L'università costringe i professori a tornare in classe nonostante il covid-19, ma gli studenti possono scegliere

L'università costringe i professori a tornare in classe nonostante il covid-19, ma gli studenti possono scegliere

Nel suo primo giorno di insegnamento di persona in una classe universitaria presso l'Università della Florida, un assistente universitario ha lottato con la frequenza con cui dire ai suoi studenti di tenere le maschere sopra il naso, il modo migliore per impedire agli studenti in classe di deridere il loro compagno di classe per voler partecipare virtualmente e come impedire agli studenti di rompere i posti assegnati socialmente distanziati.

'All'epoca sentivo che non potevo davvero buttarli fuori', ha detto il giovane lavoratore, che ha parlato a condizione di anonimato per paura di ritorsioni, in un'intervista. “Non mi aspettavo che ci fosse così tanta flagrante mancanza di rispetto. Stavano solo parlando tra loro e commentando quanto non gli piacesse la situazione'.

I docenti e il personale dell'Università della Florida sono stati in disaccordo con i dirigenti scolastici dall'inizio dell'anno aumentare il numero di lezioni di persona a placare gli studenti che vogliono l'apprendimento faccia a faccia. Gli istruttori sono preoccupati per il fatto che gli amministratori potrebbero essere più preoccupati per gli impatti finanziari che per la scienza e la salute poiché le smentite per gli alloggi dell'American Disabilities Act sono arrivate sullo sfondo dell'app di sicurezza del campus che ora ha una funzione che consente agli studenti di segnalare un istruttore per non essersi presentato a lezione e ammonimenti contro la protesta.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Le opzioni per coloro che si sentono insicuri sono piuttosto limitate, hanno detto al Washington Post diversi laureati.

L'assistente universitario laureato è stato accovacciato con il suo partner immunocompromesso dalla scorsa primavera, ma la riapertura in Florida dell'istruzione ibrida, che include una riduzione dell'apprendimento di persona e virtuale, potrebbe mettere a repentaglio la protezione che sperava di fornire al suo partner, ha detto.

Jason Crider, 30 anni, un dottorando nel dipartimento di inglese, ha affermato che in molti modi, si sente come se avesse una pistola puntata alla testa quando si tratta di scegliere tra lavorare e dare priorità alla salute sua e di sua moglie.

'Hanno detto agli studenti che erano i benvenuti a partecipare virtualmente se non si sentivano al sicuro o si iscrivevano per l'opzione faccia a faccia', ha detto. 'Ma hanno detto ai docenti e al personale che dovevano essere lì'.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Al diabetico di tipo 1 sono state negate sistemazioni temporanee dal team di revisione dell'ADA della scuola senza una spiegazione, secondo una revisione del documento del 2 novembre condiviso con The Post.

Resta aggiornato sugli sviluppi più importanti della pandemia con la nostra newsletter sul coronavirus. Tutte le storie in esso contenute sono ad accesso libero.

Secondo la lettera, le maggiori misure di sicurezza in classe dell'università, che includono maschere KN-95, schermi facciali e distanza fisica nelle aule, hanno fatto sì che la sua 'richiesta di lavorare in remoto non fosse approvata come soluzione ragionevole'.

Il diabete di tipo 1 o il diabete gestazionale potrebbero aumentare il rischio di malattie gravi da covid-19, secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie . L'università ha precisato che una persona con una condizione medica identificata come 'a maggior rischio' potrebbe avere un alloggio, e Crider's non era sul l'elenco delle malattie della scuola .

La storia continua sotto la pubblicità

La negazione di Crider non è unica tra i lavoratori laureati o i docenti che stanno cercando di capire modi per stare al sicuro e fornire un'istruzione di qualità, secondo Susan Hegeman , un portavoce del capitolo dell'Università della Florida della United Faculty of Florida.

Hegeman ha dichiarato in una dichiarazione che il sindacato è stato in contatto con 58 membri della facoltà che hanno richiesto un alloggio ma gli è stato negato, aggiungendo che a 10 sono stati successivamente concessi alloggi in appello.

“Il processo universitario COVID-ADA ha negato in anticipo molte richieste di alloggio. Non hanno offerto sistemazioni per l'età avanzata o per condizioni che potrebbero comportare un aumento del rischio di gravi malattie da covid, come l'asma e il diabete di tipo 1', ha affermato nella nota. “Non c'è stata alcuna procedura di sistemazione per i custodi o i familiari di persone ad alto rischio di covid. Questo ha causato molta ansia a molti docenti”.

