Quali caselle controllare? Gli aspiranti al college pesano la razza, l'identità e l'azione affermativa.

Quali caselle controllare? Gli aspiranti al college pesano la razza, l'identità e l'azione affermativa.

Il background di Sabria Kazmi sfida le facili classificazioni. Ha nonni dal Tennessee, dall'Iraq e da due paesi dell'Asia meridionale.

Quindi, quando la diciottenne ha compilato la domanda per il college, si è interrogata su quali caselle controllare. Il compito è tanto più delicato quest'anno in mezzo al crescente dibattito sul ruolo della razza e dell'etnia nelle ammissioni.

In primo luogo, Kazmi è venuto al bianco. Dai un'occhiata. poi asiatico. Dai un'occhiata. Seguono mediorientali e pakistani. Controlla, controlla. Ha trovato uno spazio vuoto per scrivere nelle sue radici bengalesi.

Kazmi, un liceale della Virginia del Nord, avrebbe potuto andare oltre perché una nonna è in parte Cherokee. Ma lei si è fermata lì.

'Ricordo che una volta qualcuno mi disse qualcosa del tipo: 'Oh, dovresti inserire i nativi americani nelle tue domande di college. Ti aiuterà', ha detto Kazmi. 'Naturalmente non l'ho fatto perché non sarebbe giusto per me affermare di avere la stessa cultura e di aver affrontato gli stessi ostacoli di qualcuno con una connessione più ampia con i propri antenati nativi americani'.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Il turbolento dibattito nazionale sull'azione affermativa nelle ammissioni al college ha sollevato la posta in gioco per queste domande sull'identità. Centinaia di migliaia di candidati sono alle prese con se e come descrivere la loro razza ed etnia e cosa dovrebbero significare tali informazioni per i guardiani che leggono i loro file.

'C'è molto interesse nell'identificarsi - 'chi sono' e cosa significa', ha affermato Annie Reznik, direttrice esecutiva della Coalition for College, un'organizzazione no profit che fornisce un portale di candidatura online. 'Una forza trainante di ciò è riconoscere la frustrazione che gli studenti provano quando vengono incasellati in una scatola che non pensano sia applicabile'.

Quest'anno, i college competitivi stanno affrontando un esame più approfondito a causa di una causa federale che accusa l'Università di Harvard di discriminare gli americani asiatici. Harvard ha negato le accuse durante un processo questo autunno che ha esplorato il suo uso della razza nelle applicazioni di pesatura. La sentenza è attesa nei prossimi mesi. Il caso potrebbe minacciare gli sforzi di azione affermativa a livello nazionale se raggiunge la Corte Suprema.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Harvard e altre scuole che utilizzano ammissioni 'consapevoli della razza' affermano che la razza è un fattore tra i tanti nella revisione di tutti gli aspetti di una domanda. Dicono che la diversità razziale porti vantaggi educativi convincenti al campus. I critici affermano che nessuno di questi benefici supera il danno arrecato ai candidati che potrebbero perdere la possibilità di frequentare un college prestigioso perché non sono nati in una fascia demografica desiderata.

Schede, valutazioni e 'consigli': come Harvard seleziona gli studenti

In una delle migliori scuole superiori della nazione, Kazmi e altri sei studenti profondamente consapevoli di questo dibattito hanno lottato con identità, equità e ambizione in una recente conversazione con il Washington Post. I funzionari della Thomas Jefferson High School for Science and Technology nella contea di Fairfax, in Virginia, hanno aiutato The Post a convocarli per un focus group di 90 minuti su razza e ammissioni. Gli anziani, che puntavano tutti a collegi selettivi, avevano punti di vista forti e talvolta contrastanti.

Wenxi Huang, 17 anni, ha confessato di avere una 'sensazione di prurito e fastidio' quando ha spuntato la casella sulla sua domanda che indicava origini asiatiche. Lo studente cinese americano ha ritenuto che le informazioni dovessero essere irrilevanti nelle decisioni di ammissione. 'Voglio solo vivere in un paese in cui la mia razza non ha importanza', ha detto. “Dove non vengo mai giudicato o scelto o escluso per la mia gara”.

