacune ad azioni o scelte individuali di studenti o insegnanti.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'Le scuole ora stanno finalmente esaminando i dati quando si tratta del successo dei loro studenti e, per alcuni, non hanno fatto un ottimo lavoro', ha affermato Eddie Moore Jr., un consulente per la diversità con sede a Green Bay, Wisconsin. ., che lavora con le scuole.

Molti distretti scolastici, e il paese nel suo insieme, vedono grandi divari tra i risultati dei test basati sulla razza. Nel 2019, Il 44% dei bianchi di terza media sono stati ritenuti competenti in matematica in un test chiamato Valutazione nazionale dei progressi educativi. Ciò si confronta con il 14% dei neri e il 20% degli ispanici di terza media.

La ricerca mostra che alcune disparità iniziano quando i bambini sono piccoli. UN rapporto l'anno scorso dell'Education Trust, un gruppo di ricerca e advocacy, ha scoperto che gli studenti neri rappresentano il 16% di tutti gli studenti delle scuole elementari, ma il 9% degli studenti in programmi dotati e di talento. Un Rapporto dell'amministrazione Obama nel 2016 hanno scoperto che i bambini neri rappresentano il 19% di tutti i bambini in età prescolare, ma quasi la metà dei bambini in età prescolare riceve almeno una sospensione al di fuori della scuola.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Molti sistemi scolastici stavano già lavorando per incorporare i temi della diversità e dell'equità razziale nelle loro politiche e programmi di studio, ma lo sforzo si è diffuso dopo l'uccisione da parte della polizia di George Floyd a maggio e le proteste mondiali che ne sono seguite. Anche la pandemia ha esposto ed esacerbato le disuguaglianze che hanno attraversato a lungo il sistema, stimolando l'azione.

Il lavoro in corso nelle scuole assume un'ampia varietà di forme. I funzionari stanno aggiungendo le prospettive e le esperienze delle persone di colore al curriculum, sfidando gli insegnanti a esaminare i loro pregiudizi e rivedendo le politiche sulla disciplina, i corsi avanzati e altre questioni con l'obiettivo di identificare e colmare le disparità razziali. I distretti stanno conducendo 'verifica dell'equità' per rivedere i propri dati sulla razza. Stanno assumendo consulenti per la diversità e l'inclusione e coordinatori a tempo pieno per garantire un'attenzione costante alla razza e stanno incorporando l'equità razziale nella pianificazione strategica distrettuale.

Il critico più forte era stato Donald Trump, che come presidente ha accusato le scuole di diffondere 'odiose bugie' ai bambini insegnando sulla schiavitù e il razzismo, dicendo che quegli argomenti hanno insultato il paese e i suoi fondatori. Era particolarmente feroce riguardo al Progetto 1619 del New York Times, una raccolta di articoli e saggi che sostenevano che il vero anno di fondazione della nazione è il 1619, l'anno in cui gli schiavi africani furono portati sulle coste di quelli che sarebbero diventati gli Stati Uniti.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Trump ha creato una commissione, da quando è stata sciolta, per promuovere una visione più rosea e 'patriottica' della storia degli Stati Uniti.

Ora gli esperti conservatori, i legislatori e altri stanno sostenendo che le scuole stanno insegnando agli studenti a vedere la razza dove non farebbero mai da sole e promuovono la discriminazione inversa nel tentativo di svelare i disparati risultati razziali.

In Florida, il governatore Ron DeSantis (R) ha chiesto 17 milioni di dollari per finanziare i curricula che escludono 'narrazioni non autorizzate come la teoria critica della razza'. Nella Carolina del Nord, il tenente governatore Mark Robinson (a destra) istituito una task force sradicare” indottrinamento in classe ” dopo che lo stato ha adottato nuovi standard di studi sociali che si concentrano sui gruppi emarginati. L'opposizione è filtrata fino alla Contea di Moore, dove il membro del consiglio scolastico Robert Levy sta cercando di mantenere il nuovo curriculum per la preoccupazione che la teoria razziale critica si infiltrerà nel lavoro del distretto. Un candidato governatore repubblicano in Virginia ha pubblicato an piano educativo , e due dei sette punti erano dedicati alla lotta alla teoria critica della razza.

