Cosa devi sapere sui test standardizzati

Cosa devi sapere sui test standardizzati

Diane Ravitch è un ex assistente segretario all'istruzione e storico. Per più di un decennio, è stata una delle principali sostenitrici del sistema di istruzione pubblica americana e una critica del moderno movimento di 'responsabilità' che ha basato le misure di miglioramento della scuola in gran parte su test standardizzati di alto livello.

Nel suo influente libro del 2010, “ La morte e la vita del grande sistema scolastico americano ', Ravitch ha spiegato perché ha abbandonato il suo sostegno a No Child Left Behind, l'iniziativa principale per l'istruzione del presidente George W. Bush, e per la 'riforma' scolastica standardizzata basata su test.

Ravitch ha lavorato dal 1991 al 1993 come assistente segretario responsabile della ricerca e del miglioramento nel dipartimento dell'istruzione del presidente George H.W. Bush, e servì come consigliere dell'allora Segretario all'Istruzione Lamar Alexander, che aveva appena lasciato il Senato dove era stato presidente del Comitato per l'Istruzione del Senato. Era alla Casa Bianca come parte di un gruppo selezionato quando George W. Bush ha delineato per la prima volta No Child Left Behind (NCLB), un momento che all'epoca, secondo lei, l'ha resa 'eccitata e ottimista' sul futuro dell'istruzione pubblica.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Ma la sua opinione è cambiata quando NCLB è stato implementato e ha studiato i suoi effetti sull'insegnamento e l'apprendimento. Ha scoperto che il mandato NCLB per le scuole di dare test standardizzati annuali ad alto rischio in matematica e arti della lingua inglese ha portato a una riduzione del tempo - o all'eliminazione totale - delle lezioni di scienze, studi sociali, arti e altre materie.

Era una critica delle politiche del presidente Barack Obama e della sua principale iniziativa educativa, Race to the Top, una competizione multimiliardaria in cui gli stati (e i distretti successivi) potevano vincere fondi federali promettendo di adottare revisioni controverse, inclusi i Common Core State Standards , scuole charter e responsabilità che hanno valutato gli insegnanti in base ai punteggi dei test degli studenti.

Nel 2013, ha co-fondato un gruppo di advocacy chiamato Network for Public Education, una coalizione di organizzazioni che si oppongono alla privatizzazione dell'istruzione pubblica e ai test standardizzati ad alto rischio. Da allora ha scritto molti altri libri di successo e un blog popolare incentrato principalmente sull'istruzione.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

È stata anche nominata dal presidente Bill Clinton al Consiglio di amministrazione della valutazione nazionale, che sovrintende alla valutazione nazionale federale del progresso educativo, e ha prestato servizio per sette anni.

Nel seguente post, fornisce una panoramica storica dei test standardizzati e contesta i sostenitori che affermano che questi esami forniscono dati che aiutano insegnanti e studenti. Invece, dice, non hanno alcun valore in classe.

L'argomento ha risonanza in questo momento perché l'amministrazione Biden deve decidere a breve se concedere agli Stati una deroga al mandato federale di test annuale. L'amministrazione Trump lo ha fatto l'anno scorso dopo che le scuole hanno chiuso bruscamente quando la pandemia di coronavirus ha preso piede negli Stati Uniti, ma ha detto che non lo avrebbe fatto di nuovo se il presidente Donald Trump avesse vinto la rielezione. Trump ha perso e ora il Dipartimento dell'Istruzione di Biden è sotto crescente pressione per concedere agli Stati il ​​permesso di non amministrare i test del 2021.

Più stati chiedono deroghe federali ai test standardizzati poiché il dipartimento dell'istruzione di Biden estende la scadenza per le richieste

L'amministrazione Biden ha esortato a consentire agli stati di annullare i test standardizzati di primavera