Jennifer Hernández, anche lei 17enne, americana salvadoregna, vuole che i college tengano conto di razza ed etnia. La sua identità ispanica 'è qualcosa che mi rende quello che sono', ha detto. “Si aggiunge al mio carattere e aggiunge alla mia personalità.”

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Questi argomenti sono familiari alla Thomas Jefferson High, nota come TJ. Il liceo pubblico selettivo, con circa 1.800 studenti provenienti da tutta la regione, invia ogni anno laureati ai migliori college.

TJ seleziona i candidati per la sua classe di terza media attraverso i punteggi dei test, i voti, i saggi e le raccomandazioni degli insegnanti. Circa il 70% dei suoi studenti è di origine asiatica e circa il 21% è bianco, secondo dati della contea . Meno del 5% sono neri o ispanici, una statistica che alimenta il dibattito perenne nella Virginia del Nord sull'accesso e l'equità. (Un altro 5% si identifica come multirazziale.)

Il team di ammissione di TJ non considera la razza. Ma molti college selettivi lo fanno e vogliono quanti più dettagli possono ottenere.

La storia continua sotto la pubblicità

La Coalition for College and the Common Application, un altro portale online per i candidati al college, consente agli studenti di scegliere tutti gli identificatori razziali ed etnici che desiderano o di lasciare la sezione vuota. Circa 40.000 utenti di app comuni nell'ultimo ciclo non hanno rivelato razza o etnia, il 3,7 percento del totale.

Per la Coalition for College, il 2% di circa 108.000 utenti ha rifiutato di rispondere. Reznik ha affermato che i dati suggeriscono che la maggior parte dei candidati è desiderosa di condividere il più possibile sulla razza o l'etnia. Più del 97%, ha detto, ha risposto a domande di follow-up che hanno permesso loro di individuare un luogo o una regione di origine. Ad esempio, gli utenti che si sono identificati come ispanici o latini potrebbero quindi fare clic su una o più caselle da un menu di Cuba, Messico, Porto Rico, Spagna, America centrale o America meridionale. Oppure potrebbero riempire uno spazio vuoto per dare un'altra risposta.

Ethan Phillips, 17 anni, un anziano di TJ, ha detto di essersi fermato brevemente sulla questione della razza e di essersi consultato con i suoi genitori. Aveva sentito dire che l'identificazione come bianca avrebbe potuto avere 'un effetto negativo sul resto della domanda'.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Phillips ha valutato se potesse, o dovrebbe, notare l'eredità di immigrati irlandesi della sua famiglia. 'I miei genitori e i miei nonni provenivano da agricoltori e operai del Missouri', ha detto. 'Fa parte della mia storia.' Ma non sembrava esserci un modo semplice per indicare tutto ciò. Spuntava la casella 'bianca' e andava avanti.

Phillips ha affermato di essere favorevole alla considerazione di razza ed etnia fintanto che tali fattori non determinano la decisione finale. 'C'è una grande differenza tra l'uguaglianza di opportunità e l'uguaglianza di risultato', ha detto. 'Dobbiamo garantire che ogni studente abbia pari opportunità di entrare nel college che desidera'.

Diversi studenti erano in sintonia con l'idea che i college dovrebbero considerare fortemente altri elementi nel background di un candidato, come il reddito familiare, l'istruzione dei genitori e persino l'origine geografica.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'Perché i bambini dell'Idaho non hanno le stesse cose dei bambini di NoVa', ha detto Pari Parajuli, 17 anni, usando una scorciatoia per la Virginia del Nord. Ma ha detto che anche la razza dovrebbe essere presa in considerazione come una questione di giustizia sociale. 'Fornisce più contesto', ha detto. Parajuli ha identificato sulla sua domanda come asiatica e ha scritto nella sua eredità nepalese.