Oklahoma House vieta l'insegnamento della teoria razziale critica

In Idaho, una lotta su questo problema è stata così intensa che ha ritardato per due settimane l'approvazione di una legge di bilancio di routine mentre i critici hanno sostenuto che agli studenti veniva insegnata la teoria della razza critica a scuola.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Per dimostrare le loro affermazioni, i sostenitori in Idaho hanno indicato un volantino scolastico che chiedeva agli insegnanti di incorporare la 'diversità culturale' nelle loro classi e un compito che chiedeva ai bambini di creare poster 'Ricercato: vivo o morto' con gli esploratori Cristoforo Colombo e Vasco da Gama.

'Questi incarichi sono davvero l'applicazione della teoria critica della razza', ha detto il rappresentante dello stato dell'Idaho Ron Nate (R), che ha portato l'opposizione a un disegno di legge sul finanziamento degli insegnanti nell'Idaho House su questo problema. Ha detto che in questa applicazione, gli esploratori devono essere visti come 'oppressori, coloni' piuttosto che 'persone che stavano rischiando la vita attraversando gli oceani con il loro sogno di trovare nuove terre'.

Lui e altri si sono rifiutati di approvare il bilancio statale per gli stipendi degli insegnanti fino a quando la legislatura non ha accelerato un disegno di legge che proibisce l'insegnamento della teoria critica della razza nelle aule dell'Idaho . Alcune dozzine di studenti, arrabbiati per la mossa, hanno protestato al Campidoglio, riempiendo la tribuna per assistere al voto.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'Sento davvero che stanno cercando di mettere a tacere molta storia che mette gli Stati Uniti in cattiva luce', ha detto Selina Sanchez, una studentessa universitaria che ha partecipato alla protesta. 'Sento che dobbiamo imparare tutti i lati della storia'.

A livello nazionale, un nuovo gruppo chiamato Parents Defending Education sta raccogliendo obiezioni dai genitori e ha presentato tre denunce formali all'Ufficio per i diritti civili del Dipartimento federale dell'istruzione. Tra le loro preoccupazioni: un distretto della Carolina del Nord che ha creato uno 'spazio di affinità' in cui i membri dello staff nero possono sostenersi a vicenda e un distretto scolastico del Minnesota che ha chiesto ai dipendenti di considerare come avrebbero potuto nutrire convinzioni razziste.

A Manhattan, la Grace Church School privata si era sempre considerata razzialmente progressista. Poi, all'indomani dell'omicidio di Floyd, si è sentito dire da ex studenti che pubblicavano su Instagram, dicendo che si sentivano emarginati come studenti lì. 'È stato un campanello d'allarme che non stavamo facendo un lavoro eccellente come pensavamo di fare', ha detto George Davison, il capo della scuola di lunga data.

La scuola aveva già rivisto il suo curriculum. Quindi ha ospitato laboratori sulla razza e creato gruppi di affinità in cui studenti di razze diverse hanno potuto discutere le loro esperienze.

Almeno un docente, Paolo Rossi, si è opposto, sia internamente che, quando non era soddisfatto della risposta, in pubblico, anche in un tema sul New York Post. Ha detto che la scuola richiede agli insegnanti di trattare gli studenti in modo diverso in base alla razza e rifiuta le voci di dissenso.

'La mia scuola, come tante altre, induce gli studenti attraverso la vergogna e il sofisma a identificarsi principalmente con la loro razza prima che le loro identità individuali siano completamente formate', ha scritto. “Lo status moralmente compromesso di “oppressore” è assegnato a un gruppo di studenti in base alle loro caratteristiche immutabili. Nel frattempo, negli studenti considerati ‘oppressi’ si coltivano dipendenza, risentimento e superiorità morale”.

Davison ha risposto che nessuno dovrebbe sentirsi in colpa per le circostanze della sua nascita. Ma ha detto che gli studenti devono affrontare il razzismo sistemico che li circonda.

'Molte persone, per una o due generazioni, hanno detto: 'Beh, non sono razzista, quindi ho fatto tutto quello che dovevo fare', ha detto. “Siamo arrivati ​​a un punto nella nostra cultura in cui diciamo che non si può più essere neutrali rispetto alla razza. O si è contro il razzismo e quindi antirazzista o si sostiene il razzismo».