Di Diane Ravitch

Scrivo di test standardizzati da più di 20 anni. Il mio libro del 2000, “ Terzino sinistro: un secolo di battaglie sulla riforma della scuola, ” includeva una storia di I.Q. testing, che si è evoluto nei test standardizzati utilizzati nelle scuole e nel test attitudinale scolastico, noto ora semplicemente come SAT. Gli psicologi che hanno progettato questi test all'inizio del XX secolo credevano, erroneamente, che avessi ereditato 'l'intelligenza' dalla tua famiglia e che nulla di ciò che avresti potuto fare l'avrebbe cambiata. La virtù principale di questi test era che erano 'standardizzati', il che significa che tutti facevano gli stessi. Il Q.I. test è stato applicato allo screening delle reclute per la prima guerra mondiale, utilizzato per separare gli uomini di alto intelletto - materiale ufficiale - e da quelli di basso intelletto, che sono stati inviati in prima linea.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Quando gli psicologi hanno esaminato i risultati del test, hanno concluso che i maschi bianchi di origine nordeuropea avevano il Q.I. più alto, mentre le persone non di lingua inglese e i neri avevano il Q.I. più basso. Hanno trascurato il fatto che i neri del nord avevano un Q.I. punteggi dei bianchi degli Appalachi nei test mentali dell'esercito. Sulla base di questi test, gli psicologi credevano, erroneamente, che razza e Q.I. erano legati insieme.

Uno degli psicologi che ha contribuito a creare il Q.I. in tempo di guerra. test è stato Carl C. Brigham della Princeton University. Ha scritto un libro influente, intitolato 'A Study of American Intelligence', nel 1923, che proclamava che la razza 'nordica' aveva la più alta intelligenza e che il numero crescente di immigrati dall'Europa meridionale e orientale stava causando un declino dell'intelligence americana.

Le sue scoperte hanno incoraggiato il Congresso a fissare quote per limitare l'immigrazione dei cosiddetti gruppi nazionali 'inferiori' da luoghi come Russia, Polonia e Italia. Brigham, un membro della facoltà di Princeton, ha usato la sua conoscenza del Q.I. test per sviluppare il test attitudinale scolastico nel 1926. Poiché potevano essere valutati facilmente ed economicamente dalla macchina, i test SAT alla fine sostituirono i ben noti 'College Boards', che erano esami scritti preparati e valutati da squadre di insegnanti di scuola superiore e college professori.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

I test standardizzati sono apparsi occasionalmente nelle scuole americane nella seconda metà del 20 ° secolo, ma i test sono stati selezionati e utilizzati per volontà dei consigli scolastici statali e locali. Il test attitudinale scolastico era importante per l'ammissione al college, specialmente per il numero relativamente piccolo di college d'élite. Tuttavia, era possibile frequentare una scuola pubblica americana dall'asilo fino al 12° grado senza mai sostenere un test standardizzato di abilità accademiche o mentali.

Questo stato di cose iniziò a cambiare dopo la pubblicazione del rapporto 'Nation at Risk' dell'amministrazione Reagan nel 1983. Quel rapporto affermava che le scuole pubbliche della nazione erano impantanate in 'una marea crescente di mediocrità' perché erano troppo facili. I politici e i leader dell'istruzione si convinsero che l'istruzione americana necessitava di standard più elevati e aveva bisogno di test per misurare le prestazioni degli studenti su standard più elevati.

Il presidente George H.W. Bush ha convocato un vertice nazionale dei governatori nel 1989, che ha proclamato sei obiettivi nazionali per l'anno 2000 in materia di istruzione, tra cui:

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità
  • Entro l'anno 2000, gli studenti degli Stati Uniti saranno i primi al mondo in matematica e scienze.
  • Entro l'anno 2000, tutti gli studenti lasceranno le classi 4, 8 e 12 avendo dimostrato competenza su materie impegnative tra cui inglese, matematica, scienze, lingue straniere, educazione civica e governo, economia, arte, storia e geografia.

Tali obiettivi implicavano la misurazione. Hanno implicato l'introduzione di test standardizzati diffusi.

Nel 1994, il presidente Bill Clinton ha introdotto il suo programma Goals 2000, che concedeva sovvenzioni a ogni stato per scegliere i propri standard e test.

Nel 2001, il presidente George W. Bush ha presentato la sua legislazione No Child Left Behind, che richiedeva a tutti gli studenti dalle classi 3 a 8 di sostenere un test standardizzato in lettura e matematica ogni anno, oltre a un test al liceo. I punteggi dei test sarebbero stati usati per giudicare le scuole e alla fine per punire coloro che non sono riusciti a fare progressi verso il raggiungimento di competenze da parte di ogni studente in quei test. La legge NCLB ha proclamato che entro il 2014, praticamente ogni studente avrebbe raggiunto la competenza in lettura e matematica. Gli autori di NCLB sapevano che l'obiettivo era impossibile da raggiungere.