Michael Yohannes, 17 anni, figlio di immigrati eritrei, che si identifica come afroamericano, ha affermato che l'azione affermativa basata sulla razza dovrebbe essere utilizzata in tandem con l'azione affermativa socioeconomica. In altre parole, ha detto, i college dovrebbero cercare di aiutare i gruppi razziali emarginati che hanno anche bisogno di denaro. 'Non credo che il reddito più alto dovrebbe avere quel tipo di azione affermativa applicata a loro', ha detto.

Yohannes ha anche affermato di essere dubbioso sull'idea che gli studenti neri con una recente eredità di immigrati africani dovrebbero ottenere lo stesso beneficio nel processo di quelli i cui antenati hanno secoli di radici in America e la sua lunga storia con la schiavitù e Jim Crow. 'Non penso che dovrebbe accadere', ha detto, 'anche se so che sta andando contro il mio background. Ma sto solo dicendo, sul concetto di equità'.

Sebastián Ibarrarán, 17 anni, figlio di immigrati messicani, ha affermato che razza ed etnia rimangono fondamentali per comprendere il background dei richiedenti, indipendentemente dal reddito familiare. Ha notato che vive a McLean, un ricco sobborgo, e proviene da una famiglia con esperienza nell'istruzione superiore. Sulla carta, ha detto, potrebbe sembrare quasi uguale a molti dei suoi vicini bianchi che non sono ispanici.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

'Ma il fatto è che nessuna di queste persone che vivevano intorno a me, non ha mai avuto a che fare con, in quinta elementare, uno dei loro amici che diceva: 'Oh, i messicani sono stupratori e drogati'', ha detto Ibarrarán. Né, ha detto, quei vicini hanno affrontato ipotesi sulle credenziali educative degli studenti ispanici.

Ibarrarán ha detto che spesso percepisce critiche da parte di persone che credono che non debba sforzarsi tanto quanto i suoi coetanei per entrare nei migliori college, che i suoi punteggi SAT non devono essere così alti per fare il taglio. 'Non solo è davvero difficile', ha detto, 'ma è anche falso perché questi college in realtà vedono molto più di quanto pensi di vedere'.

Hernández ha affermato che esperienze simili modellano le sue opinioni. È diventata emotiva quando ha ricordato le 'differenze nelle aspettative' che ha dovuto affrontare mentre cresceva come studentessa ispanica accettata in una scuola superiore pubblica altamente competitiva. Ha detto che ha sopportato scherni sulla probabilità che lei diventasse una mamma adolescente prima di diventare uno scienziato. (Per la cronaca, non è una madre.) Ci sono quelli, ha detto, “che pensano che tu sia arrivato qui perché non te lo sei guadagnato. Anche se l'hai fatto. Hai lavorato duramente, forse anche il doppio, forse il triplo, per arrivare dove sei. Ma non viene mai riconosciuto'.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Huang si è detto convinto che l'azione affermativa basata sulla razza sia razzista. 'Non posso tollerarlo', ha detto. Ma Huang ha detto che apprezza la diversità razziale nei campus universitari e confida che gli ufficiali di ammissione possano farlo accadere osservando altri elementi sullo sfondo dei candidati. La diversità razziale, ha detto, “non dovrebbe essere la prima cosa che guardi. Dovrebbe essere qualcosa che accade naturalmente in base alla diversità in altri aspetti”.

Questo mese, gli studenti di alto livello a TJ e altrove stanno ascoltando la prima ondata di decisioni sulle domande di ammissione al college. Molti si chiederanno perché sono stati rifiutati anche se hanno voti e punteggi dei test stellari. Con ogni probabilità, non sapranno mai quale ruolo ha avuto la razza, se ce ne sono stati. 'Quando ti viene negato il college', ha detto Ibarrarán, 'non ti mandano una lettera con una ragione per cui sei stato rifiutato'.