La storia continua sotto la pubblicità

Bobby Marmo , il co-presidente di Graduate Assistants United, un sindacato per i lavoratori laureati presso l'università, ha affermato che meno di 100 alloggi richiesti in tutto sono stati negati.

'I docenti sono in posizioni precarie, ma i miei membri sono in una posizione più precaria per essere sicuri', ha detto, aggiungendo che i loro bassi salari li rendono meno propensi a saltare il lavoro. 'Potrebbe essere stato concesso a tutti coloro che hanno chiesto un [incarico] a distanza'.

Entrambi i sindacati sono stati profondamente critici su come l'amministrazione della scuola ha gestito la riapertura di un campus che ha avuto più di 5.600 casi di covid-19 a partire dall'11 dicembre, secondo New York Times dati.

La contea di Alachua, dove ha sede l'università, ha segnalato più di 19.408 casi dall'inizio della pandemia. Più dell'84 percento dei letti d'ospedale disponibili per il covid-19 sono occupati, secondo dati della contea .

La storia continua sotto la pubblicità

Nonostante i dati che allarmano alcuni membri della facoltà, la scuola non ha fissato parametri di riferimento che facciano tornare l'istruzione solo online, secondo Steve Orlando , vicepresidente assistente della comunicazione per l'università.

Gli studenti iscritti alle lezioni di persona sono aumentati da circa 14.000 nel semestre autunnale a circa 25.000 — meno della metà delle iscrizioni totali — questo semestre, ha detto, aggiungendo che il campus ha intensificato i test per docenti e studenti che vivono nel campus o frequentano lezioni di persona e ha controllato la ventilazione per assicurarsi che soddisfi gli standard CDC.

'Non c'erano prove di trasmissione durante il semestre autunnale', ha detto. 'Avevamo circa 1.100 istruttori in classi e laboratori e solo quattro casi segnalati'.

La storia continua sotto la pubblicità

Nessuno dei quattro casi tra istruttori che insegnavano in autunno è stato trasmesso in classe, ha detto Orlando.

L'università ha un tasso di infezione positivo inferiore all'1,5% finora in questo semestre, secondo Orlando.

Per garantire che gli istruttori si presentino in classe indipendentemente dalle loro preoccupazioni o richieste ADA in sospeso, la scuola ha aggiornato la sua app di sicurezza, GatorSAFE, per includere un'opzione che consente agli studenti di segnalare un istruttore per la lezione mancante.

Alcuni lavoratori laureati hanno detto al giornale che la loro presenza viene verificata accedendo ai computer in classe. Orlando ha detto che l'affermazione è falsa e contestata dal prevosto.

Il sindacato della facoltà ha sostenuto che la funzionalità dell'app potrebbe violare il contratto che ha con la scuola poiché gli stessi docenti l'hanno etichettata come 'app spia' e rimproverano la nuova funzionalità per i suoi risultati potenzialmente divisivi, il giornale studentesco l'alligatore indipendente della Florida segnalato.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Le segnalazioni dall'app verranno indirizzate agli affari accademici e inoltrate a un team che avrà la facoltà di determinare l'azione disciplinare.

'Questo è palesemente un affronto alla nostra libertà accademica', ha detto Crider dell'app e del suggerimento che la facoltà non dovrebbe incoraggiare le opzioni online. “Questo è orwelliano. Cosa c'è di più Grande Fratello di un'app spia?'

Crider deve ancora ricevere un aggiornamento sulla sua richiesta di alloggio ADA. È stato appena autorizzato a essere nel campus venerdì dopo aver segnalato i sintomi più di una settimana fa.

Poiché lo sciopero o l'organizzazione di movimenti collettivi, come scioperi o assenze, non sono consentiti per i dipendenti pubblici nello stato della Florida, l'università potrebbe spingere il personale frustrato a entrare in una fase di lavoro secondo le regole - in cui i dipendenti fanno il minimo richiesto - per esprimere il loro disappunto, ha detto Mermer.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Per l'istruttrice laureata che era troppo preoccupata di affrontare le conseguenze per identificarsi, l'unica opzione che vede è ribadire i problemi di sicurezza alla sua classe e sperare che il virus non diventi di nuovo un problema.

'Non è sicuro non c'è un punto preciso in cui c'è troppo [spread]', ha detto.

Per saperne di più:

Per alcuni studenti bisognosi, il campus è un luogo sicuro, ma solitario, in cui vivere durante la pandemia

Il piano pandemico primaverile di Harvard potrebbe raddoppiare il numero di studenti universitari nel campus