L'inizio della fine dell'ossessione americana per i test standardizzati

Quando Barack Obama divenne presidente, scelse Arne Duncan come segretario all'istruzione. L'amministrazione Obama ha abbracciato il regime NCLB. Il suo stesso programma - Race to the Top - ha irrigidito le sanzioni di NCLB.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Non solo le scuole che non hanno ottenuto punteggi sufficientemente alti nei test sarebbero state punite, forse chiuse o privatizzate per non aver raggiunto gli obiettivi utopici, ma gli insegnanti sarebbero stati scelti individualmente se gli studenti delle loro classi non avessero ottenuto punteggi più alti ogni anno.

L'approccio Bush-Obama è stato riconosciuto come il 'consenso bipartisan' nell'istruzione, costruito attorno a test annuali, responsabilità per studenti, insegnanti, presidi e scuole e competizione tra le scuole. Race to the Top ha incoraggiato gli stati ad autorizzare la legislazione sulle scuole charter e ad aumentare il numero di charter gestiti privatamente e ad approvare una legislazione che legasse le valutazioni degli insegnanti ai punteggi dei test dei loro studenti.

Duncan ha anche promosso i Common Core State Standards, che sono stati sottoscritti dal filantropo Bill Gates; il Dipartimento dell'Istruzione degli Stati Uniti non poteva dare mandato al Common Core, ma richiedeva agli stati di adottare 'standard nazionali comuni' se volevano essere idonei a competere per una quota dei 4,35 miliardi di dollari di finanziamenti federali che il dipartimento controllava come parte del recupero fondi dopo la Grande Recessione del 2008-09.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Il dipartimento è stato in grado di sovvenzionare lo sviluppo di due nuovi test nazionali allineati al Common Core, la Partnership for Assessment of Readiness for College and Careers (PARCC) e lo Smarter Balanced Assessment Consortium (SBAC). All'inizio, nel 2010, quasi tutti gli stati hanno aderito a uno dei due consorzi di sperimentazione. PARCC aveva 24 membri statali; ora è sceso a due e al Distretto di Columbia. SBAC ha iniziato con 30 membri dello stato; è sceso a 17

I politici e il pubblico in generale ritengono che i test siano buoni perché forniscono informazioni preziose. Pensano che i test siano necessari per l'equità tra i gruppi razziali ed etnici.

Questo è sbagliato.

La storia continua sotto la pubblicità

I test sono una misura, non un rimedio.

I test vengono somministrati agli studenti ogni anno a marzo e all'inizio di aprile. Gli insegnanti di solito non sono autorizzati a vedere le domande. I risultati dei test vengono restituiti alle scuole in agosto o settembre. Gli studenti hanno insegnanti diversi per allora. I loro nuovi insegnanti vedono i punteggi dei loro studenti, ma non sono autorizzati a sapere quali domande gli studenti hanno risposto correttamente o sbagliato.

Pertanto, gli insegnanti non imparano dove gli studenti hanno bisogno di ulteriore aiuto o quali lezioni devono essere riviste.

Tutto ciò che ricevono è un punteggio, così imparano dove gli studenti si sono classificati rispetto agli altri e rispetto agli studenti in tutto lo stato e la nazione.

Questo ha poco valore per gli insegnanti.

Sarebbe come andare da un dottore con un dolore allo stomaco. Il dottore ti dà una serie di test e dice che avrà i risultati in sei mesi. Quando vengono riportati i risultati, il medico ti dice che sei nel 45° percentile rispetto ad altri con un dolore simile, ma non prescrive nessun farmaco perché il test non dice cosa ha causato il tuo dolore o dove è situato.

I test sono un vantaggio per la società di test. Per insegnanti e studenti, sono inutili.

I punteggi dei test standardizzati sono altamente correlati con il reddito familiare e l'istruzione. Gli studenti provenienti da famiglie benestanti ottengono i punteggi più alti. Quelli provenienti da famiglie povere ottengono i punteggi più bassi. Questo è il caso di ogni test standardizzato, sia esso statale, nazionale, internazionale, SAT o ACT. A volte i bambini poveri ottengono punteggi alti, e talvolta i bambini di famiglie benestanti ottengono punteggi bassi, ma sono valori anomali. I test standardizzati conferiscono privilegio a chi è già avvantaggiato e stigmatizzano chi ha meno. Non sono e non saranno mai, per loro stessa natura, un mezzo per promuovere l'equità.