Un acceso dibattito a Loudoun

Forse da nessuna parte il dibattito sulla teoria razziale critica è diventato così acceso come nella contea di Loudoun, un distretto della Virginia settentrionale di 81.000 studenti che ospita alcuni dei codici postali più ricchi del paese. Si sta anche diversificando rapidamente: gli studenti bianchi rappresentavano il 63% delle iscrizioni nel 2008-2009, ma ora rappresentano circa il 44% del corpo studentesco.

Il sistema scolastico ha intrapreso un lavoro di equità a partire da circa due anni fa, dopo che un paio di rapporti di alto profilo hanno concluso che il razzismo diffuso stava mettendo in pericolo i progressi degli studenti neri e ispanici attraverso il sistema. Uno dei rapporti è arrivato dopo una denuncia del 2019 del capitolo della contea del NAACP sull'accesso a programmi avanzati.

L'ufficio della Virginia AG rileva che la scuola d'élite Loudoun STEM discrimina gli studenti neri e ispanici

Loudoun's dati dal 2011-2012 ha mostrato che gli studenti neri rappresentavano il 7 percento delle iscrizioni ma il 20 percento delle sospensioni, mentre gli studenti ispanici rappresentavano il 15 percento delle iscrizioni ma il 25 percento delle sospensioni. Gli autori del sistema scolastico Rapporto 2019 sul razzismo , che si è basato su interviste con diverse centinaia di studenti, insegnanti e membri dello staff, ha evidenziato una sensazione diffusa tra il corpo studentesco che il sistema disciplinare di Loudoun sia contro i bambini di colore.

La stessa recensione ha anche rilevato che solo il 57 percento degli studenti neri e il 45 percento degli studenti ispanici in genere guadagna un diploma di scuola superiore 'Avanzato' - piuttosto che uno 'Standard' - rispetto all'80 percento degli studenti bianchi.

In risposta, Loudoun ha speso quasi mezzo milione di dollari per mantenere la società di consulenza Equity Collaborativa , che ha aiutato il distretto a sviluppare un documento di 22 pagine “ Piano per combattere il razzismo sistemico .” Ha chiesto corsi di formazione degli insegnanti per sviluppare 'alfabetizzazione razziale' e 'coscienza razziale', ha chiesto di vietare agli studenti di indossare la bandiera confederata e ha proposto forme alternative di disciplina per sostituire le sospensioni, che venivano sproporzionatamente comminate agli studenti di colore.

Il contraccolpo è iniziato la scorsa estate, stimolato in un primo momento dai soldi spesi per i consulenti, secondo le interviste con gli amministratori e i genitori di Loudoun su entrambi i lati del dibattito. L'opposizione si è creata, alimentata da un'intensa copertura da parte dei media conservatori, quando genitori ed esperti hanno concluso che il distretto stava insegnando la teoria della razza critica. Ora un comitato di azione politica mira a richiamare la maggior parte del consiglio scolastico di Loudoun sulla questione.

'Insegna ai bambini a vedere gli altri bambini attraverso una lente di gruppo strettamente identitario invece di vedersi come individui con le proprie storie da raccontare che non dipendono dal colore della loro pelle o dalla loro etnia o da qualsiasi altra cosa', ha detto Ian Prior, un Genitore di White Loudoun ed ex funzionario dell'amministrazione Trump che è diventato uno dei critici più importanti del sistema scolastico.

A video popolare , meno di due minuti, mostrava un insegnante che chiedeva a uno studente di interpretare una foto di due donne, una delle quali appare bianca e una nera. La foto è posta accanto a una domanda che chiede: 'Cos'è la razza?'

'Sono solo due persone che si rilassano', dice lo studente.

'Solo due persone', ripete l'insegnante. 'Non c'è nient'altro in questa foto?'

Lo studente insiste nel dare la stessa risposta e l'insegnante si sente sempre più frustrato. La clip termina quando lo studente chiede se dovrebbe parlare delle gare femminili.

'Alla fine della giornata, non sarebbe solo alimentare il problema di guardare alla razza invece di riconoscerli come due persone normali?' chiede lo studente.