Inoltre, i test standardizzati sono normati su una curva a campana. Ci sarà sempre una metà inferiore e una metà superiore. Le lacune nei risultati non si colmeranno mai, perché le curve a campana non si chiudono mai. Questo è il loro design. Al contrario, chiunque sia maggiorenne può ottenere la patente di guida se supera i test richiesti. L'accesso alle patenti di guida non si basa su una curva a campana. Se lo fossero, circa il 35-40 percento degli adulti non otterrebbe mai una patente di guida.

Se sei un genitore, non imparerai nulla dal punteggio del test di tuo figlio. Non ti interessa davvero come si posiziona rispetto ad altri della sua età nello stato o in un altro stato. Vuoi sapere se sta tenendo il passo con i suoi compiti, se partecipa alla lezione, se capisce il lavoro, se è entusiasta della scuola, come va d'accordo con i suoi coetanei. I test standardizzati non risponderanno a nessuna di queste domande.

Quindi, come può un genitore scoprire ciò che vuole sapere? Chiedi all'insegnante di tuo figlio.

Chi dovrebbe scrivere i test? Gli insegnanti dovrebbero scrivere i test, in base a ciò che hanno insegnato in classe. Possono ottenere risposte immediate e sapere esattamente cosa hanno capito i loro studenti e cosa non hanno capito. Possono tenere una conferenza con Johnny o Maria per rivedere ciò che hanno perso in classe e aiutarli a imparare ciò che devono sapere.

Ma come sapremo come stiamo andando come città, stato o nazione? Come faremo a sapere dei divari di rendimento e se stanno diventando più grandi o più piccoli?

Tutte queste informazioni sono già disponibili nei rapporti del National Assessment of Educational Progress (NAEP), e molto altro ancora. I punteggi sono disaggregati per stato, genere, razza, stato di disabilità, stato di povertà, conoscenza della lingua inglese e molto altro. Circa 20 città si sono offerte volontarie per essere valutate e ottengono le stesse informazioni.

Mentre ci avviciniamo alla riautorizzazione dell'Every Student Succeeds Act - la legge successiva a No Child Left Behind - è importante conoscere questa storia e questo contesto. Nessuna nazione ad alte prestazioni al mondo mette alla prova ogni studente dalla terza all'ottava classe ogni anno.

Possiamo dire con certezza che il programma No Child Left Behind non è riuscito a raggiungere il suo scopo di non lasciare indietro nessun bambino.

Possiamo affermare con certezza che il programma Race to the Top non è riuscito ad elevare i punteggi dei test della nazione 'al vertice'.

Possiamo dire con certezza che la legge Every Student Succeeds non ha raggiunto il suo scopo di assicurare che ogni studente avrebbe avuto successo.

Negli ultimi 10 anni, nonostante (o forse a causa di) questo diluvio di programmi federali invadenti, i punteggi alla NAEP sono stati piatti. Le leggi ei programmi federali sono andati e venuti e non hanno avuto alcun impatto sui punteggi dei test, che era il loro scopo.

È tempo di pensare in modo diverso. È tempo di allentare la mano pesante della regolamentazione federale e di ricordare gli scopi originali dell'Elementary and Secondary Education Act del 1965: distribuire fondi agli studenti e alle scuole più bisognose; sostenere la formazione professionale degli insegnanti; e per assicurare i diritti civili degli studenti.

Il governo federale non dovrebbe imporre test o dire alle scuole come 'riformarsi', perché il governo federale non ha le conoscenze, il know-how o l'esperienza per riformare le scuole.

In questo momento critico, mentre guardiamo oltre le terribili conseguenze della pandemia, le scuole americane affrontano una grave carenza di insegnanti. Il governo federale può aiutare gli stati a raccogliere fondi per pagare gli stipendi professionali agli insegnanti professionisti. Può aiutare a pagare per programmi di scuola materna di alta qualità. Può sostenere il costo dei pasti per gli studenti e aiutare a pagare gli infermieri in ogni scuola.

L'istruzione americana migliorerà quando il governo federale farà ciò che sa fare meglio e consentirà a insegnanti altamente qualificati e scuole con risorse adeguate di fare ciò che sanno fare meglio.