L'insegnante risponde: 'Non puoi guardare le persone e non riconoscere che ci sono differenze razziali'.

Il portavoce di Loudoun Wayde Byard ha confermato che il video era autentico, da una classe di inglese di livello universitario che insegna agli studenti a 'esplorare la letteratura applicando una varietà di teorie letterarie'. L'insegnante stava spiegando come funziona la teoria critica della razza, ha detto Byard, come una delle numerose teorie studiate tra cui strutturalismo, decostruzionismo e femminismo.

Il sovrintendente ad interim Scott Ziegler ha aggiunto che il lavoro sull'equità e la teoria critica della razza usano termini simili. 'Ma certamente non viene insegnato come attività accademica', ha detto.

Ma per molti a Loudoun, il video - pubblicato su YouTube, con oltre 200.000 visualizzazioni - serve come prova che il sistema scolastico sta insegnando agli studenti a guardare tutto attraverso la lente della razza.

Almeno un insegnante ha denunciato la loro nuova formazione professionale come tentativi razzisti di indottrinamento. Monica Gill, insegnante di scienze sociali di White Loudoun, ha scritto nel Federalist che i corsi di 'pregiudizio implicito' 'accusano la nostra comunità di razzismo sistemico che doveva essere interrotto'. Ha menzionato un video che doveva guardare, 'The Unequal Opportunity Race', che mostrava due corridori bianchi che correvano senza intoppi mentre i corridori neri inciampavano e cadevano.

'Questa America bianca implicita direttamente non ha alcuna preoccupazione per gli ostacoli affrontati dai nostri fratelli e sorelle neri', ha scritto. 'La nostra formazione sull'equità è colpevole proprio di ciò contro cui mette in guardia': il razzismo.

I genitori si sono divisi in due gruppi di Facebook. Un sostenitore del lavoro di equità di Loudoun ha recentemente suggerito, su Facebook, di infiltrarsi nel gruppo di genitori avversario e di condividere le informazioni personali dei membri online. Non ci sono prove che sia realmente accaduto, ma ha stimolato l'indagine di uno sceriffo e minacce di morte rivolte al gruppo pro-equity.

Un amministratore del gruppo Facebook antirazzista, che è White, ha detto che qualcuno ha minacciato di bruciare le case dei membri e ha contattato i loro datori di lavoro per lamentarsi di loro. Dopo che un oppositore ha pubblicato il suo indirizzo su Twitter, ha affermato di aver iniziato a pianificare di trasferirsi in tutto il paese.

'Non credo che la mia famiglia sarà mai al sicuro qui', ha detto, parlando a condizione di anonimato perché teme per i suoi figli se viene identificata per nome.

Una madre nera, parlando anche a condizione di anonimato per lo stesso motivo, ha affermato di aver assistito al razzismo in corso nei due decenni da quando si è trasferita nella contea di Loudoun. Ha detto che il capitolo della contea del NAACP, di cui è membro, si era lamentato per anni di molestie razziste prima che la scuola intraprendesse finalmente la sua revisione nel 2019.

Ha detto che per diversi anni, qualcuno ha lasciato i volantini del Ku Klux Klan nascosti in sacchetti di becchime fuori dalle case nere, ispaniche, asiatiche e LGBTQ durante le vacanze compreso il compleanno di Martin Luther King Jr. Una volta a scuola, una bambina bianca ha detto a suo figlio: 'Non puoi giocare con noi perché sei scuro', facendolo iniziare a singhiozzare.

Nel caso di suo figlio, il preside ha agito correttamente, ha detto la madre nera. Ma ci sono 'casi da molti altri genitori neri e marroni in cui ciò non è accaduto', ha detto, indicando il fatto ben documentato che gli studenti di colore di Loudoun affrontare tassi di disciplina sproporzionatamente elevati . Ecco perché pensa che il lavoro sull'equità di Loudoun sia vitale.

'Sapevo che ci sarebbe stato un contraccolpo perché - manteniamolo reale - ci sono alcune persone che non credono che il razzismo esista', ha detto. 'Ma non avrei mai potuto immaginare che il contraccolpo sarebbe stato così'.